Donne nella Germania nazista

donne nella Germania nazista
Propaganda nazista che enfatizza la famiglia e la maternità

Le vite delle donne nella Germania nazista sono state modellate dalle politiche e dagli atteggiamenti emanati dal governo nazionalsocialista (NSDAP) e dalle opinioni personali di Adolf Hitler. L'ideologia nazista sosteneva che le donne tedesche avevano poco o nessun posto nella vita politica e professionale. Invece, il loro ruolo principale era quello di sposarsi, procreare e crescere figli.

Le opinioni di Hitler

Hitler aveva idee tradizionaliste di genere. Probabilmente furono influenzati da sua madre, una casalinga semplice ma premurosa che proteggeva suo figlio dal padre severo e talvolta brutale. Nella mente di Hitler, il ruolo naturale per le donne era domestico: esistevano per badare alla casa, prendersi cura dei loro mariti, partorire e crescere i figli.

Hitler credeva che le donne fossero più gentili, più gentili e più emotive degli uomini. Non li considerava attrezzati per sopravvivere al tumulto e alla pressione dei luoghi di lavoro, degli affari o della politica. Negli ambienti sociali, Hitler preferiva le donne che erano tranquille, modeste e materne. Trovava difficile rilassarsi con donne sicure, schiette, ben istruite o di successo professionale.

La prova di queste opinioni può essere trovata in Mein Kampf e alcuni discorsi di Hitler: "Le donne sono le eterne madri della nazione"; “Le donne sono l'eterna compagna degli uomini”; “Il compito trionfante delle donne è dare alla luce e accudire i bambini”; "Gli uomini sono disposti a combattere ... le donne devono essere lì per allattarli".

Hitler ha respinto qualsiasi idea o suggerimento di uguaglianza di genere. Ha respinto la spinta per i diritti delle donne e la parità di retribuzione per le donne come complotti comunisti. In un discorso del 1935, il leader nazista disse che:

“La concessione di uguali diritti alle donne, che il marxismo richiede, in realtà non garantisce uguali diritti ... ma costituisce invece una privazione dei diritti, poiché attira le donne nei regni della società dove sono inferiori. La donna ha il suo campo di battaglia. Con ogni bambino che mette al mondo, combatte la sua battaglia per la nazione ".

Restituire le donne alla maternità

Le opinioni patriarcali di Hitler hanno plasmato la politica e la propaganda nazista. Una delle principali politiche sociali dei nazisti era quella di riportare le donne alla maternità, al fine di aumentare la popolazione tedesca.

Nel luglio 1933, il regime nazista approvò la legge per l'incoraggiamento al matrimonio. Le coppie sposate hanno ricevuto una prima forma di "bonus bambino": un prestito statale di 1,000 Reichmarks. Questo prestito è stato in parte rimborsato ogni volta che la moglie ha partorito: un quarto è stato rimborsato dopo il primo figlio e il prestito è stato completamente estinto dopo quattro figli. Il governo nazista ha concesso questi prestiti statali a quasi 695,000 coppie sposate tra il 1933 e il 1936.

Anche le donne nella Germania nazista furono bombardate da discorsi e propaganda. La maggior parte di questa propaganda suggeriva che le loro aspirazioni più alte dovrebbero essere sposarsi, occuparsi della casa e crescere una prole sana.

Sono state celebrate la gravidanza e la maternità. La propaganda ha lodato Kindersegen (donne con bambini) come eroi nazionali. Alle donne che hanno avuto più figli è stato persino assegnato un medaglione, il Ehrenzeichen der Deutschen Mutter ('Croce d'onore della madre tedesca'). Questa croce è stata assegnata in bronzo per un quarto figlio, in argento per un sesto e in oro per un ottavo.

donne nella Germania nazista
Croce d'oro della madre tedesca per quelli con otto figli

"Il valore di una nazione si manifesta nella volontà delle sue donne di diventare madri preziose ... la Germania deve tornare a diventare una terra fertile di madri e bambini ... l'esistenza o la non esistenza del nostro popolo è decisa unicamente dalla madre".
Mayer, eugenista nazista

contraccezione

Oltre a promuovere la maternità, i nazisti ponevano anche restrizioni sull'aborto e la contraccezione. Queste restrizioni erano guidate da aspetti pratici piuttosto che da posizioni ideologiche ferme.

Durante il periodo di Weimar, scienziati tedeschi avevano guidato il mondo nello sviluppo di dispositivi contraccettivi, in particolare preservativi, diaframmi e dispositivi intrauterini (IUD). Il fatto che molti pionieri della medicina contraccettiva fossero ebrei irritava ulteriormente i nazisti.

L'atteggiamento dei nazisti nei confronti della contraccezione divenne ciò che la storica Jill Stephenson chiama "un curioso di repressione e di apparente illuminazione". I nazisti volevano aumentare il tasso di natalità, in particolare tra gli ariani e tra i membri delle SS, ma comprendevano anche gli effetti debilitanti delle malattie sessualmente trasmissibili. Così, sebbene la contraccezione fosse nominalmente vietata, i preservativi continuarono ad essere disponibili nelle città tedesche. Sono stati anche riforniti e distribuiti da medici militari.

Aborto

Anche il regime nazista ha represso l'aborto. I nazisti imposero severi requisiti per l'interruzione della gravidanza per motivi medici e severe sanzioni per gli aborti illegali. La propaganda nazista ha descritto l'aborto come un "crimine contro il corpo e contro lo Stato".

