Adolf Hitler

Non si può capire il nazismo e il movimento nazista senza prima capire il suo leader. Nessuno ha fatto di più per definire e guidare il partito nazista di Adolf Hitler. Per molti aspetti, il partito nazista era l'incarnazione delle opinioni sociali e politiche di Hitler.

vita in anticipo

Adolf Hitler nacque nel 1889 in una piccola città austriaca vicino al confine con la Germania. Suo padre Alois era un impiegato statale, un uomo crudele e intransigente con un carattere irascibile che picchiava regolarmente i suoi figli. Al contrario, la madre di Hitler, Klara, era gentile, premurosa e solidale.

Il giovane Adolf fu allevato cattolico e prestò servizio per un po 'di coro nella cattedrale locale. Sebbene intelligente e curioso, a scuola si dimostrò pigro, trasandato e privo di motivazione, i suoi unici successi accademici arrivarono nella storia e nelle arti visive.

Hitler coltivava l'ambizione di diventare un artista e nel 1909, poco prima del suo 20 ° compleanno, si trasferì a Vienna con il sogno di ottenere l'ammissione all'accademia locale. Sebbene Hitler fosse un artista capace, aveva poca originalità o talento naturale e l'accademia lo rifiutò due volte. Trascorse i successivi quattro anni sopravvivendo vendendo cartoline e piccoli dipinti. Quando era senza soldi, Hitler viveva nelle case dei doss di Vienna (rifugi per senzatetto) dove trascorreva del tempo con uomini indigenti.

Il servizio militare

Con lo scoppio della prima guerra mondiale nell'agosto del 1914, Hitler attraversò il confine e si arruolò nell'esercito tedesco (non voleva prestare servizio nell'esercito austriaco, considerandolo mal guidato e pieno di non ariani).

Il servizio di Hitler nella prima guerra mondiale gli ha fornito uno scopo e una direzione, forse per la prima volta nella sua vita. Il giovane austriaco amava la disciplina, il cameratismo e l'ordine della vita militare. Si è dimostrato un soldato coraggioso e competente, anche se di basso grado e in ruoli umili.

Servendo sul fronte occidentale come corridore di trincea, Hitler ha spesso rischiato la vita spostandosi attraverso aree pericolose e "terra di nessuno" per consegnare messaggi. Fu promosso caporale, menzionato nei dispacci e vinse la prestigiosa Croce di Ferro. Hitler fu ferito più volte, la peggiore nel 1918 quando fu temporaneamente accecato da un attacco di gas e trascorse un lungo periodo di convalescenza in un ospedale militare da campo.

Hitler fu devastato dalla resa tedesca e dall'armistizio del novembre 1918. Come molti dei suoi compagni dell'esercito imperiale tedesco, Hitler era convinto che la Germania avrebbe potuto ancora vincere la guerra. La resa, credeva, era opera di politici liberali e socialisti che avevano pugnalato il loro paese alle spalle (in seguito descrisse questo gruppo come "criminali di novembre").

Alla fine della guerra, Hitler era intenzionato a rimanere nell'esercito. Nella primavera del 1918 accettò un incarico presso gli "Enlightened Commandos", un'unità di nuova formazione incaricata di scovare i sospetti comunisti e infiltrarsi in piccoli gruppi politici.

Primi passi in politica

Hitler nel periodo in cui si è unito al DAP in 1919

Nel settembre 1919, i superiori di Hitler gli ordinarono di partecipare alle riunioni di un piccolo gruppo politico chiamato il Deutsche Arbeiterpartei (il DAP, o Partito dei lavoratori tedeschi). Sebbene mandato a spiare questo piccolo gruppo, il trentenne Hitler rimase affascinato dai suoi incontri appassionati, dai suoi potenti discorsi e dai dibattiti politici.

In poche settimane Hitler si era dimesso dall'esercito e si era unito al DAP. Entro due anni sarebbe diventato il leader del gruppo.

I fattori critici nell'ascesa al potere di Hitler all'interno del DAP furono la sua intensa personalità, la passione politica e il suo oratorio. Molti estranei consideravano Hitler - con i suoi baffi chaplineschi, il linguaggio del corpo eccentrico e la retorica appassionata - come qualcosa di uno strano o un pazzo politico.

Eppure molti di coloro che hanno incontrato Hitler durante questo primo periodo hanno parlato favorevolmente del suo carisma. Il leader del DAP era riservato fino alla timidezza ma aveva uno sguardo intenso e penetrante e un'evidente passione per le questioni politiche. L'appeal di Hitler si è ampliato in gran parte attraverso il suo abile parlare in pubblico, un talento che ha scoperto nel 1919 e ha lavorato duramente per migliorare e perfezionare.

L'oratorio di Hitler

Una visione contemporanea:
“Non sono mai riuscito a capire come Hitler fosse capace - con la sua voce poco melodiosa e rauca, con le sue frasi crude e con una retorica vistosa del tutto in contrasto con il carattere della lingua tedesca - di conquistare le masse con i suoi discorsi , di mantenere la loro attenzione e soggiogarli per periodi di tempo così spaventosi ".
Victor Klemperer, scrittore

Il discorso di Hitler enfatizzava il potere delle emozioni e della consegna, piuttosto che il contenuto e la razionalità. Agli estranei, i suoi discorsi possono essere sembrati spontanei o non pianificati, ma questo era tutt'altro che vero.

