Teoria del domino

teoria del domino
Un cartone animato raffigurante la "caduta del domino" dell'Asia

La teoria del domino era una convinzione prevalente che il comunismo fosse un movimento internazionalista che si sarebbe diffuso da un paese all'altro fino a dominare il mondo, proprio come una fila di domino crolla una dopo l'altra. La teoria di Domino è stata accettata da una serie di presidenti degli Stati Uniti e politici occidentali. Di conseguenza, ha plasmato la politica estera degli Stati Uniti e dei suoi alleati durante la Guerra Fredda.

Teoria della rivoluzione internazionale

I seguaci della teoria del domino indicavano gli scritti del leader comunista russo Vladimir Lenin, che ha invocato la "rivoluzione internazionale".

Il comunismo, diceva Lenin, era un movimento basato sulla classe, piuttosto che sulla nazionalità o sulla razza. Trascenderebbe i confini, le nazionalità, il patriottismo e le barriere linguistiche. Dopo la rivoluzione russa, Lenin credeva che il comunismo avrebbe ispirato rivoluzioni simili in Germania, Francia e altre nazioni europee.

Il nuovo governo sovietico ha promosso attivamente il comunismo all'estero. Nel marzo 1919 Mosca istituì l'Internazionale comunista, o Comintern, un comitato di delegati russi e stranieri. L'obiettivo principale del Comintern era quello di promuovere e sostenere i movimenti comunisti in altre nazioni, al fine di facilitare la diffusione del comunismo.

Al Comintern hanno partecipato delegati dei partiti comunisti di dozzine di paesi, comprese le nazioni occidentali come Stati Uniti, Gran Bretagna e Australia. Nei suoi primi anni, il Comintern ha fornito formazione e supporto materiale a individui e gruppi in tutto il mondo, tra cui il Partito Comunista Cinese (PCC) e il nazionalista vietnamita Ho Chi Minh.

teoria del domino
Un'immagine sovietica di Lenin che 'pulisce il mondo', un chiaro segno delle ambizioni globali del comunismo

Paranoia occidentale

L'Occidente era stato a lungo paranoico riguardo al comunismo e alla sua agenda internazionalista. Alla fine degli anni Quaranta, questa paranoia si consolidò nella Teoria del Domino, sulla scia dell'espansione di Stalin nell'Europa orientale e dell'ascesa del comunismo in Cina.

I leader occidentali credevano che una volta che il comunismo avesse preso piede in una nazione, i suoi vicini sarebbero stati rapidamente infiltrati, invasi e sequestrati dai comunisti, proprio come una fila di domino in piedi cade, uno rovescia l'altro finché tutti non sono caduti.

Non è chiaro chi per primo abbia usato l'analogia della caduta dei domino o abbia coniato la frase Domino Theory. La prima menzione pubblica è stata fatta dal presidente degli Stati Uniti Dwight Eisenhower in un discorso su 1954, dove spiegava perché l'America avrebbe aiutato i francesi nella loro lotta contro i comunisti in Indocina (Vietnam):

“[Ci sono] considerazioni più ampie che potrebbero seguire quello che chiameresti il ​​principio del 'domino cadente'. Hai piazzato una fila di domino, rovesci il primo, e quello che succederà all'ultimo è la certezza che finirà molto velocemente ... Ma quando arriviamo alla possibile sequenza di eventi, la perdita dell'Indocina , della Birmania, della Thailandia, della Penisola (Malesia e Singapore) e dell'Indonesia a seguire, ora inizi a parlare di ... milioni e milioni e milioni di persone ".

L'esempio degli anni '1930

La prontezza dei politici occidentali ad accettare la teoria di Domino fu probabilmente influenzata dagli eventi in Europa durante gli anni '1930.

La maggior parte dei politici e dei pianificatori politici della Guerra Fredda aveva vissuto il periodo prebellico, quando le regioni dell'Europa centrale come la Renania, l'Austria, i Sudeti e la Cecoslovacchia erano cadute tutte sotto Hitler, una dopo l'altra. La politica di pacificazione - lasciare che Hitler si annettesse o si impossessasse di regioni particolari nella speranza che potesse soddisfarlo - non era riuscita a prevenire la guerra.

Uno scenario simile si era svolto in Asia, dove l'espansione imperiale giapponese era autorizzata a diffondersi senza controllo attraverso gli 1930. Questi eventi hanno modellato gli atteggiamenti dei leader della Guerra Fredda e li hanno resi più determinati ad agire contro l'aggressione e l'espansione percepite. Come affermano gli storici Leslie Gelb e Richard Betts:

“La teoria del domino… è il risultato di una riflessione sulla falsariga di alcune semplici, anche se attraenti, analogie psicologiche e legali. Se lasci che tua figlia torni a casa tardi da un appuntamento senza punizione, la prossima cosa che sai che sarà incinta. Se lasci che un crimine rimanga impunito, inviti altri crimini. Se l'aggressività è tollerata in luoghi piccoli e fuori mano, gli aggressori saranno incoraggiati ad attaccare luoghi più grandi e vitali. I leader statunitensi vedevano una linea retta dall'acquisizione giapponese della Manciuria nel 1931 all'invasione della Cina, all'invasione dell'Indocina all'attacco a Pearl Harbor. Una volta che il principio è stato indebolito, non ci sono fermate ".

