Ideologia nazista

ideologia nazista
Una forte leadership da parte di un sovrano era un elemento chiave del nazismo

Adolf Hitler e i suoi seguaci nel Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori (NSDAP) ha espresso un forte impegno verso valori e idee. Sotto la guida di Hitler, il NSDAP sviluppò la propria ideologia che ne informò i metodi e gli obiettivi. Hanno chiamato questa ideologia nazionalsocialismo. Questa pagina discute l'evoluzione dell'ideologia nazista

Idee mutevoli

Agli estranei, il nazismo può essere sembrato rigidamente ideologico, ma questo era vero solo in parte. Mentre il nazionalsocialismo aveva idee e pregiudizi comuni, la stessa ideologia nazista era relativamente fluida. È cambiato nel tempo a seconda delle condizioni e delle situazioni richieste. Potrebbe anche essere ampio, generale o piuttosto vago.

Il partito nazista ha pubblicato pochissime espressioni chiare e definitive della sua ideologia. Due delle articolazioni più note dell'ideologia nazista erano l'NSDAP Punti 25 (redatto nel 1920) e le sconclusionate memorie di Hitler Mein Kampf (1924).

Per molti aspetti, l'ideologia nazista è stata definita dallo stesso Hitler. Era contenuto nei suoi discorsi, dichiarazioni politiche e ordini. È cambiato frequentemente nel tempo, poiché gli obiettivi di Hitler sono cambiati ed è stato spesso confuso o contraddittorio.

Contesto storico

Il nazismo fu una delle tre ideologie radicali ad apparire in Europa dopo prima guerra mondiale. Il fascismo, spesso soprannominato il "fratello maggiore" del nazismo, prese forma in Italia durante la guerra. Ideato in gran parte da Benito Mussolini, il fascismo ha respinto il socialismo e la democrazia a favore di un sistema politico ed economico autoritario, dominato da un unico leader.

Il socialismo sovietico, un'ideologia di sinistra con elementi di totalitarismo, emerse in Russia dopo il Rivoluzione 1917. È iniziato come un movimento per rovesciare il capitalismo e sostituirlo con una "dittatura operaia". Alla fine, la Russia finì nelle mani del dittatore rivale di Hitler, Joseph Stalin, a cui importava poco della vita o del benessere dei lavoratori.

Il nazismo aveva alcune somiglianze con entrambi, ma era anche un fenomeno distintamente nazionale, attinto da idee, eventi e tradizioni peculiari della Germania.

Il nazionalsocialismo fu sviluppato da nazionalisti intransigenti il ​​cui unico interesse era il futuro della Germania e del popolo ariano di lingua tedesca. Di conseguenza, avevano poco interesse a creare un movimento internazionale, esportare le loro idee in altri paesi o cambiare il mondo al di fuori dell'Europa. Il ripristino della supremazia economica e militare tedesca era la loro principale preoccupazione.

Documenti su pietra angolare

I due documenti cardine dell'ideologia nazista furono i 25 punti del NSDAP (1920) e l'autobiografia di Hitler, Mein Kampf (1924). Le idee naziste furono anche delineate o discusse in molti dei discorsi di Hitler. Nessuna di queste fonti, tuttavia, era di natura costituzionale. Hanno offerto pochi dettagli su come le idee naziste dovrebbero funzionare nella pratica.

Hitler sembrava preferire che le espressioni dell'ideologia nazista fossero brevi, semplici e ampiamente inquadrate. Più volte negli anni '1920 Hitler si oppose alle proposte di espandere o rielaborare i 25 punti del partito, dichiarandoli "inviolabili".

Questa era probabilmente una strategia deliberata. Se l'ideologia nazista era delineata vagamente o in termini generali, Hitler era libero di interpretarla o reinventarla come meglio credeva.

Principi 10 dell'ideologia nazista

Mentre l'ideologia nazista era aperta all'interpretazione e nel tempo è cambiata, è rimasta ferma su una serie di valori e credenze fondamentali. I seguenti principi 10 erano una caratteristica coerente dell'ideologia nazista:

1. Autoritarismo

I nazisti desideravano un governo forte e un vasto potere statale. Hanno creduto al Stato nazista non potrebbe funzionare efficacemente se non disponesse dei mezzi per imporre la propria volontà e applicare le sue politiche. Le decisioni dovevano essere prese da un leader con un potere quasi assoluto (a fuhrer). Tutta l'autorità politica e la sovranità spettavano a questo leader, a cui il popolo dovrebbe affidarsi per prendere decisioni importanti a suo nome (Führerprinzip). Nessun partito o organizzazione politica diverso dal NSDAP potrebbe essere tollerato. Altri gruppi con influenza politica, come i sindacati o chiese, sarebbe limitato o abolito.

