La primavera di Praga

primavera di Praga
I civili affollano un carro armato sovietico durante la Primavera di Praga

La Primavera di Praga è stata un tentativo di moderare e ammorbidire il comunismo in Cecoslovacchia durante la metà degli anni '1960. L'esperimento fu di breve durata, tuttavia, l'Unione Sovietica che guidava a Patto di Varsavia invasione della Cecoslovacchia. Quando l'Armata Rossa entrò a Praga nell'agosto del 1968, non fu accolta da un'opposizione violenta, ma da un popolo unito dietro il suo governo riformista e contro il pugno di ferro del comunismo sovietico.

sfondo

primavera di Praga
Un poster di propaganda del leader ceco Klement Gottwald (a destra) e Stalin

La Cecoslovacchia era una nazione relativamente giovane, formata alla fine del prima guerra mondiale. Fu invaso dai nazisti all'inizio della seconda guerra mondiale, poi liberato dall'Armata Rossa sovietica in 1945.

Inserita tra Germania orientale, Ungheria, Polonia e Romania, la Cecoslovacchia era un altro paese dell'Europa orientale inghiottito dal blocco sovietico alla fine degli 1940. In 1946, il Partito comunista ha preso il potere in Cecoslovacchia dopo le elezioni, dove ha vinto lo 38 per cento dei voti e lo 31 per cento dei seggi parlamentari.

Nel corso dei prossimi due anni, le politiche comuniste si dimostrarono impopolari con molti cecoslovacchi. L'abuso della polizia e delle forze armate, la nazionalizzazione dell'industria, i piani di collettivizzazione delle fattorie e l'interferenza sovietica nella politica interna cecoslovacca hanno eroso il sostegno al Partito comunista locale.

I comunisti avrebbero dovuto perdere il potere nelle elezioni previste per metà 1948, ma queste elezioni non si sono mai tenute. In 1948, con i carri armati sovietici ammassati minacciosamente al confine, i comunisti cecoslovacchi presero il controllo completo della nazione in un colpo senza sangue. Klement Gottwald, un ex ebanista fedele a Mosca e alle politiche di Stalin, divenne il nuovo presidente. Tutti gli altri partiti politici furono banditi e fu imposta la censura dei media. Quattordici ex leader politici sono stati sottoposti a processi dimostrativi e la maggior parte è stata giustiziata.

Stagnazione e riforma

Come in altri stati satelliti sovietici, il nuovo regime si concentrò principalmente sull'industrializzazione. All'inizio degli anni '1960, tuttavia, l'economia nazionale della Cecoslovacchia aveva cominciato a ristagnare. Il paese dipendeva dalle importazioni di cibo, ma il suo settore industriale non era in grado di confrontarle con le esportazioni. Per i cecoslovacchi comuni, il tenore di vita si stava rapidamente deteriorando. Cibo e beni di consumo erano difficili da ottenere e molto costosi.

Gli intellettuali hanno criticato la pianificazione economica centralizzata del governo comunista Notevolmente per uno stato del blocco sovietico, il governo ha cominciato ad ascoltare.

In 1965, il governo di Praga ha accettato un pacchetto di riforme proposte chiamato Nuovo modello economico. Questa proposta raccomandava l'adozione di caratteristiche capitalistiche, come la rimozione dei controlli sui prezzi e sui salari. Ai dirigenti delle fabbriche e ai burocrati doveva essere data maggiore libertà nel processo decisionale in modo da poter rispondere alla disponibilità delle risorse e alle esigenze del mercato.

Cambiamenti fondamentali al socialismo

primavera di Praga
Alexander Dubcek, che ha guidato il governo cecoslovacco durante la primavera di Praga

Questa spinta alla riforma crebbe nella primavera del 1968 quando il Partito Comunista locale pubblicò un altro manifesto, il Piano d'Azione. Questo ha invitato la Cecoslovacchia ad adottare la propria forma di socialismo - soprannominato "socialismo dal volto umano" - invece di seguire ciecamente le politiche sovietiche.