Nazioni deboli, confini deboli

teoria del domino
Una mappa che mostra la diffusione prevista del comunismo in Asia

Un altro fattore era la preoccupazione che alcune nazioni fossero incapaci di resistere al comunismo, in particolare se doveva prendere piede nella loro regione. La maggior parte delle nazioni europee erano stanche ed economicamente esauste dopo anni di guerra. I loro governi erano deboli e la loro gente depressa, disperata e affamata. Questo li ha resi facili prede dell'infiltrazione e della propaganda comunista.

L'Asia era altrettanto suscettibile all'espansione comunista. I governi e le forze militari della maggior parte delle nazioni asiatiche erano relativamente deboli. Le loro popolazioni contenevano un gran numero di contadini, che erano suscettibili alla propaganda comunista e al reclutamento.

I movimenti nazionalisti e indipendentisti in Asia erano considerati "nascondigli" ideali per gli infiltrati comunisti. I confini asiatici non erano ben controllati ed erano in gran parte insicuri, quindi i comunisti potevano entrare e uscire dai paesi target con poca difficoltà. Gli stessi rischi e la stessa suscettibilità al comunismo esistevano in Africa e in America Latina.

Espansione cinese

La teoria del domino era anche alimentata da ipotesi sull'espansione cinese. I pianificatori occidentali credettero al Repubblica Popolare Cinese diventerebbe un'avanguardia per l'espansione del comunismo in Asia, proprio come aveva fatto la Russia sovietica nell'Europa orientale.

Gli eventi degli ultimi 1940 e 1950 sembravano supportare questo. Le truppe cinesi hanno sostenuto l'invasione comunista della Corea del Sud durante il Guerra di Corea (1950-53). Nello stesso periodo, Pechino forniva supporto morale, materiale e logistico a Ho Chi Minh e l'emergente Viet Minh nel Vietnam settentrionale.

Con l'aumento della capacità economica e militare della Cina, l'Occidente credeva che Pechino avrebbe ampliato il comunismo per creare un cuscinetto tra sé e le potenziali minacce. Ciò ha posto un certo numero di paesi a rischio di aggressione comunista, tra cui Corea del Sud, Vietnam, Taiwan, Giappone, Filippine, Thailandia, Birmania, Tibet, Malesia, Singapore e Indonesia.

I sostenitori della teoria di Domino

Ogni presidente degli Stati Uniti da Harry Truman a Richard Nixon era un sostenitore della teoria del domino. Sebbene Truman non abbia mai usato l'analogia del domino, ha accettato i suoi principi generali e l'ha usata come base della sua dottrina Truman.

John F. Kennedy ha parlato della Teoria di Domino e l'ha accennata nel suo discorso di inaugurazione, avvertendo che "la nostra sicurezza potrebbe essere persa pezzo per pezzo, paese per paese". Lyndon Johnson e Richard Nixon accettò anche la teoria del domino come un fatto, una posizione alla base della loro continuazione ed escalation del Guerra del Vietnam.

La costosa sconfitta americana in Vietnam portò alla screditazione della teoria del domino. Oggi rimane un'idea controversa, i suoi detrattori sono generalmente più numerosi dei suoi sostenitori. Alcuni sostengono che la teoria del domino fosse corretta e convalidata dalla marcia verso sud del comunismo in Asia; solo l'intervento americano nella regione ha bloccato i suoi progressi. Altri suggeriscono che la teoria del domino fosse un'idea semplicistica che non comprendeva la vera natura dei movimenti rivoluzionari asiatici, che erano nazionalisti e socialisti piuttosto che aggressivamente comunisti.

Il punto di vista di uno storico:
“Coloro che sono ancora impressionati dalla semplicistica teoria di Domino devono rendersi conto che i governi non comunisti del sud-est asiatico non crolleranno automaticamente se i comunisti dovessero arrivare a controllare tutto il Vietnam. Fintanto che i governi del sud-est asiatico sono in armonia con il nazionalismo delle loro nazioni, fintanto che sono abbastanza saggi da soddisfare le più pressanti richieste economiche e sociali della loro gente, è improbabile che soccombano al comunismo ".
George Kahin, storico americano

teoria del domino della guerra fredda

1. La teoria del domino era la convinzione che il comunismo si sarebbe diffuso da una nazione ai suoi vicini. Si basava sull'analogia della caduta dei domino e divenne popolare nei primi 1950.

2. La teoria si ispirava all'ideologia di Vladimir Lenin, che invocava la "rivoluzione internazionale", e alle azioni del Comintern sovietico, che sosteneva i gruppi comunisti all'estero.

3. Il primo uso dell'analogia del domino è stato fatto dal presidente americano Dwight Eisenhower. Ha avvertito che il comunismo potrebbe spazzare l'Asia e ottenere il controllo di milioni di persone.

4. Le nazioni asiatiche erano particolarmente sensibili al comunismo. I loro governi e militari erano deboli, le loro società non istruite e i loro confini fluidi.

5. La teoria del domino è stata accettata come realtà dai presidenti degli Stati Uniti. La sua convinzione nell'espansione comunista era alla base della dottrina Truman e di altri elementi della politica estera americana.

fonti della guerra fredda

Eisenhower spiega la teoria del domino per quanto riguarda l'Asia (1954)
Robert McNamara su Kennedy, la teoria del domino e il Vietnam (1966)

Informazioni sulla citazione
Titolo: "The Domino Theory"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/domino-theory/
Data di pubblicazione: 5 settembre 2020
Data di accesso: Giugno 17, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.