Sovietici in Afghanistan

combattenti mujahideen
Mujahideen combattenti in Afghanistan durante l'occupazione sovietica dei primi 1980

Nel 1979, le forze dell'Unione Sovietica entrarono e occuparono l'Afghanistan, un piccolo paese dell'Asia centrale. L'intervento sovietico in Afghanistan è stato controverso, ravvivando le tensioni con gli Stati Uniti e altre nazioni. Ha portato a proteste significative e ha contribuito a ciò che molti hanno soprannominato il 'Seconda Guerra Fredda'. I sovietici sarebbero rimasti in Afghanistan per quasi un decennio prima di ritirarsi gradualmente, non essendo riusciti a proteggere il paese e reprimere gli insorti locali.

sfondo

L'Afghanistan è un piccolo paese senza sbocco sul mare dell'Asia centrale. Durante la Guerra Fredda condivideva i confini con le repubbliche sovietiche a nord, l'Iran a ovest e il Pakistan a sud. A causa della sua posizione remota, del terreno montuoso e delle popolazioni tribali, l'Occidente ha a lungo considerato l'Afghanistan come un luogo di esotismo e mistero. Nazione crocevia che collega l'Est e l'Ovest, l'Afghanistan ha avuto a lungo un'importanza strategica.

Per gran parte della Guerra Fredda, l'Afghanistan è stato governato da Mohammed Zahir, uno Shah (re) istruito e in qualche modo illuminato che ha fatto sinceri tentativi di modernizzare il suo paese.

A metà degli anni '1960, l'Afghanistan aveva la maggior parte delle caratteristiche di uno stato democratico moderno: elezioni libere, un parlamento rappresentativo e riforme che miglioravano i diritti delle donne. Zahir e il suo governo si rifiutarono di allinearsi con gli Stati Uniti o l'Unione Sovietica, anche se entrambi lo corteggiarono finanziando strade e altri progetti infrastrutturali.

Il colpo di stato del 1973

soviet in afghanistan
Mohammed Daoud Khan, il leader afgano che è stato rovesciato in un colpo di stato 1978

Nel 1973, mentre Mohammed Zahir era all'estero per essere operato, fu deposto da un colpo di stato incruento. Questo colpo di stato è stato guidato da Mohammed Daoud Khan, cugino di Zahir e primo ministro.

Daoud ha immediatamente abolito la monarchia e ha assunto la carica di presidente. Ha convocato un loya jirga ("gran consiglio delle tribù") per approvare una nuova costituzione che ha trasformato l'Afghanistan in uno stato repubblicano a partito unico. Daoud ha cercato di minare l'opposizione comunista al suo governo riducendo la dipendenza dell'Afghanistan dall'URSS. Invece, ha cercato di stringere legami con nazioni musulmane ricche di petrolio come l'Egitto, l'Iran e l'Arabia Saudita.

Temendo che Daoud alla fine si allineasse con l'Occidente, agenti sovietici e comunisti locali iniziarono a tramare la sua caduta. Nel 1978, Daoud fu rimosso con un colpo di stato - la cosiddetta Rivoluzione Saur - organizzato dal Partito Democratico Popolare Comunista (PDPA) dell'Afghanistan e condotto da ufficiali dell'esercito comprensivi. Il Pdpa ha proclamato la vittoria il 28 aprile annunciando che Daoud si era “dimesso per problemi di salute” (questo in parte era vero: gli avevano sparato).

L'incursione sovietica

soviet in afghanistan
I carri armati sovietici rotolano verso sud in Afghanistan durante l'invasione di 1979

Nel 1979, l'instabilità in Afghanistan era aumentata notevolmente e il governo era sull'orlo del collasso. Gruppi di ribelli noti come i mujahideen ha effettuato attacchi contro funzionari governativi e militari e aveva assunto il controllo virtuale di alcune ragioni. Man mano che crescevano in numero e forza, sembrava che alla fine avrebbero potuto prendere il controllo di Kabul, la capitale dell'Afghanistan.

Di fronte all'anarchia e all'imminente rivoluzione, il regime comunista di Kabul rivolse frequenti appelli a Mosca per l'intervento militare. Questa instabilità è peggiorata a settembre quando il leader dell'Afghanistan, Nur Muhammad Taraki, è stato assassinato dal suo secondo in comando, Hafizullah Amin. I leader sovietici temevano che Amin si sarebbe schierato con gli Stati Uniti.

