Hitler diventa cancelliere

Il 30 gennaio 1933 segna l'inizio della fine della Repubblica di Weimar, con la nomina di Adolf Hitler a cancelliere tedesco. L'elevazione di Hitler al cancelliere non fu certo la gloriosa ascensione al potere che aveva sognato nel 1923. Piuttosto che essere portato al potere su un'ondata di sostegno pubblico, o strappare il controllo del governo con una mossa audace e decisiva, Hitler divenne invece cancelliere attraverso un oscuro affare dietro le quinte. E c'era poco da suggerire che il destino politico di Hitler sarebbe stato molto diverso dai 14 uomini che lo hanno preceduto come cancelliere. Ma nel giro di due mesi il leader nazista aveva sterminato la democrazia di Weimar e messo la Germania sulla strada della dittatura autoritaria.

L'uomo cardine per la nomina di Hitler era Paul von Hindenburg. L'anziano presidente aveva incontrato Hitler per la prima volta nel 1931, ma era tutt'altro che impressionato dal leader dell'NSDAP. Ciò era in parte dovuto al semplice snobismo di classe: Hindenburg era un generale prussiano e un membro dell'élite Junker, mentre Hitler era un ex caporale di umili origini, che parlava con un caratteristico accento austriaco. Hindenburg tuttavia diede ascolto al leader nazista, ma rimase decisamente poco impressionato dalle sue grandiose ambizioni politiche e dai suoi vaghi piani. Il presidente ha suggerito che Hitler potrebbe essere un buon direttore delle poste, ma questo è tutto. Ha deriso i suggerimenti che Hitler potrebbe eventualmente guidare il governo. "Signori", ha detto ai consiglieri politici, "spero che non mi riterrete in grado di nominare questo caporale austriaco come cancelliere del Reich".

Hitler decise di mettere alla prova il suo crescente sostegno correndo contro Hindenburg alle elezioni presidenziali di marzo 1932. Il leader nazista fece una campagna vigorosa, in particolare nelle zone della Germania dove non era ben noto. Ha impiegato lo slogan Hitler in Germania ("Hitler sulla Germania") e noleggiò aerei per visitare e fare campagne in più di due dozzine di grandi città. Sebbene Hindenburg abbia vinto le elezioni con il 49% dei voti, la campagna elettorale e la conseguente attenzione dei media hanno portato Hitler sotto i riflettori nazionali. Hitler era abbastanza convincente da vincere il 30 per cento dei voti presidenziali, mentre la sua crescente importanza aiutò i nazisti nel Reichstag elezioni di luglio 1932. In questo sondaggio l'NSDAP ha vinto l'230 dei posti 608, rendendolo di gran lunga la più grande festa del Reichstag.

Alla fine del 1932, molti conservatori stavano apertamente facendo pressioni su Hindenburg per la nomina di Hitler al cancelliere. Dissero a Hindenburg che avere Hitler come cancelliere avrebbe consegnato i voti del ministero NSDAP nel Reichstag - e questo potrebbe essere usato per limitare l'influenza dei socialdemocratici (SDP), un partito disprezzato da Hindenburg. Il presidente, che aveva una bassa opinione delle capacità di Hitler e gravi preoccupazioni per il suo fanatismo, rimase freddo all'idea. Come i suoi ex colleghi in Reichswehr, Hindenburg era anche preoccupato per la rapida crescita e la delinquenza indisciplinata dell'esercito privato di Hitler, la Sturmabteilung (SA). Il presidente ha respinto il suggerimento di un ministero hitleriano e ha chiesto un'altra soluzione.

Hitler godette anche del sostegno in altri settori della società tedesca. L'immagine pubblica del leader dell'NSDAP, l'impressionante capacità di parlare e le trattative aggressive gli avevano fatto guadagnare il sostegno di molti ricchi industriali e imprenditori. Diversi importanti capitalisti avevano fatto grandi donazioni politiche al NSDAP, permettendogli di continuare le sue attività politiche durante il peggio della Grande Depressione. Il magnate del giornale Alfred Hugenberg non solo ha fornito sostegno finanziario a Hitler, ma ha anche esortato i suoi redattori a fornire al leader nazista una copertura mediatica comprensiva. Molti di questi potenti uomini scrissero a Hindenburg, esortandolo a considerare la nomina di Hitler a cancelliere.

Hindenburg li ha ostacolati attraverso 1932. La sua ultima speranza per una soluzione è stata la Reichstag elezioni di novembre 1932. Ma come tutte le elezioni precedenti, non è riuscito a produrre un governo di maggioranza o persino una coalizione stabile. Hindenburg ha nominato Kurt von Schleicher, a Reichswehr generale, al cancelliere, nella speranza che potesse formare una sorta di coalizione di lavoro con il NSDAP. Ma il cancelliere di von Schleicher fu breve, una breve raccolta di fallimenti e occasioni mancate. Von Schleicher è stato continuamente minato dai giornali filo-nazisti di Hugenberg, che hanno pubblicato articoli critici ed editoriali, chiedendo la sostituzione di von Schleicher con un leader più forte, "come Herr Hitler".

