Walter Ulbricht

Walter Ulbricht (1893-1973) era un politico socialista che ha svolto un ruolo critico nello sviluppo di Germania Est.

walter ulbricht

Nato a Lipsia, Ulbricht era figlio di genitori della classe operaia membri attivi del Partito socialdemocratico (SPD). Lo stesso Ulbricht entrò a far parte della SPD nel 1912 durante la sua formazione come ebanista. Fu arruolato all'inizio della prima guerra mondiale e prestò servizio sul fronte orientale fino al 1917, quando disertò.

Dopo la guerra, Ulbricht si unì alla Lega Spartacus, un gruppo rivoluzionario comunista, e successivamente partecipò alla fondazione incontrando il Partito Comunista di Germania (KPD). Ha anche studiato politica e governo socialista a Mosca.

Ulbricht tornò in Germania e prestò servizio come politico durante il periodo di Weimar, occupando un posto nel KPD nel Reichstag (Parlamento tedesco) tra il 1928 e il 1933. Ulbricht fuggì dalla Germania dopo che i nazisti presero il potere nel 1933, vivendo a Parigi e Praga prima di trasferirsi a Mosca.

Ulbricht tornò a Berlino nel maggio 1945. Quando fu creata nel 1949, divenne una figura cardine nella Repubblica Democratica di Germania (Germania dell'Est). Nel 1950, Ulbricht divenne Segretario Generale del Partito Socialista Unitario (Sozialistische Einheitspartei Deutschlandso SED) e il de facto leader nazionale della Germania orientale.

La leadership e le politiche di Ulbricht erano in gran parte modellate su quelle di Stalin. Ha attuato un piano economico quinquennale per l'industrializzazione e l'ammodernamento, raccogliendo sia la manodopera agricola che quella industriale. Ulbricht ha anche creato due movimenti di massa: il Freie Deutsche Jugend (Gioventù tedesca libera) e Demokratischer Frauenbund Deutschlands (Lega femminile tedesca); entrambi avevano intenti socialisti, ma ricordavano a molte organizzazioni dell'era nazista. Ulbricht ha anche imposto controlli politici e ha ampliato sia le dimensioni che il potere del Stasi, la famigerata polizia segreta della Germania dell'Est.

Intorno a Ulbricht fu costruito anche un culto della personalità. È stato elogiato molto nella propaganda del partito e del governo ("il nostro popolo è rappresentato da un essere umano veramente grande, onorato dall'intero mondo progressista", ha detto un funzionario pubblico di Ulbricht).

Le politiche di Ulbricht non sono riuscite a ottenere miglioramenti significativi, né nella produzione economica né negli standard di vita. La carenza di cibo è aumentata, mentre il governo ha chiesto quote di produzione più elevate ai suoi lavoratori dell'industria. La crescente insoddisfazione contribuì a una rivolta di massa a Berlino Est (giugno 1953) e ad un crescente esodo di lavoratori qualificati e professionali verso l'Occidente. A metà del 1961 Ulbricht decise, con l'approvazione del leader sovietico Nikita Krusciov, per chiudere i confini della Germania dell'Est ed erigere un gigantesco muro a Berlino.

The muro di Berlino, unito a maggiori riforme economiche in 1963 e alla crescita di Leonid Brezhnev, ha reso Ulbricht impopolare sia all'interno del proprio partito che a Mosca. A maggio 1971 fu ritirato dalla leadership della Germania dell'Est, apparentemente per motivi di salute, e sostituito con Erich Honecker. Ulbricht ha subito un grave ictus nel luglio 1973 e morì il mese seguente, all'età di 80.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Walter Ulbricht"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/walter-ulbricht/
Data di pubblicazione: October 22, 2018
Data di accesso: Giugno 25, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.