Nel dicembre 1979, il Cremlino ha agito, inviando più di 100,000 soldati dell'Armata Rossa in Afghanistan per sostenere il governo e stabilizzare il paese. Questa mossa è stata descritta in Occidente come un'azione sovietica imperialista e aggressiva. In realtà, si trattava di un tentativo di impedire che l'Afghanistan precipitasse ulteriormente nel caos e cadesse nelle mani degli estremisti islamici, uno sviluppo che avrebbe avuto effetti a catena in altre repubbliche sovietiche in Asia.

Risposta internazionale

Le Nazioni Unite si sono mosse per condannare l'incursione sovietica in Afghanistan, mentre 34 nazioni musulmane hanno emesso un comunicato chiedendo che tutte le truppe sovietiche fossero ritirate incondizionatamente.

Un movimento di protesta iniziò a spingere per il boicottaggio dei Giochi Olimpici del 1980 a Mosca. Presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter avvertì che gli atleti americani non avrebbero partecipato alle Olimpiadi di Mosca se le truppe sovietiche non si fossero ritirate dall'Afghanistan entro il 20 febbraio 1980. I sovietici ignorarono l'ultimatum di Carter e 65 nazioni - inclusi Stati Uniti, Giappone, Israele e Canada - non presero le Olimpiadi di Mosca.

In privato, gli strateghi statunitensi erano felicissimi degli eventi in Afghanistan. Non solo l'intervento sovietico ha offerto opportunità di propaganda, ma i sovietici si sono confrontati con quello che un politico americano chiamava "il loro Vietnam".

Attività clandestina negli Stati Uniti

soviet in afghanistan
Osama bin Laden, utilizzando attrezzature fornite dagli Stati Uniti durante il suo servizio con l'afghano mujahideen

Washington ha lavorato per rendere più difficile il compito sovietico in Afghanistan destabilizzando il regime comunista e armando e addestrando i suoi nemici utilizzando attività clandestine.

Lavorando principalmente attraverso il Pakistan, gli agenti statunitensi iniziarono a fornire attrezzature militari e fondi ai locali mujahideen impegnati contro le truppe governative sovietiche e lealiste. Gli agenti della CIA hanno lavorato clandestinamente in Afghanistan, addestrando i mujahideen e reclutare nuovi membri. A questo scopo sono stati introdotti clandestinamente nel paese fino a 20 miliardi di dollari.

Molti di coloro che hanno beneficiato di questa assistenza americana si sono successivamente uniti ai talebani, un gruppo islamico che ha preso il controllo dell'Afghanistan nel 1996. Un altro beneficiario degli aiuti americani durante l'occupazione sovietica è stato un giovane volontario di origine saudita di nome Osama bin Laden. L'assistenza americana è aumentata sotto la presidenza di Ronald Reagan. Il governo degli Stati Uniti ha stanziato più di 600 milioni di dollari all'anno per armare, addestrare e sostenere la resistenza afghana.

"Vietnam sovietico"

soviet in afghanistan
Rappresentanti del mujahideen incontrare il presidente americano Ronald Reagan alla Casa Bianca

L'Armata Rossa sovietica ha trovato l'occupazione e la stabilizzazione dell'Afghanistan un compito difficile. Per alcuni aspetti, l'Afghanistan divenne il "Vietnam sovietico", un'operazione militare che si rivelò impossibile da vincere e un pantano politico troppo difficile da cui ritirarsi.

All'inizio del 1980, le forze sovietiche controllavano molte delle città, delle strade principali e delle infrastrutture dell'Afghanistan, ma più di quattro quinti del paese rimasero sotto il controllo delle tribù locali e dei gruppi islamici. I sovietici lanciarono una serie di offensive per catturare le province controllate dall'Afghanistan, ma furono frustrati dalla resistenza locale.

Il termoprotettore mujahideen ha impiegato tattiche di sabotaggio, terrorismo e guerriglia contro soldati sovietici e forze fedeli al governo civile. L'elettricità nelle città veniva regolarmente eliminata dagli attacchi alle centrali elettriche; gli edifici governativi venivano regolarmente bombardati; politici e dipendenti pubblici furono assassinati. Mujahideen gli attacchi contro il potente esercito sovietico erano molto meno frequenti, anche se piccole pattuglie e singoli soldati venivano spesso fatti un'imboscata e assassinati.