2. Totalitarismo

Per i nazisti, il potere statale aveva pochi limiti e si estendeva a tutti gli aspetti della vita politica, sociale e culturale tedesca. Credevano che fosse dovere del governo non solo elaborare una politica, ma modellare, coordinare e regolare la società per il miglioramento della nazione. Un governo totalitario deve avere il potere di controllare la stampa e i sindacati, limitare le libertà civili, gestire l'istruzione e impiegare la propaganda. Le libertà liberali dal potere del governo - come le libertà civili, i diritti individuali e le libertà - erano considerate irrilevanti e subordinate agli interessi dello Stato.

3. Nazionalismo

Il nazismo era principalmente un'ideologia nazionalista. Si occupava solo della Germania e dei suoi interessi: ripristinare l'economia tedesca, raggiungere l'autosufficienza economica, ricostruire i suoi militari, acquisire territorio e provvedere al popolo tedesco. I nazisti avevano scarso interesse a formare o migliorare le relazioni internazionali, oltre a far avanzare gli interessi tedeschi. Detestavano la diplomazia e disprezzavano i gruppi multilaterali come la Società delle Nazioni. Hitler e i suoi seguaci non avevano intenzione di onorare o rispettare i trattati stranieri esistenti o di negoziare quelli nuovi, tranne dove poteva aiutare a raggiungere i propri obiettivi.

4. Militarismo

Hitler ei suoi seguaci credevano che il riarmo e l'espansione delle forze armate tedesche fosse essenziale per la difesa della nazione. Il riarmo è stato effettuato in barba alle restrizioni imposte dal Trattato di Versailles. Hitler considerava la forza militare essenziale per espandere lo stato tedesco. L'organizzazione e la cultura del NSDAP erano fondamentalmente militaristiche. Ciò è stato dimostrato dalle dimensioni e dalla popolarità dei gruppi paramilitari del partito: i Sturmabteilung (SA) e Schutzstaffel (SS).

5. Espansionismo

Hitler e i nazisti sognavano di unificare i popoli ariani di lingua tedesca in un grande stato tedesco. Per raggiungere questo obiettivo, Hitler credeva che il suo regime avrebbe dovuto acquisire I Lebensraum, o "spazio vitale", per soddisfare le esigenze della nuova Germania. Questo spazio vitale sarebbe stato sottratto ai non ariani dell'Europa orientale, a paesi come la Cecoslovacchia, la Polonia e la Russia. Il primo passo per creare una Germania più grande sarebbe il raggiungimento Collegamento: l'unione di Germania e Austria.

6. Una "terza via"

Gli orrori della prima guerra mondiale e della Grande Depressione hanno visto molte persone rifiutare i sistemi politici ed economici esistenti, come la democrazia parlamentare e il capitalismo. Il socialismo emerse come un'alternativa, ma sia il nazismo che il fascismo si consideravano ideologie della "terza via", o alternative sia alla democrazia che al socialismo. Hitler era notoriamente ostile alla democrazia, che considerava una forma di governo debole e indecisa, troppo incline alle interferenze e alle infiltrazioni di forze distruttive. Disprezzava anche il comunismo, considerandolo un'invenzione ebraica per schiavizzare le razze non ebree.

7. Sovranità economica

Potere economico, prosperità e autosufficienza erano priorità per il NSDAP. I nazisti hanno cercato la creazione di posti di lavoro per tedeschi disoccupati, il ripristino della prosperità nazionale, il recupero della produzione industriale e il riarmo militare. Credevano che il ruolo dello stato fosse quello di gestire l'economia, dettando ciò che doveva essere prodotto, allocando risorse e gestendo il lavoro. La disoccupazione verrebbe affrontata mettendo i disoccupati a lavorare a beneficio dello stato. I nazisti non avevano obiezioni alla proprietà privata del capitale, a condizione che questi capitalisti fossero disposti a soddisfare le priorità del governo (e purché non fossero ebrei).

8. Valori tradizionali

Le tradizioni conservatrici erano una caratteristica forte dell'ideologia nazista. I nazisti si sono spesso dipinti come un nuovo movimento, ma hanno anche promosso i valori tradizionali. Hitler parlava spesso di proteggere i valori tedeschi di lunga data, comprese le credenze cristiane e volkisch collegamenti con la terra. Spesso si rifaceva al 19 ° secolo, quando la Germania era governata da uomini d'acciaio come Otto von Bismarck e la società tedesca era relativamente indifferente a influenze dirompenti come il socialismo, il liberalismo, la democrazia ei diritti delle donne.

9. Teorie razziali

La loro oscura ossessione per la razza separava Hitler ei nazisti da molti altri gruppi fascisti e nazionalisti. I nazisti consideravano gli ariani - quelli dell'eredità nordica, con i capelli biondi e gli occhi azzurri - la "razza superiore" d'Europa. Secondo Teorie razziali naziste, Gli ariani erano fisicamente più forti, intellettualmente avanzati e più dotati culturalmente di altre razze europee. I nazisti consideravano razze come ebrei, slavi e romani Untermensch ("uomini inferiori"). I nazisti abbracciarono la pseudo-scienza di eugenetica, secondo cui la società potrebbe essere migliorata adottando politiche di "igiene genetica", come la sterilizzazione obbligatoria o l'eutanasia dei malati di mente o dei disabili.

