La strada per la guerra

strada per la guerra
Hitler esamina le truppe tedesche in rotta verso la Polonia in 1939

I nazisti iniziarono la strada verso la guerra a metà degli anni '1930, quando Hitler e il suo governo adottarono politiche interne ed estere che contribuirono allo scoppio della seconda guerra mondiale. Molti hanno coinvolto flagranti violazioni del Trattato di Versailles (1919), così come altri accordi internazionali. Tuttavia, sebbene i governi europei fossero ben consapevoli di queste violazioni, non intrapresero alcuna azione decisa contro la Germania. La maggior parte dei leader ha adottato una linea morbida sul regime di Hitler, ignorando o razionalizzando le sue azioni. Preferirono fare concessioni alla Germania piuttosto che rischiare un'altra guerra devastante. Questo approccio è diventato noto come pacificazione. Con il senno di poi, l'appeasement della Germania nazista fu un errore di giudizio. Incoraggiava Hitler, che era già deciso alla guerra e alla conquista, a intimidire e minacciare ulteriormente i vicini della Germania.

Le seguenti politiche, eventi e fattori nazisti contribuirono tutti allo scoppio della seconda guerra mondiale in 1939:

Riarmo. La politica economica di Hitler fino alla metà degli anni '1930 si concentrò sul riarmo e sull'espansione delle forze armate tedesche. Questo programma iniziò in segreto ma era ampiamente conosciuto in tutta Europa nel 1935, l'anno in cui Hitler reintrodusse la coscrizione e approvò la prima di numerose grandi parate militari. L'anno successivo Hitler svelò il suo Piano quadriennale: apparentemente un programma economico per raggiungere l'autosufficienza tedesca; in realtà un programma per preparare le forze armate della nazione alla guerra. All'inizio del 1939, le forze armate tedesche contavano più di 900,000 soldati, 8,000 aerei e 95 navi da guerra.

La Renania. La regione che circonda il fiume Reno era essenzialmente una zona cuscinetto tra la Germania ei suoi vicini occidentali: Francia, Belgio, Lussemburgo e Olanda. Il trattato di Versailles proibiva alla Germania di stazionare forze militari in quest'area. Nel marzo 1936 Hitler ordinò alle truppe tedesche di rientrare nella Renania, a dispetto del trattato. La rimilitarizzazione della Renania non fu certo un incidente drammatico (la maggior parte dei soldati della Wehrmacht entrò nella regione su trattori ea cavallo; era stato ordinato loro di ritirarsi se i francesi avessero risposto). La mossa avrebbe potuto istigare una guerra con la Francia, le cui forze erano allora numericamente superiori a quelle di Hitler. Ma il Führer aveva scelto il suo momento: la Francia era nel bel mezzo di un'elezione e distratta dalle questioni interne. Né Londra né Bruxelles si opposero alla re-militarizzazione, sebbene Winston Churchill - allora un backbencher alla Camera dei Comuni - propose un'azione militare per rimuovere le truppe tedesche.

Il memorandum di Hossbach. Nel novembre 1937 Hitler convocò i suoi consiglieri di politica estera e comandanti militari a un incontro segreto a Berlino. Lì ha esposto le sue preoccupazioni sulla crescita economica della Germania, sottolineando la necessità dell'autarchia (autosufficienza nel cibo e nelle materie prime) ma anche riconoscendo che sarebbe stata irraggiungibile. Hitler propose invece una soluzione militare: l'espansione nell'Europa orientale in modo che la Germania potesse accedere a terra e materie prime lì. Gran parte della riunione si è concentrata su come le potenze europee avrebbero risposto a questo. I consiglieri di Hitler concordarono sul fatto che l'aggressione contro nazioni come la Cecoslovacchia avrebbe probabilmente provocato la guerra con Gran Bretagna e Francia - ma esortarono Hitler ad aspettare, suggerendo che la Germania non sarebbe stata preparata per una grande guerra fino al 1941 o al 1942. Le discussioni a questo incontro furono registrate in un memorandum preparato del colonnello Friedrich Hossbach. Questo documento è stato uno degli elementi di prova più convincenti dei piani di guerra di Hitler.