I meccanismi dell'oratorio di Hitler furono meticolosamente pianificati e coreografati. Spesso arrivava in ritardo alle riunioni e ai raduni, lasciando deliberatamente il suo pubblico in attesa di aumentare il senso di aspettativa. Molti dei suoi discorsi sono iniziati con una serie di domande o sfide, pronunciate con calma, calma, quasi esitazione. Il leader dell'NSDAP inizierebbe quindi ad affrontare queste domande retoriche e fornire le proprie risposte. Mentre lo faceva, l'urgenza e il volume della sua voce aumentavano e il suo gesto e il suo gesticolare diventavano più esagerati e drammatici.

Nella maggior parte dei discorsi di Hitler, lanciò aspri attacchi contro coloro che considerava i nemici nazionali della Germania, di solito comunisti, liberali, ebrei e governi stranieri.

Il putsch di Monaco

Nel novembre 1923, il partito di Hitler - ormai riformato come il National Sozialistische Deutsche Arbeiter Partei o NSDAP - inscenò un tentato colpo di stato a Monaco. Fu un triste fallimento, in gran parte perché Hitler aveva grossolanamente sovrastimato i livelli di sostegno.

Di fronte alle truppe governative e alla polizia di Monaco, Hitler e i suoi seguaci furono colpiti e molti furono uccisi o feriti. Lo stesso Hitler fu arrestato e accusato di alto tradimento. Il suo processo all'inizio di 1924 avrebbe dovuto esporre le trame di una mente contorta; invece, ha dato a Hitler una piattaforma pubblica per trasmettere le sue opinioni politiche. Alla fine Hitler fu dichiarato colpevole e imprigionato per cinque anni, sebbene fosse stato trattato con indulgenza e rilasciato dopo soli nove mesi.

Mentre era in prigione, Hitler raccolse il suo primo e unico libro, Mein Kampf ("My Struggle"), che era in parte autobiografia e in parte memorie politiche, una raccolta sconclusionata delle sue teorie politiche, sociali e razziali. La maggior parte delle idee di Hitler sul nazionalismo, il governo e la razza furono indurite durante i suoi anni di fame a Vienna, le sue esperienze della prima guerra mondiale e la sua amara delusione per il trattamento riservato alla Germania dopo la prima guerra mondiale.

Adolf Hitler
Hitler (a destra) durante il suo servizio nella prima guerra mondiale

Visioni politiche

Hitler era profondamente razzista e si aggrappava a idee fantasiose sulla supremazia ariana. Disprezzava gli ebrei e le altre razze non ariane come slavi, romani e neri, considerandoli Untermensch ("uomini inferiori"). Era un fervente nazionalista tedesco, che credeva nella superiorità culturale del popolo tedesco.

Hitler voleva ripristinare la grandezza tedesca liberando la nazione della democrazia di Weimar e ripristinando il potere statale e il governo autoritario. Voleva ribaltare il trattato di Versailles e reprimere le odiate riparazioni di guerra.

Il leader nazista immaginava una futura "Grande Germania" in cui tutti gli ariani di lingua tedesca in Europa avrebbero risieduto in un potente stato. Credeva che gli europei di lingua tedesca fossero a corto di terra coltivabile e spazio per prosperare; voleva rettificare questo ottenendo I Lebensraum ("spazio vitale") dai popoli inferiori dell'Europa orientale e della Russia.

Nelle sue opinioni personali, Hitler era un conservatore sociale e sessuale. Credeva che le donne dovessero stare fuori dalla politica e dal posto di lavoro; il loro posto era in casa, come mogli e madri. Era nervoso per le donne, preferendo la compagnia di altri uomini.

Per quanto riguarda il governo, Hitler detestava la democrazia e la politica parlamentare, associandole a debolezza, indecisione e infiltrazione. Desiderava invece la creazione di un Terzo Reich: una rinascita dei grandi imperi tedeschi dei tempi storici. Questo nuovo regime vanterebbe un governo forte e autoritario sotto il controllo di un potente leader. Avrebbe ripulito la Germania dai comunisti, un gruppo che Hitler odiava, e avrebbe eliminato la nazione dagli "indesiderabili" razziali come gli ebrei.

Nessuna delle idee e dei pregiudizi di Hitler era nuova o insolita per l'epoca; un intenso nazionalismo, autoritarismo e antisemitismo si potevano trovare in dozzine di gruppi politici nella Germania del dopoguerra. Ciò che ha reso unici Hitler e i suoi seguaci è stato il loro successo. Verso la fine degli anni '1920, Hitler e il NSDAP si erano spostati dagli oscuri margini della politica tedesca per diventare un legittimo contendente alla leadership politica.

hitler

1. Adolf Hitler è nato in una città austriaca vicino al confine con la Germania. Era il figlio di genitori della classe operaia, un impiegato civile irascibile e una casalinga cattolica gentile.

2. Dopo un periodo fallito nel tentativo di diventare un artista a Vienna, Hitler trovò il suo scopo nell'esercito tedesco durante la prima guerra mondiale, guadagnando medaglie per il coraggio nelle trincee.

3. In 1919 si unì a un piccolo partito politico nazionalista, il DAP. L'anno seguente divenne il suo leader, in gran parte grazie ai suoi discorsi politici convincenti e appassionati.

4. Le opinioni politiche di Hitler ruotavano intorno al nazionalismo e al ripristino del potere tedesco, al governo autoritario, al riarmo e all'espansione della Germania (I Lebensraum).

5. Hitler era anche un conservatore sociale e sessuale che si aggrappava ai valori tradizionali e credeva che le donne dovessero lavorare solo come casalinghe e madri.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Adolf Hitler"
Autori: Jennifer Llewellyn, Jim Southey, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/nazigermany/adolf-hitler/
Data di pubblicazione: Luglio 2, 2015
Data di accesso: Gennaio 26, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.