Ritiro

La guerra sovietico-afghana continuò fino alla metà degli anni '1980, quando Mosca decise di ritirare gradualmente le sue forze dall'Afghanistan. Le forze locali furono rafforzate e la presenza sovietica fu gradualmente eliminata. Ci furono pochi combattimenti e solo un paio di campagne offensive dopo il 1987.

Quasi 15,000 soldati e personale sovietico morirono durante gli otto anni di occupazione dell'Afghanistan da parte dell'URSS. Al contrario, più di mezzo milione mujahideen e un milione di civili afgani furono uccisi. C'erano enormi danni alle città, alle infrastrutture, ai terreni agricoli e al bestiame della nazione in quello che era stato uno dei paesi più poveri del mondo, anche prima del 1979.

Il ritiro sovietico ha rappresentato una vittoria della guerra fredda per Washington, ma ci sarebbero state ramificazioni a lungo termine per gli Stati Uniti. Senza il sostegno delle truppe sovietiche, il governo afghano è crollato e la nazione si è disintegrata in anni di guerra civile.

Ascesa dei talebani

Dopo anni di caos e combattimenti intestini, nel 1996 un piccolo ma disciplinato gruppo di fondamentalisti musulmani sunniti ha ottenuto il controllo della capitale, Kabul. Si chiamavano talebani ("studenti").

Per i successivi cinque anni, i talebani governarono l'Afghanistan con zelo religioso e spietata oppressione. I loro leader hanno vietato la televisione e la radio, hanno messo fuori legge i vestiti occidentali e hanno imposto la Sharia e punizioni brutali. Forse le peggiori vittime del regime talebano sono state le donne afghane, a cui è stato vietato il lavoro, l'istruzione o persino di lasciare le loro case senza un accompagnatore maschio.

I talebani hanno anche dato un rifugio sicuro a un piccolo gruppo di terroristi islamici che si definiscono al-Qaeda ("la base"). È stato nei loro campi di addestramento in Afghanistan che Osama bin Laden e membri di al-Qaeda hanno pianificato un grande attacco terroristico contro gli Stati Uniti. Hanno lanciato questo attacco l'11 settembre 2001, uccidendo più di 3,000 persone in tre località negli Stati Uniti.

Il punto di vista di uno storico:
“Il coinvolgimento sovietico in Afghanistan, in particolare dopo la seconda guerra mondiale, era stato chiaramente progettato per portare l'Afghanistan sotto l'egemonia sovietica. L'URSS aveva utilizzato diversi metodi in modo interattivo. Prima della seconda guerra mondiale l'attenzione si concentrava su iniziative puramente diplomatiche e aiuti economici, ma dopo la guerra i sovietici ampliarono il loro approccio per includere l'assistenza militare e la manipolazione politica. Nel 1978 questi metodi avevano avuto successo: l'URSS era il principale partner commerciale e fonte di aiuti economici dell'Afghanistan, aveva modernizzato le forze armate afghane e, con il suo sostegno, il nascente partito comunista afghano governava il paese. Ma una delle guerre più sanguinose e distruttive nella storia dell'Afghanistan doveva ancora arrivare ".
Larry P. Goodson, storico

guerra fredda

1. L'Afghanistan è un asiatico senza sbocco sul mare che condivideva i confini con l'Iran, il Pakistan e diverse repubbliche sovietiche. Fino a 1973 era uno stato relativamente democratico e progressista.

2. Due colpi di stato negli anni '1970, istigati dal Partito Democratico Popolare Comunista (PDPA) e sostenuti da Mosca, portarono al potere in Afghanistan un governo comunista.

3. Ciò ha portato alla crescita di un'insurrezione anticomunista in molte parti dell'Afghanistan. Alla fine di 1979 le truppe sovietiche invasero la nazione, presumibilmente su richiesta del PDPA.

4. Questi ribelli antisovietici chiamarono mujahideen, erano membri della tribù locali sostenuti e forniti dagli Stati Uniti, attraverso la CIA. Uno di questi era il futuro terrorista islamico Osama bin Laden.

5. L'occupazione sovietica in Afghanistan è durata quasi un decennio e si è rivelata molto costosa, con quasi i russi 15,000 che morivano lì. Il ritiro sovietico degli ultimi 1980 portò alla nascita dei talebani, un gruppo islamico fondamentalista.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "I sovietici in Afghanistan"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/soviets-in-afghanistan/
Data di pubblicazione: 26 settembre 2020
Data di accesso: 19 Maggio 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.