Collegamento, Il termine Anschluss è tedesco per "connessione". Negli anni '1930 è stato utilizzato per descrivere la proposta unione di Germania e Austria. C'era stato un certo sostegno per questo già nel 1918 - tuttavia uno stato austro-tedesco combinato era considerato un pericolo per i suoi vicini, quindi fu esplicitamente vietato nel Trattato di Versailles. Verso la metà degli anni '1930 l'Austria aveva un proprio gruppo nazista, influenzato dal movimento dei suoi genitori in Germania. Nel luglio 1934 i nazisti austriaci lanciarono un fallito tentativo di colpo di stato, uccidendo il cancelliere austriaco. Hanno continuato ad attirare membri e sostenere l'unificazione con la Germania, una proposta respinta dal governo centrista di Vienna. Sotto notevole pressione, il cancelliere austriaco Schuschnigg convocò un referendum del marzo 1938 sull'indipendenza austriaca. Affermando che le elezioni erano truccate, Hitler inviò a Schuschnigg un ultimatum: cedere il potere al partito nazista austriaco o affrontare l'invasione Wehrmacht. Schuschnigg ha chiesto aiuto alla Gran Bretagna e alla Francia, ma questo è stato rifiutato, quindi ha rassegnato le dimissioni da cancelliere. Le forze tedesche hanno attraversato il confine il giorno successivo, trasferendosi in Austria senza resistenza. I nazisti locali furono installati al potere a Vienna; Collegamento è stato confermato (99.7 per cento) da un plebiscito di aprile XN, quasi certamente truccato.

Sudeti. Dopo aver assicurato Anschluss con l'Austria, Hitler rivolse la sua attenzione ai Sudeti, una regione occidentale della Cecoslovacchia abitata principalmente da lingua tedesca. La Cecoslovacchia era essa stessa una nazione relativamente nuova, scolpita dal vecchio impero austro-ungarico dal Trattato di St Germain (settembre 1919). Ma Hitler non aveva rispetto per questo trattato o per la sovranità cecoslovacca. Iniziò a sostenere che i tedeschi di etnia tedesca nei Sudeti erano perseguitati da Praga. Un piccolo ma vocale gruppo filo-nazista nei Sudeti, guidato da Konrad Henlein, ha fatto eco a queste lamentele, anche se la maggior parte sono state esagerate o fabbricate. Nell'aprile 1938 il partito di Henlein ha chiesto l'autonomia politica per i Sudeti. Fino alla metà del 1938 organizzarono attacchi terroristici contro le truppe e le strutture del governo cecoslovacco. Hitler, in un minaccioso discorso a Berlino, promise di proteggere i tedeschi nella Cecoslovacchia occidentale:

“Per quanto riguarda il problema dei Sudeti-tedeschi, la mia pazienza ora è finita! Ho fatto un'offerta a Benes [leader cecoslovacco] ... la decisione ora è nelle sue mani: pace o guerra! O accetterà questa offerta e darà ai tedeschi la loro libertà - oppure andremo a prendere questa libertà per noi stessi! "

Accordo di Monaco. Con Hitler che minacciava la Cecoslovacchia, il primo ministro britannico Neville Chamberlain intervenne, incontrando tre volte il Führer nel settembre 1938. Al primo di questi incontri, il 15 settembre, Chamberlain accettò le richieste di Hitler; La Gran Bretagna ha successivamente sollecitato la Cecoslovacchia a concedere i Sudeti alla Germania. I due leader si sono incontrati di nuovo una settimana dopo e la posizione di Hitler si è irrigidita: ha chiesto alle forze tedesche di avere accesso immediato alla regione dei Sudeti. Il 29 settembre Hitler, Chamberlain, Benito Mussolini (Italia) e Edouard Daladier (Francia) si sono incontrati a Monaco per risolvere la crisi. Firmarono un accordo che approvava l'annessione nazista dei Sudeti, a condizione che Hitler non procedesse oltre in Cecoslovacchia. Al leader cecoslovacco Benes fu detto che poteva sottomettersi all'occupazione dei Sudeti o resistere da solo ai nazisti; ha scelto il primo. Chamberlain tornò in Gran Bretagna dove notoriamente - e erroneamente - disse che l'accordo di Monaco aveva assicurato "la pace per il nostro tempo". Le truppe tedesche entrarono nei Sudeti due giorni dopo. Nel dicembre 1938, le elezioni ci restituirono un 97.3% di voti per il partito nazista.

