Hitler e il Reichswehr

Reichswehr
I soldati della Reichswehr prestano giuramento di fedeltà a Hitler

Il rapporto tra Hitler e il Reichswehr L'esercito regolare tedesco fu un fattore critico per la sopravvivenza e il successo del regime nazista. IL Reichswehr ebbe un'influenza importante sulla politica tedesca durante l'era di Weimar. Fortemente tradizionalisti e conservatori, i generali dell' Reichswehr disprezzava la costituzione di Weimar, il suo sistema politico, il suo governo democratico debole e instabile. Maggior parte Reichswehr i generali appartenevano all'élite prussiana, quindi favorivano l'autoritarismo e la partecipazione militare al governo e alla formazione delle politiche. IL Reichswehr mantenne anche stretti legami con gruppi nazionalisti e paramilitari, come il Freikorps. La prima metà degli anni '1920 fu disseminata di voci secondo cui il Reichswehr potrebbe sostenere, o addirittura avviare, una controrivoluzione. Questi timori furono placati nel 1925 quando il generale Paul von Hindenburg fu eletto alla presidenza. Gli antidemocratici in Reichswehr credeva che Hindenburg, un ex leader militare fidato e adorato, avrebbe protetto la nazione dai pericoli della democrazia.

Il Reichswehr condiviso molte idee e obiettivi con il nascente NSDAP. Entrambi desideravano una restaurazione del potere imperiale e militare tedesco. Entrambi odiavano il Trattato di Versailles, le riparazioni di guerra degli Alleati e l'occupazione francese della Ruhr. Entrambi desideravano un governo autoritario, abbastanza forte da proteggere la sovranità tedesca. Questo terreno comune avrebbe dovuto rendere i nazisti e i nazisti Reichswehr alleati politici – o almeno solidali con gli interessi reciproci. Ma il rapporto tra i due gruppi era problematico. Hitler aveva diversi ammiratori tra gli ufficiali di alto rango Reichswehr. Ma ad altri non piaceva il leader nazista, considerandolo un caporale austriaco che si era innalzato al di sopra della sua posizione. Consideravano Hitler non come un potenziale leader nazionale o comandante militare, ma come un organizzatore di attaccabrighe, scagnozzi e teppisti di strada. Hitler sarebbe stato molto probabilmente un fuoco di paglia politico che sarebbe caduto con la stessa rapidità con cui era risorto. Il più forte dei critici di Hitler fu il Reichswehr il comandante in capo, il generale Kurt von Hammerstein-Equord, che ha descritto i nazisti come una "banda criminale" e "pervertiti".

Un'altra preoccupazione urgente per Reichswehr generali è stata la rapida crescita del Sturmabteilung (SA), il paramilitare nazista. Nel 1932 le SA contavano più di 150,000 uomini; in confronto, il Reichswehr era limitata a soli 100,000 uomini dal trattato di Versailles. Reichswehr gli ufficiali erano anche allarmati da parte della retorica politica radicale nei ranghi delle SA. Alcuni nelle SA cominciarono a parlarne come di un nascente esercito rivoluzionario, destinato a sostituire e forse anche a combattere l'esercito rivoluzionario. Reichswehr. Hitler, che per gran parte del 1932 corteggiò l’esercito per ottenere il suo sostegno, minimizzò queste idee. In un incontro del febbraio 1932 con Reichswehr comandanti, Hitler assicurò loro che le SA erano puramente un movimento politico e culturale: non aveva ambizioni militari e nessuna intenzione di sostituire Reichswehr. Promise ai generali che un governo guidato dai nazisti avrebbe posto fine alla democrazia, reinstallato un governo autoritario e – cosa importante per loro – ignorando il trattato di Versailles ed espandendo e riarmando le forze armate.

Gli impegni di Hitler gli valsero il cauto sostegno di alcuni – ma non di tutti – Reichswehr capi. Hammerstein-Equord continuò a diffidare di Hitler e a fare pressioni contro di lui. Nel dicembre 1932, durante il cancelliere pieno di conflitti di Kurt von Schleicher, Hammerstein-Equord fece visita a Hindenburg e lo esortò a non nominare Hitler come cancelliere. Hindenburg ha rimproverato il generale per aver interferito nelle questioni politiche. Alcuni giorni dopo essere diventato cancelliere, Hitler incontrò nuovamente gli ufficiali militari di alto rango e ribadì il suo impegno ad ampliare il territorio Reichswehr. Hitler nominò anche il generale Werner von Blomberg ministro della difesa. Sebbene von Blomberg non fosse un membro dell'NSDAP, era un forte sostenitore di Hitler – e come generale dell'NSDAP Reichswehr fornirebbe un collegamento importante tra il governo, i militari e il partito nazista. La nomina del filonazista Blomberg rese insostenibile la posizione di Hammerstein-Equord; alla fine del 1933 si era dimesso da Reichswehr comandante in capo. Blomberg in seguito supervisionò la prima fase di espansione militare ordinata da Hitler. Emanò anche delle proprie direttive, alcune delle quali avevano lo scopo di impressionare Hitler, come il congedo di 74 ebrei Reichswehr soldati per motivi razziali.

