Schutzstaffel: la SS

Schutzstaffel
La familiare aquila nazista e cranio su un berretto delle SS. Immagine gentilmente concessa da Friedrich Berthold.

Il Schutzstaffel (SS) fu costituita per ordine di Hitler nell'aprile 1925. Cominciò come una piccola unità specializzata delle Sturmabteilung (SA) con un ruolo specifico: fornire guardie del corpo a Hitler e ad altri nazisti di alto rango (il nome Schutzstaffel significa "personale protettivo"). Due dei più stretti collaboratori di Hitler, Julius Schreck ed Emil Maurice, furono determinanti nell'organizzazione di questa nuova unità. Entrambi avevano marciato al fianco di Hitler durante la Monaco colpo di stato ed erano abbastanza vicini da essere considerati amici del Führer. Schreck sarebbe diventato il primo leader delle SS, mentre Maurice fu riconosciuto come il "membro numero due", dopo Hitler. Nel 1926 Hitler ordinò la riorganizzazione delle SS su base nazionale. I funzionari del partito in ogni grande città tedesca dovevano fornire alle SS un leader e dieci dei loro uomini migliori. Gli ufficiali e i soldati delle SS erano selezionati con cura: avevano tra i 25 ei 35 anni, di ottima salute e abitudini sobrie. Dovevano anche prestare giuramento di fedeltà allo stesso Adolf Hitler, piuttosto che al NSDAP.

Nei suoi primi anni, le SS furono soggette a interferenze e bullismo da parte delle SA, la sua organizzazione madre. Molti tra i ranghi delle SA risentivano dell'elitarismo e della lealtà fanatica delle SS. Manovrarono per isolare le SS: limitandone il numero, bloccando i trasferimenti e scoraggiando il reclutamento. I leader delle SS durante questo periodo – Schreck, Joseph Berchtold ed Erhard Heiden – combatterono per mantenere in vita il ramo e sostenerne il numero. Gli iscritti alle SS ammontavano a 1,000 nel 1926, ma scesero a soli 280 nel 1928. Molti esponenti delle SA espressero l'opinione che le SS fossero un'organizzazione ridondante che avrebbe dovuto essere sciolta. Le SA, sostenevano, potrebbero fornire una protezione adeguata ai leader del partito, riflettendo al tempo stesso meglio i valori più ampi del NSDAP. All'inizio del 1929 le SS sembravano spacciate dopo che Hitler fu costretto a licenziare il comandante delle SS Heiden per "rapporti inappropriati" con un uomo d'affari ebreo. La guida dell'unità passò a Heinrich Himmler, un piccolo impiegato occhialuto, dalla voce pacata e senza servizio militare. Gli uomini duri delle SA credevano di poter calpestare quest'omino e consegnare finalmente le SS alla pattumiera della storia. Ciò dimostrerebbe una grossolana sottovalutazione di Himmler, delle sue capacità organizzative e del suo fanatismo.

«I cavalieri neri di Himmler Schutzstaffel (SS), una classe speciale di guerrieri definita dalla razza e dal sangue. Sono stati scelti a mano come i più germanici di tutti i tedeschi. Nella mente di Himmler, erano il legame tangibile della nazione con i guerrieri primordiali, che erano sia superuomini che divinità ... Erano veri credenti spietati ... Anche oggi, l'immagine di un soldato delle SS provoca brividi ".
Bill Yenne, scrittore

Fin dall’inizio, il nuovo leader delle SS si dimostrò un gran lavoratore e ossessionato dai dettagli organizzativi – a differenza dei suoi predecessori, e in effetti a differenza dello stesso Hitler. Himmler era anche affascinato dalle teorie sulla purezza razziale e sulla supremazia ariana. Iniziò a immaginare le SS come un moderno ordine di cavalieri-guerrieri teutonici, un'idea derivata dal concetto di Ubermensch ("superuomini"), sposato dal filosofo tedesco Friedrich Nietzsche. A differenza dell'appartenenza alle SA, l'ingresso nelle SS sarebbe riservato alle persone di razza pura e fisicamente in forma. Ad un certo punto nel 1929, Himmler fece pressioni su Hitler con queste idee, chiedendo il permesso di attuare un programma di reclutamento basato sulla purezza razziale. Hitler acconsentì, anche se a questo punto era più interessato a salvaguardare la propria posizione politica che ad affrontare questioni di razza.