Cecoslovacchia. Avendo perso la sua regione occidentale a causa dei nazisti, alla fine del 1938 la Cecoslovacchia fu ulteriormente dilaniata dalle conferenze internazionali. Un significativo territorio cecoslovacco fu ceduto a Germania, Ungheria e Polonia, riducendolo e indebolendolo ulteriormente come nazione. Hitler, ovviamente, non aveva intenzione di onorare l'accordo di Monaco. Nel marzo 1939 convocò a Berlino il nuovo leader cecoslovacco, Emil Hacha, e gli disse che più tardi quel giorno sarebbe iniziata un'invasione nazista. Minacciato con il bombardamento a tappeto di Praga dalla Luftwaffe, Hacha ha ordinato la resa delle sue forze armate. Alla fine del giorno successivo, lo stesso Hitler era a Praga e proclamava la vittoria. La Cecoslovacchia indipendente cessò di esistere; la sua metà orientale, la Slovacchia, ottenne l'autonomia come stato satellite filo-nazista. L'accordo di Monaco è stato smascherato come una farsa; la politica di pacificazione era fallita completamente. La spietatezza, la disonestà e il disprezzo di Hitler per i negoziati internazionali erano stati smascherati.

Il patto tedesco-sovietico. A metà del 1939 i nazisti avevano rivolto la loro attenzione alla Polonia. In pubblico, la principale preoccupazione di Hitler era la città di Danzica, una volta parte della Prussia orientale ma ora nel profondo territorio polacco. Come per i Sudeti, la maggior parte dei cittadini di Danzica era di lingua tedesca. Ma il vero interesse di Hitler per la Polonia era il lebensraum: "spazio vitale" e risorse naturali per i tedeschi. L'unico ostacolo a un'invasione nazista della Polonia era il modo in cui l'Unione Sovietica avrebbe potuto rispondere. La questione fu risolta nell'agosto 1939 con la firma del Trattato di non aggressione tra la Germania e l'Unione Sovietica. Questo accordo impegnava Berlino e Mosca a relazioni pacifiche per un periodo di cinque anni; prevedeva anche scambi di materie prime, macchinari e armi. Hitler e Stalin erano stati in precedenza acerrimi rivali, più propensi a fare la guerra che a firmare trattati di pace, quindi il patto ha scioccato gli osservatori di tutto il mondo. Sarebbero rimasti più scioccati se avessero saputo che allo stesso tavolo dei negoziati, nazisti e sovietici avevano fatto piani segreti per dividere e rivendicare la Polonia e l'Europa orientale.

Il punto di vista di uno storico:
“Il termine 'pacificazione' era originariamente un termine di approvazione. Aveva connotazioni positive di cambiamento pacifico in un mondo non recuperato, e forse mai da riprendersi, dalle devastazioni della ... Grande Guerra ... Era in questo contesto che la prospettiva di un'altra guerra appariva non solo terrificante ma in un certo senso senza speranza da scegliere. in carica in Inghilterra e Francia negli anni '1930. L'ultima volta si erano raschiati con la pelle dei denti; quali erano le prospettive di farlo di nuovo? C'erano delle cause concepibili per cui avrebbero potuto invitare i loro popoli a combattere e morire ancora una volta? "
Gerhard Weinberg

guerra della Germania nazista

1. La marcia verso la guerra è stata guidata dall'ossessione di Hitler per I Lebensraum: ottenere più territorio per il popolo tedesco.

2. Le sue intenzioni sono state chiarite in un incontro con i leader militari alla fine del 1937, come riportato nel memorandum di Hossbach.

3. In 1938, Hitler ordinò una serie di mosse provocatorie ed espansionistiche in Austria e Cecoslovacchia.

4. La Gran Bretagna e la Francia adottarono una politica di pacificazione, che consentì un po 'di espansione tedesca nella speranza di prevenire la guerra.

5. Nell'accordo 1938 di Monaco, Hitler si impegnava a frenare un'ulteriore espansione se le sue rivendicazioni sulla sovranità tedesca sul Sudetenland fossero riconosciute.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La strada per la guerra"
Autori: Jennifer Llewellyn, Jim Southey, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/nazigermany/the-road-to-war/
Data di pubblicazione: 2 settembre 2015
Data di accesso: Giugno 12, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.