Antisemitismo nazista

antisemitismo
Un cartone animato nazista raffigura ebrei come insetti

Le origini dell'antisemitismo nazista sono oggetto di dibattito. Adolf Hitler era uno dei tanti leader nazisti che nutrivano un odio per il popolo ebraico. Sono state avanzate molte teorie sul motivo per cui Hitler e il suo movimento fossero così veementemente antisemiti.

Origini dei pregiudizi di Hitler

La maggior parte degli storici concorda che i pregiudizi antiebraici di Hitler furono probabilmente acquisiti durante i suoi giorni a Vienna. La capitale austriaca prima della prima guerra mondiale era uno dei porti più forti d'Europa per l'antisemitismo. I politici viennesi usavano spesso voci ebraiche e teorie del complotto per ottenere voti.

Hitler è stato ispirato da questi uomini. Hanno fornito al giovane artista in difficoltà scuse e capri espiatori per le sue sofferenze personali. In particolare ammirava Karl Lueger, un sindaco viennese che proponeva leggi che limitano gli ebrei.

Le prove delle convinzioni antiebraiche di Hitler possono essere trovate in Mein Kampf e trascrizioni di molti dei suoi discorsi politici. Come la maggior parte degli antisemiti, Hitler pensava che le nazioni civilizzate d'Europa fossero sistematicamente minate da cospiratori e sabotatori ebrei. Considerava il comunismo un'invenzione ebraica, uno strumento distruttivo della cosiddetta "cospirazione mondiale ebraica".

Antisemitismo tedesco

L'antisemitismo era una caratteristica della vita tedesca molto prima di Hitler. La Germania era un focolaio di idee e materiale antisemita durante il 1800. Gli ebrei tedeschi hanno fornito agli estremisti un comodo capro espiatorio per i problemi politici ed economici dell'epoca.

I giornalisti e giornalisti nazionalisti che cercano l'unificazione degli stati tedeschi nella metà degli 1800 spesso accusavano gli ebrei di opporsi o sabotare questo processo. Anche i banchieri, i finanziatori e gli imprenditori ebrei furono accusati di recessioni e recessioni commerciali.

Le cospirazioni antisemite continuarono durante e dopo la prima guerra mondiale. A volte gli ebrei venivano accusati di sabotare lo sforzo bellico, anche se più di 100,000 ebrei prestavano servizio nell'esercito tedesco. Più tardi, il famigerato Dolchstoßlegende ("pugnalata alla teoria della schiena") offriva un'altra strada per l'antisemitismo. La convinzione prevalente di molti ex soldati era che la Germania avrebbe potuto ancora vincere la guerra e l'armistizio del novembre 1918 fu un atto di tradimento progettato da ebrei e socialisti.

Questi odi razziali continuarono a fiorire negli anni disperati degli anni '1920. La maggior parte dei gruppi di destra dell'era di Weimar ospitava almeno alcune idee antisemite o antisemite. La maggior parte di questi gruppi, tuttavia, mantenne sotto controllo il proprio antisemitismo. Gli odiatori più rumorosi e più intensi degli ebrei sono stati espulsi dai partiti tradizionali, come il Partito nazionale del popolo tedesco (DNVP). Molti di questi bigotti finirono nelle file del partito nazista.

L'antisemitismo nazista represso

Durante gli anni formativi dell'NSDAP, Hitler ha lavorato per frenare gli antisemiti della linea dura nel partito e nelle SA. Questa è stata una mossa tattica. Hitler voleva che il suo partito sviluppasse una patina di rispettabilità, per ottenere il sostegno dei ricchi industriali e della classe media. Un intenso antisemitismo avrebbe provocato pubblicità negativa o problemi da parte di potenti interessi economici ebraici, in un momento in cui l'NSDAP era piccolo e fragile.

Un altro fattore era che Hitler voleva che l'antisemitismo nazista fosse intelligente, organizzato ed efficace, non impulsivo, spontaneo e populista. Il leader nazista voleva un piano sistematico per rimuovere gli ebrei dalla vita culturale ed economica tedesca. Questo andava oltre il semplice schernirli o permettere alle SA di picchiarli.

Ha espresso questo desiderio di un "antisemitismo razionale" nel 1919:

“L'antisemitismo basato esclusivamente sull'emozione troverà la sua massima espressione nei pogrom… ma l'antisemitismo basato sulla ragione deve portare alla campagna legale organizzata e alla rimozione dei privilegi ebraici. Il suo obiettivo finale e incrollabile deve essere l'eliminazione degli ebrei ".