Anche a incoraggiare la nomina di Hitler dietro le quinte c'era Franz von Papen. Un conservatore che era stato lui stesso cancelliere fino a novembre, quando fu licenziato a favore di von Schleicher, von Papen era un intrigante egoista, che vedeva nell'incertezza di Hindenburg un'opportunità per ripristinare la propria influenza. Ha esortato il presidente a considerare la sostituzione di von Schleicher con Hitler. Ha alleviato le preoccupazioni di Hindenburg sul fanatismo nazista suggerendo che Hitler, nonostante tutte le sue grandi intenzioni e intensità personale, fosse un novizio politico; una volta al potere, poteva essere tenuto sotto controllo e facilmente controllato.

“The Nation ha interpretato la nomina di Hitler come 'un trionfo personale', ma ha pensato che fosse improbabile che avrebbe 'governato senza controllo'. Hindenburg si era "impegnato a impedire che qualsiasi potere reale scivolasse" nelle mani di Hitler. Pertanto sembrava "improbabile" che le principali politiche sociali o economiche naziste sarebbero state attuate. Non c'erano dubbi sul fatto che von Papen sarebbe stato "il vero capo del governo" ... La possibilità che il governo [di Hitler] avrebbe mantenuto le sue promesse era "del tutto fuori questione". "
Michael Zalampas, storico

Il vecchio presidente infine cedette il 30 gennaio 1933, quando convocò Hitler nel suo ufficio per ricevere il cancelliere. Secondo la leggenda, Hindenburg era così riluttante a dare a Hitler le redini del governo che riusciva a malapena a guardare il leader nazista negli occhi. Ma la nomina fu comunque presa, Hitler giurò che avrebbe "impiegato le mie forze per il benessere del popolo tedesco, proteggere la Costituzione e le leggi del popolo tedesco, adempiere coscienziosamente i doveri che mi sono stati imposti e condurre i miei affari in modo imparziale e con giustizia a tutti ". Il nuovo cancelliere era uno dei soli tre nazisti nel governo degli 11 uomini, un piano elaborato da von Papen per limitare il potere di Hitler. Hitler era così salito al potere sulle spalle di Hindenburg e von Papen, un fatto riconosciuto in un fumetto britannico.

La notizia della nomina di Hitler fu accolta con disprezzo dalla stampa democratica in Germania e altrove in Europa. A Berlino, l'International News Service ha riferito che "Adolf Hitler, capo nazista che iniziò la vita come imbianchino e spazzino, ha raggiunto l'ambizione della sua vita oggi quando è stato nominato Cancelliere del Reich". Uno degli uomini che avevano sostenuto il putsch di Monaco di Hitler del 1923 era l'ex capo di Hindenburg, il generale Paul von Ludendorff. Alla notizia della nomina di Hitler, Ludendorff telegrafò Hindenburg, dicendo al presidente "... hai consegnato la nostra Patria a uno dei più grandi demagoghi di tutti i tempi ... Le generazioni future ti malediranno nella tomba per questa azione". L'uomo determinante nella nomina di Hitler, von Papen, rimase presuntuoso sulla sua capacità di controllare il nuovo cancelliere. "Tra due mesi avremo stretto Hitler in un angolo finché non squittisce", ha detto von Papen a un confidente. Non avrebbe potuto essere più sbagliato. Nel giro di due mesi Hitler si era impadronito di quasi tutto il potere politico in Germania, smembrando lo Stato, depotenziandolo Reichstag e consegna la democrazia di Weimar al deserto della storia.

1. Sebbene la sua popolarità fosse aumentata, specialmente nella Germania meridionale, all'inizio di 1932 Hitler era ancora un politico marginale.

2. Il presidente Hindenburg non nutriva grande rispetto o ammirazione per Hitler, ritenendolo indegno della leadership.

3. A luglio 1932 i nazisti, aiutati dai baroni della stampa, hanno vinto i posti 230 e sono diventati la più grande festa del Reichstag.

4. Frustrato dall'inerzia politica, Hindenburg fu convinto a licenziare von Schleicher come cancelliere e nominare Hitler come suo sostituto.

5. L'uomo che si agitò per la nomina di Hitler e lo suggerì a Hindenburg, Franz von Papen del partito di centro, credeva che Hitler potesse essere controllato e moderato.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Hitler diventa cancelliere"
Autori: Jennifer Llewellyn, Jim Southey, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/nazigermany/hitler-becomes-chancellor/
Data di pubblicazione: Luglio 10, 2015
Data di accesso: Gennaio 23, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.