Schutzstaffel
Heinrich Himmler nell'uniforme nera della SS

Grazie alla Fuhrer's Con il suo sostegno, Himmler iniziò a commercializzare le SS come il ramo paramilitare d'élite del partito. L'accettazione nelle SS era sia un onore che un segno della propria purezza razziale e del proprio talento naturale. Lealtà, ordine e disciplina militare furono promossi come valori fondamentali delle SS. Himmler autorizzò l'uso di nuove uniformi e insegne, che avrebbero distinto le SS dalle SA. La camicia marrone fu mantenuta, ma ad essa fu aggiunta una tunica nera con trecce d'argento, la cranio o emblema della "testa di morto", rune sui colletti delle SS e altre insegne. Questi cambiamenti hanno avuto un impatto immediato. Ex soldati scontenti e Freikorps i membri ammiravano da tempo la piattaforma ideologica del partito nazista, ma non gradivano la grossolanità, la mancanza di controllo e la criminalità da ubriachi che erano evidenti nei ranghi delle SA. L'elitarismo, la disciplina e l'efficienza militare delle SS di Himmler li attraevano. Alla fine del 1929 il numero delle SS era tornato a superare i 1,000. Questi aumenti continuarono nel 1930 (3,000 membri), 1932 (30,000) e 1933 (52,000). Alla fine del 1933, in seguito all’ascesa al potere di Hitler, il numero delle SS era cresciuto fino a superare i 200,000.

ss
Membri delle Waffen SS, l'ala di combattimento dell'organizzazione

Sebbene nominalmente facessero ancora parte delle SA, nel corso del tempo alle SS fu concessa maggiore autonomia e indipendenza. Nel 1931 Hitler decretò che i comandanti delle SA non avevano più l'autorità di impartire ordini alle unità delle SS. La struttura delle SS fu modificata per consentire battaglioni completi di stile militare anziché brigate di dieci uomini. Himmler dava la caccia a individui, in particolare ex ufficiali militari, che potessero trasformare le SS in una forza paramilitare professionale e disciplinata. Tra le persone reclutate durante questo periodo c'erano uomini spietati come l'ex ufficiale di marina Reinhard Heydrich e il capo della polizia di Monaco Heinrich Muller, a entrambi fu affidata la responsabilità della sicurezza interna. Nel 1933-34 furono studiati i ranghi delle SS, poi epurati dagli indesiderabili, come i pigri, gli indisciplinati e i forti bevitori. Le SS furono ampliate e microgestite da Himmler e dai suoi subordinati, per garantire che fossero più fedeli fuhrer che festa. Questa lealtà sarebbe stata messa a frutto a metà del 1934 quando Hitler decise di muoversi contro le pericolose SA.

1. il Schutzstaffel oppure SS fu formata da Adolf Hitler in 1925, inizialmente come unità di sicurezza speciale per fornire protezione e guardie del corpo ai leader nazisti di alto rango.

2. Le SS iniziarono come sotto-ramo del Sturmabteilung o SA. Inizialmente i suoi numeri erano molto piccoli e da 1928 la sua appartenenza si era ridotta a meno degli uomini di 300.

3. Le fortune delle SS furono cambiate con la nomina da parte di Hitler di Heinrich Himmler come suo leader. Nonostante il suo aspetto e il suo comportamento insignificanti, Himmler era un amministratore meticoloso che riorganizzò, rianimò e ampliato le SS.

4. Sotto il comando di Himmler, le SS furono trasformate sia in una brigata paramilitare d'élite che in un'avanguardia razziale. Solo gli ariani sani, in forma ed etnicamente puri potevano unirsi alle SS.

5. Man mano che le SS crescevano di dimensioni e prestigio, le veniva gradualmente data maggiore autonomia dalla SA. La disciplina militare e la purezza razziale delle SS si appellarono agli ex soldati, e da 1933 vantava più dei membri di 50,000.


© Alpha History 2018. Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato o distribuito senza autorizzazione. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.
Questa pagina è stata scritta da Jennifer Llewellyn, Jim Southey e Steve Thompson. Per fare riferimento a questa pagina, utilizzare la seguente citazione:
J. Llewellyn et al, “Schutzstaffel – the SS”, Alpha History, consultato [data odierna], https://alphahistory.com/nazigermania/schutzstaffel-the-ss/.