10 Volksgemeinschaft

Traducendo come "comunità di persone", Volksgemeinschaft non ebbe origine con i nazisti. Invece, è venuto dai difficili anni della prima guerra mondiale. Il principio di Volksgemeinschaft era che tutti i tedeschi dovessero unirsi e lavorare insieme per ridurre le differenze di classe, ricchezza e tenore di vita. In realtà, i nazisti non avevano alcun interesse in questo tipo di livellamento o unità sociale - ancora Volksgemeinschaft figurato pesantemente nella propaganda del NSDAP. Ciò dava l'impressione che il nazismo fosse un movimento coeso e unificante.

Ala destra o ala sinistra?

ideologia nazista
Nella "teoria del ferro di cavallo" gli estremi sono più vicini l'uno all'altro

Il nazismo era un'ideologia di destra o di sinistra? La comprensione convenzionale suggerisce che il nazismo e il fascismo occupassero l'estrema destra dello spettro politico, con il socialismo all'estrema sinistra. Questa valutazione si basa sull'idea che lo spettro politico sia lineare o retto, ma molti suggeriscono che si tratti di una rappresentazione semplicistica delle opinioni politiche.

Alcuni storici e commentatori politici sostengono che il nazismo aveva più in comune con il socialismo stalinista che il vero conservatorismo. Hitler e Stalin erano entrambi leader totalitari che si sbarazzarono di rivali politici e dissidenti. Entrambi i regimi ponevano i bisogni dello stato su quelli dell'individuo. Entrambi hanno sfruttato e controllato l'economia per soddisfare le priorità nazionali. Entrambi cercarono di espandere le loro nazioni, Hitler a est, Stalin a sud e ovest.

C'erano alcune differenze critiche tra nazismo e stalinismo, tuttavia, in particolare nella loro politica economica. La proprietà privata del capitale era consentita nella Germania nazista ma bandita nella Russia sovietica. Sotto Hitler, i magnati industriali della Germania divennero ancora più ricchi mentre i proprietari di piccole imprese furono spesso elogiati e incoraggiati. Il capitale privato veniva sequestrato solo se apparteneva a ebrei.

Entrambi i dittatori hanno cercato di rilanciare la produzione industriale ma hanno utilizzato approcci diversi. Entrambi avevano punti di vista e politiche diverse per quanto riguarda classe, razza e genere.

Il filosofo francese Jean-Pierre Faye suggerisce che il nazismo e il socialismo stalinista occuparono diverse estremità di un ferro di cavallo (vedi diagramma sopra). Si opponevano ideologicamente ma condividevano obiettivi e metodi.

Il punto di vista di uno storico:
“Prima della guerra totale, il nazismo era un pot-pourri. Il razzismo e il nazionalismo si sono scontrati con il conservatorismo rivoluzionario socialista di molti membri del Mittelstand (classe media). Idee romantiche provenivano da gruppi giovanili di destra. Hitler poteva pronunciare il vangelo dell'anticapitalismo ai lavoratori e il vangelo dei profitti agli uomini d'affari. Era un sacco di idee incoerenti e incoerenti. "
Walter Phillips

idee naziste

1. I nazisti chiamavano la loro ideologia nazionalsocialismo mentre oggi viene generalmente indicato come nazismo. A differenza di altre ideologie politiche, non è stato articolato in molti dettagli ma è stato ampiamente definito in Mein Kampf ei 25 punti dell'NSDAP.

2. Al suo centro, il nazismo ruotava attorno a un leader onnipotente, uno stato forte, un nazionalismo intenso, un focus sul militarismo e la forza militare, la subordinazione dell'individuo agli interessi nazionali e la purezza della razza.

3. Il nazismo ha cercato di riparare la supremazia tedesca ripristinando l'economia, mettendo i disoccupati al lavoro, rilanciando la produzione industriale, riarmando i militari e ignorando i trattati stranieri.

4. I nazisti tornarono anche ai tradizionali valori del governo autoritario, del conservatorismo sociale e delle credenze cristiane dell'19 secolo, rafforzandoli nella retorica e nella propaganda.

5. Sebbene non identici, i nazisti utilizzarono metodi e approcci simili a quelli impiegati dal socialismo stalinista in Russia. Ciò ha sollevato la questione se le due ideologie siano rimosse quanto è stato precedentemente affermato.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Ideologia nazista"
Autori: Steve Thompson, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/nazigermany/nazi-ideology/
Data di pubblicazione: Luglio 4, 2020
Data di accesso: Giugno 25, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.