Per quanto fedele fosse Blomberg a Hitler, anche lui era molto preoccupato per la crescita delle SA. Alla fine del 1933 i membri delle SA si avvicinavano ai tre milioni di uomini. Si parla della SA che sostituisce il Reichswehr era aumentato. Le SA, si diceva, incarnavano lo spirito rivoluzionario giovanile del nazionalsocialismo. "Aspetta finché papà Hindenburg non muore", strombazzava un leader delle SA, "poi le SA marceranno contro l'esercito". Il leader delle SA Ernst Rohm suggerì ripetutamente a Hitler che lui (Rohm) avrebbe dovuto sostituire Blomberg come ministro della difesa. Quando Hitler rifiutò queste richieste, Rohm divenne critico nei confronti del Fuhrer, sia in pubblico che in privato. In un'occasione Rohm causò un piccolo scandalo riferendosi a Hitler come "un caporale ridicolo".

Tentativi di allentare le tensioni tra il Reichswehr e le SA nella primavera del 1934 si rivelarono infruttuose. A giugno Blomberg fece visita a Hitler su ordine del presidente malato Hindenburg. Il vecchio voleva che la situazione fosse risolta; Hindenburg aveva anche lasciato intendere che, se ciò non fosse stato possibile, avrebbe potuto imporre la legge marziale e il controllo delle mani sulla Germania Reichswehr. Questa minaccia implicita portò Hitler a ordinare la "Notte dei lunghi coltelli", un'epurazione guidata dalle SS che vide decine di persone arrestate e uccise, la maggior parte dei quali leader delle SA. Le SA furono ridimensionate e private del loro potere, liberate dai suoi demagoghi e spacconi, gli uomini che volevano che le SA guidassero la rivoluzione nazista piuttosto che seguirla. IL Reichswehr la leadership fu placata e la loro fiducia in Hitler fu rafforzata.

“Tutti quelli che vorrebbero combatterci, ora ci servono – nella Reichswehr”.
Adolf Hitler, fine 1934

L'influenza di Hitler sul Reichswehr fu ulteriormente rafforzata un mese dopo, con la morte del malato Hindenburg (2 agosto 1934). La fusione della carica di cancelliere con la presidenza lo ha reso capo del governo, capo di stato e, soprattutto, comandante in capo delle forze armate. La mossa era costituzionalmente illegale, ma Hitler aggirò gli aspetti legali programmando un plebiscito nazionale che ottenne un forte sostegno pubblico. Poco dopo il plebiscito, il ministro della Difesa Blomberg modificò la Reichswehreid – il giuramento di fedeltà prestato da tutti Reichswehr personale - su insistenza di Hitler. I soldati tedeschi ora giuravano la loro fedeltà direttamente ad Adolf Hitler, piuttosto che alla nazione e al comandante in capo. Questo non solo vincolava il Reichswehr più vicino al leader nazista, rese la disobbedienza o la slealtà nei confronti di Hitler una violazione del giuramento, e quindi un reato punibile. Nel marzo 1935 Hitler ordinò un programma di espansione militare e la reintroduzione della coscrizione, una mossa che piacque Reichswehr generali. Il 20 maggio 1935 Hitler annunciò formalmente la riorganizzazione delle forze di difesa: la Reichswehr fu riformato e ribattezzato come una nuova forza militare guidata dai nazisti chiamata Wehrmacht.

1. Nonostante sia stato ridimensionato a Versailles, il Reichswehr (esercito regolare) rimase un fattore importante nella politica tedesca.

2. Consapevole che il regime nazista aveva bisogno del sostegno del Reichswehr, Hitler iniziò a corteggiare i suoi generali facendo promesse di espandere e riqualificare i militari.

3. Le dimensioni crescenti e la retorica ostile della SA interessata Reichswehr comandanti, che avevano una visione negativa del grado e degli archivi delle SA ma temevano il loro potenziale militare.

4. A metà 1934 Hitler ordinò la Notte dei coltelli lunghi, in parte per occuparsi dell'intransigenza nella SA e placare i generali della Reichswehr.

5. Con la morte di Hindenburg in agosto 1934, gli uomini del Reichswehr iniziò a giurare lealtà direttamente a Hitler. L'anno seguente, il Reichswehr è stato riformato come Wehrmacht.


© Alpha History 2018. Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato o distribuito senza autorizzazione. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.
Questa pagina è stata scritta da Jennifer Llewellyn, Jim Southey e Steve Thompson. Per fare riferimento a questa pagina, utilizzare la seguente citazione:
J. Llewellyn et al, “Hitler e il Reichswehr“, Alpha History, accesso [data odierna], https://alphahistory.com/nazigermania/hitler-and-the-reichswehr/.