Secondo il piano d'azione, il socialismo cecoslovacco sarebbe fondamentalmente democratico, tollerante nei confronti del dibattito e delle opinioni diverse. I diritti e le libertà individuali, come la libertà di parola e la possibilità di viaggiare all'estero, sarebbero protetti dalla legge.

L'impatto delle riforme cecoslovacche si propagò nel blocco sovietico e risuonò forte a Mosca. Il Politburo sovietico ha tenuto tre giorni di riunioni il 15-17 agosto per discutere la situazione in Cecoslovacchia. L'ultimo giorno, il Politburo ha rilasciato una dichiarazione in cui osservava che "tutti i mezzi politici di assistenza" erano stati esauriti e che il governo cecoslovacco non era in grado di "respingere le forze di destra e antisocialiste".

I sovietici rispondono

primavera di Praga
Un uomo locale discute con un soldato sovietico. La resistenza pacifica era il segno distintivo della primavera di Praga

La dichiarazione del Politburo era de facto ultimatum a Praga: riavvolgere le riforme o affrontare un'occupazione militare. Il governo cecoslovacco ha ignorato l'ultimatum, che ha indotto una riunione dei delegati del Patto di Varsavia. Lì, hanno iniziato a pianificare e giustificare l'azione militare.

L'incontro del Patto di Varsavia ha dichiarato la Cecoslovacchia uno stato canaglia e ha autorizzato un'invasione. Nel mese di agosto 21st 1968, intorno alle truppe del Patto di Varsavia 200,000 attraversarono i confini in Cecoslovacchia. Il governo di Praga, guidato da Alexander Dubcek, decise di non resistere all'invasione, così alle forze armate cecoslovacche fu ordinato di rimanere nelle loro caserme.

L'assenza di opposizione militare ha sorpreso le truppe d'invasione del Patto di Varsavia, che avevano anticipato una forte resistenza. Ciò che li allarmò di più fu la risposta dei cittadini cecoslovacchi.

Le truppe d'invasione sono state accolte per le strade da civili, armati non di armi ma di parole, cartelli e proteste. Hanno demolito e sostituito i segnali stradali in modo che i carri armati invasori non potessero individuare edifici importanti. Si sono radunati in folle nelle strade principali, fuori dagli edifici pubblici e dalle infrastrutture, bloccando la strada e molestando i soldati del Patto di Varsavia. Poster e graffiti con la scritta "I russi vanno a casa!" erano intonacate in tutta Praga.

La gente del posto ha coinvolto gli invasori in dibattiti, chiedendo perché avevano invaso la Cecoslovacchia e invitandoli a unirsi alla rivolta. Un gruppo di ribelli si è barricato all'interno della principale stazione radio di Praga, trasmettendo messaggi stimolanti e critiche all'Unione Sovietica. Più di 100,000 persone hanno riempito la strada fuori dalla stazione radio, un tentativo di proteggerla dalle truppe inviate a chiuderla. La stazione radio alla fine è stata invasa, ma le emittenti si sono interrotte e hanno continuato a trasmettere da lì.

Le riforme sono tornate indietro

Sebbene ci fossero pochi combattimenti e meno di 80 persone furono uccise, la Primavera di Praga era sempre destinata a fallire. Membri del governo cecoslovacco, tra cui Dubcek, furono localizzati, arrestati e trasferiti a Mosca.

Sebbene non siano stati danneggiati, Dubcek ei suoi sostenitori sono stati sottoposti a intense pressioni, intimidazioni e probabilmente minacce, prima di essere restituiti a Praga una settimana dopo. Dubcek disse alla sua gente che Mosca lo aveva autorizzato a continuare con un programma di "riforme moderate" - ma in pochi mesi era stato sostituito da Gustav Husak, un comunista più fedele alle politiche sovietiche.