Disumanizzare gli ebrei tedeschi

Nella primavera del 1933, dopo che Hitler aveva consolidato la sua presa sul potere, iniziò a dispiegare questa "campagna legale organizzata" contro la popolazione ebraica tedesca. Il primo passo è stato portare l'antisemitismo fuori dalle taverne e dai dietro le quinte e nell'arena pubblica. I tedeschi ordinari venivano istruiti sul "nemico" all'interno delle loro file.

I propagandisti nazisti hanno rilasciato un'ondata di materiale antisemita che ha assunto molte forme, ma si è concentrato su temi coerenti. Il tema più coerente prevedeva convincere i tedeschi ariani che gli ebrei erano poco più che umani. Furono rappresentati come una razza avida, depravata e connivente Untermensch (sub-umani) che predarono tedeschi sfortunati. Gli uomini ebrei furono dipinti come contaminatori di donne ariane, stupratori e molestatori di bambini.

L'ebreo è stato dipinto come una forza economica dirompente ed egoista. Non ci si poteva fidare dei commercianti e dei commercianti ebrei, che vendevano beni di qualità inferiore ai tedeschi ariani per un rapido profitto. I banchieri ebrei estorsero denaro dai comuni tedeschi e usarono il loro controllo finanziario per paralizzare la prosperità tedesca. Artisti ebrei, produttori cinematografici e proprietari teatrali hanno prodotto materiale che ha minato la moralità tedesca e i valori cristiani.

Streicher e Der Sturmer

Mentre i nazisti rafforzavano la loro presa sulla propaganda, l'informazione e la stampa, la campagna antiebraica aumentava. Gli ebrei venivano accusati di ogni aspetto indesiderabile della società tedesca: omicidi e aggressioni sessuali, sparizioni, microcriminalità, violenza di strada, accattonaggio, prostituzione, pornografia, vendita di alcol e droghe illegali, persino inquinamento.

Uno dei principali esponenti dell'antisemitismo fu Julius Streicher, un membro di alto livello del partito di Norimberga. In 1923, Streicher ha formato il giornale settimanale Der Sturmer. Le sue pagine erano piene di cartoni antisemiti e truffe oltraggiose sulla condotta, i crimini e le cospirazioni ebraiche.

La casa editrice di Streicher ha anche prodotto libri per bambini per indottrinare i giovani. Il più noto di questi era il Toadstool ("The Toadstool"), un avvertimento ai giovani tedeschi che gli ebrei erano una razza "velenosa" che si era infiltrata nelle file dei tedeschi ariani. Questo materiale ha trovato la sua strada nelle scuole tedesche durante l'era nazista e spesso ha costituito la base di lezioni basate sulla razza, come "come riconoscere un ebreo".

Il punto di vista di uno storico:
“[Molti tedeschi] furono attratti dall'antisemitismo perché erano attratti dal nazismo, non il contrario. Molti di coloro che hanno votato nazista hanno semplicemente ignorato o razionalizzato l'antisemitismo del partito, così come hanno ignorato gli altri aspetti spiacevoli del movimento nazista ".
William S. Allen

1. Hitler ha quasi certamente acquisito le sue idee antisemite durante il suo periodo come artista in difficoltà a Vienna, dove l'antisemitismo era diffuso.

2. Come altri antisemiti, Hitler finì per credere in una cospirazione mondiale ebraica e che il comunismo fosse un complotto ebraico per minare le nazioni.

3. L'antisemitismo era diffuso anche in Germania durante il XIX secolo, diffuso da politici e scrittori nazionalisti.

4. Durante gli anni '1920, Hitler tenne sotto controllo le sue idee antisemite mentre cercava di consolidare, costruire e rafforzare il giovane partito nazista.

5. Una volta al potere, i nazisti scatenarono una guerra di propaganda contro gli ebrei tedeschi, guidati da uomini come Julius Streicher, editore del famigerato Der Sturmer giornale.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Antisemitismo nazista"
Autori: Jennifer Llewellyn, Jim Southey, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/nazigermany/nazi-anti-semitism/
Data di pubblicazione: 24 Agosto 2020
Data di accesso: Dicembre 31, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.