Nel 1932, l'anno prima dell'ascesa al potere di Hitler, poco meno di 44,000 donne tedesche fecero domanda per interrompere una gravidanza e 34,698 di queste furono approvate. Tra il 1935 e il 1940, c'erano solo 14,333 domande e 9,701 approvazioni.

Al contrario, i medici approverebbero gli aborti - persino li incoraggerebbero - se il paziente fosse non ariano. Nel novembre 1938, un tribunale statale gestito dai nazisti stabilì che l'aborto doveva essere legale e liberamente disponibile per tutte le donne ebree.

Le donne occupate

Mentre i nazisti descrivevano le madri tedesche come eroe nazionali, le donne single e le donne che lavoravano venivano trattate come cittadini di seconda classe.

Hitler era pieno di disprezzo per le donne che avevano un'occupazione retribuita. Lo definì uno stratagemma marxista, un tentativo di indossare donne in tuta e stivali da lavoro per privarli della loro femminilità.

Questa derisione per le donne single e che lavorano si rifletteva nella politica. Le donne non sposate erano considerate dalla legge come Staatsangehöriger ("sudditi dello Stato"), lo stesso status giuridico concesso in seguito agli ebrei e ai malati di mente.

Quando i nazisti presero il potere nel 1933, c'erano 100,000 insegnanti donne e 3,000 dottoresse che lavoravano in Germania. Alla fine la maggior parte è stata licenziata, costretta a dimettersi o spinta al matrimonio e alla maternità.

Dal 1936, alle donne fu proibito di lavorare come giudici, avvocati, presidi e una serie di altre professioni. Le donne sono state anche rimosse da posizioni di alto rango o influenti in agenzie governative, enti di beneficenza, scuole e ospedali, per essere sostituite da uomini. I posti universitari e universitari per le donne erano limitati a una quota fissa del 10%.

donne nella Germania nazista
Una copertina di una rivista che descrive il ruolo delle donne, secondo il NSDAP

Donne femminilizzanti

I nazisti tentarono anche di "ri-femminilizzare" le donne spogliando quella che consideravano la decadenza dell'era di Weimar.

Cabaret e jazz club furono chiusi nel 1935 (anche se molti club underground continuarono, fornendo intrattenimento per ufficiali delle SS e membri del partito). I governi locali gestiti dai nazisti hanno approvato regolamenti che vietano alle donne di cantare, ballare o apparire a gambe nude in pubblico.

I nazisti commissionarono persino agli stilisti di moda lo sviluppo di nuovi stili che riflettessero le percezioni nazionalsocialiste del genere. Le donne erano esortate a indossare abiti e gonne piuttosto che pantaloni. L'abbigliamento realizzato con tessuti importati o costosi è stato condannato come uno spreco. Anche il trucco e le acconciature eccessive o "poco femminili", come permanenti o tagli più corti, erano sconsigliate.

Gruppi di donne naziste

Due gruppi nazisti per donne, il Nationalsozialistische Frauenschaft (Lega delle donne naziste) e Werk Glaube und Schönheit (Lavoro, fede e bellezza) tenevano lezioni che enfatizzavano fitness, bellezza e lavoro domestico. L'obiettivo di entrambi i gruppi era produrre donne ariane fedeli al regime nazista, attraenti per gli uomini e preparate per la maternità.

La valutazione delle politiche naziste riguardo alle donne e alla crescita della popolazione porta a risultati contrastanti. I tentativi di Hitler di corteggiare le donne tedesche e conquistare la loro lealtà furono per la maggior parte riusciti. Essendo state ampiamente ignorate dai leader precedenti, migliaia di donne tedesche consideravano Hitler il loro salvatore. Non era raro per le case tedesche avere una foto del Fuhrer, anche un piccolo santuario ornato di candele e fiori.

Eppure, nonostante le loro politiche e l'intensa propaganda, i nazisti non sono riusciti a ottenere una notevole crescita della popolazione. Il tasso di natalità tedesco era in costante calo dal 1880 - le politiche sociali del NSDAP lo hanno aumentato, anche se solo leggermente:

Nascite vive per
A 1000 persone
1880 1890 1900 1910 1920 1930 1938
39.3 35.7 35.6 29.8 25.9 17.6 19.2

donne naziste della Germania

1. L'atteggiamento nazista nei confronti delle donne rispecchiava le visioni tradizionaliste e patriarcali di Adolf Hitler. Secondo Hitler, le donne erano meglio equipaggiate per essere mogli, madri e donne delle pulizie.

2. Attraverso la politica e la propaganda nazista, le donne professioniste furono rimosse e scoraggiate dal lavoro retribuito, mentre le donne single e lavoratrici furono emarginate.

3. I nazisti hanno anche tentato di aumentare il tasso di natalità promuovendo e premiando la maternità, attraverso la propaganda, prestiti sponsorizzati dallo stato e medaglie per le donne che hanno avuto quattro o più bambini.

4. Il regime nazista ha anche introdotto restrizioni all'aborto e alla contraccezione (sebbene solo per le donne ariane) e ha tentato di "ri-femminilizzare" le donne modificando il modo in cui si vestivano e si comportavano.

5. Queste assertive politiche di genere e propaganda produssero solo un leggero aumento del tasso di natalità nei primi cinque anni del dominio nazista.

donne naziste

Citazioni della Germania nazista: donne e maternità

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Donne nella Germania nazista"
Autori: Jennifer Llewellyn, Jim Southey, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/nazigermany/women-in-nazi-germany/
Data di pubblicazione: 2 Agosto 2020
Data di accesso: Gennaio 25, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.