Tra il 1969 e il 1971, il regime di Husak si è imbarcato in quella che ha chiamato "normalizzazione": essenzialmente un "riavvolgimento" delle riforme avviate dal governo Dubcek. I politici, i burocrati e gli accademici riformisti furono rimossi dalle posizioni di influenza; i poteri della polizia e la censura furono ripristinati; sono stati ripristinati i controlli economici centralizzati. Husak sarebbe rimasto al potere in Cecoslovacchia per tutta la durata della Guerra Fredda.

Risposta internazionale

primavera di Praga
Un fumetto che raffigura la risposta sovietica agli eventi di Praga

L'incursione di Mosca in Cecoslovacchia ha suscitato una diffusa critica internazionale. Alle Nazioni Unite, diversi stati membri hanno sostenuto una risoluzione che condanna l'intervento sovietico, sebbene fallisca a causa del veto dell'URSS.

La reazione americana è stata relativamente mite, principalmente perché gli Stati Uniti e la loro leadership erano più concentrati sul peggioramento del pantano del Guerra del Vietnam; Anche le relazioni tra Stati Uniti e Unione Sovietica erano state allentate e presidente Lyndon Johnson non voleva antagonizzare Mosca.

I comunisti europei non sovietici hanno condannato l'invasione della Cecoslovacchia come un atto di imperialismo. I leader di Finlandia, Romania e Albania hanno tutti criticato il modo in cui Mosca ha trattato Praga. C'è stata persino una piccola ma visibile protesta nella stessa Mosca, sebbene questa sia stata rapidamente soppressa.

Il punto di vista di uno storico:
“Ironia della sorte, l'invasione della Cecoslovacchia del Patto di Varsavia del 1968 stabilizzò la regione dove era iniziata la Guerra Fredda e fornì una solida base per la distensione. Dopo il 1968, nessuna delle due parti prese seriamente in considerazione l'idea di entrare in guerra in Europa, per non parlare della guerra nucleare. Durante la crisi cecoslovacca entrambe le parti "hanno mostrato una disposizione prudente a sottovalutare le proprie forze e sopravvalutare la forza dell'avversario", conclude uno studioso. [Lyndon] L'inazione di Johnson e il marcato distacco durante la Primavera di Praga, e in risposta all'invasione del Patto di Varsavia, segnarono anche l'inizio della fine dell'egemonia degli Stati Uniti nell'arena globale ".
Gunter Bischof

praga della guerra fredda

1. La primavera di Praga è stata un tentativo pacifico ma senza successo di liberalizzare e riformare il socialismo in Cecoslovacchia. Fu soppresso da un'invasione sovietica nell'agosto 1968.

2. La Cecoslovacchia fu liberata e occupata dalle truppe sovietiche dopo la seconda guerra mondiale. Dopo un colpo di stato comunista in 1948, divenne uno stato socialista a partito unico sotto un leader stalinista.

3. Come altre nazioni del blocco sovietico, la Cecoslovacchia ha adottato politiche economiche centralizzate incentrate sulla crescita industriale. La sua economia ha ristagnato, tuttavia, portando a carenze e dipendenza dalle importazioni.

4. All'inizio degli anni '1960, l'opinione pubblica e le critiche alla politica videro il governo ceco adottare una serie di riforme. Il suo scopo dichiarato era quello di adottare il "socialismo dal volto umano".

5. Le nazioni del Patto di Varsavia hanno risposto con un ultimatum per respingere queste riforme. Quando questo ultimatum fu ignorato, le truppe del Patto di Varsavia invasero la Cecoslovacchia. Vi furono pochi combattimenti o violenze, tuttavia i leader politici riformisti furono sostituiti da Mosca e le riforme della primavera di Praga furono respinte sotto un nuovo governo filo-sovietico.

fonti della guerra fredda

Ludvik Vaculik: il 'Manifesto delle duemila parole' (1968)
Le nazioni sovietiche firmano la Dichiarazione di Bratislava (1968)
L'ultimatum sovietico per porre fine alle riforme ceche (1968)

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La Primavera di Praga"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/prague-spring/
Data di pubblicazione: October 1, 2020
Data di accesso: Luglio 03, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.