Adolf Hitler

Adolf Hitler (1889-1945) è stato il leader del partito nazista e cancelliere e Fuhrer (leader supremo) della Germania tra il gennaio 1933 e la sua morte nel 1945.

vita in anticipo

Hitler nacque nel 1889 in una piccola città austriaca vicino al confine tedesco, il figlio più giovane di Alois, un burocrate meschino dal temperamento violento, e Klara, una donna calma e gentile. Klara Hitler ha cresciuto i suoi figli nella fede cattolica e da ragazzo Adolf ha servito come corista nella sua cattedrale locale.

Poco prima del suo ventesimo compleanno, Hitler si trasferì a Vienna, dove sperava di ottenere l'accettazione nella prestigiosa accademia d'arte della città. Era un artista competente piuttosto che di talento, tuttavia, fu rifiutato due volte dall'accademia.

Invece di studiare arte come aveva sognato, Hitler trascorse i successivi quattro anni per le strade della capitale austriaca. A volte riusciva a vendere piccoli ritratti o cartoline a colori per poche monete; altre volte, il futuro leader nazista era così indigente che faceva affidamento su mense per i poveri e rifugi per senzatetto.

Antisemitismo

Fu durante la sua miserabile giovinezza a Vienna che l'antisemitismo di Hitler si intensificò. L'atmosfera politica nella capitale austriaca era un focolaio di antisemitismo e insoddisfazione. Vienna aveva numerosi editorialisti di giornali antisemiti e dozzine di zampognari all'angolo della strada che inveivano e si arrabbiavano per la "minaccia ebraica". Come i loro fratelli tedeschi, gli austriaci in lotta hanno trovato negli ebrei un capro espiatorio pronto per i loro guai.

Questo ambiente ha indubbiamente modellato le opinioni di Hitler. Venne ad ammirare i politici austriaci che predicavano idee e slogan antisemiti, in particolare Georg von Schonerer e Karl Lueger. Gli ebrei erano anche attivi nella comunità artistica, quindi erano un comodo capro espiatorio per le disgrazie personali di Hitler.

Più tardi, nel suo libro di memorie Mein Kampf, Hitler ha descritto la sua vita a Vienna come un periodo di miseria, ma anche di rivelazione. "Ho smesso di essere un cosmopolita dalle ginocchia deboli e sono diventato un antisemita ... in questo momento di aspra lotta, le strade di Vienna avevano fornito preziose istruzioni".

Servizio di guerra

Nel 1913 Hitler entrò in Germania, principalmente per sfuggire al servizio militare obbligatorio nell'esercito austriaco. Sotto la minaccia di arresto e incarcerazione, tornò in Austria per arruolarsi nel febbraio 1914, ma fu respinto a causa di problemi di salute. Quando scoppiò la prima guerra mondiale nell'agosto del 1914, Hitler viveva nella città di Monaco, nella Germania meridionale, e lavorava come imbianchino. Ha presentato con successo una petizione al re bavarese per il permesso di arruolarsi lì, nonostante non avesse la cittadinanza tedesca.

Durante il suo servizio di guerra, Hitler rimase affascinato e rinvigorito dalla disciplina militare, dal cameratismo e dal nazionalismo tedesco. Ha servito sul fronte occidentale come corridore di trincea, rischiando costantemente la vita. Fu ferito più volte e vinse medaglie al coraggio, inclusa la prestigiosa Croce di Ferro.

Nel novembre 1918, mentre Hitler giaceva in ospedale per riprendersi da un attacco di gas, i generali tedeschi accettarono un armistizio che segnò la fine della guerra. Hitler fu devastato dalla capitolazione della Germania. Credeva che una vittoria tedesca fosse ancora realizzabile e che il paese fosse stato tradito dai "criminali di novembre": politici senza spina dorsale e infiltrati comunisti.

Come altri nazionalisti, Hitler ha accettato come fatto il Dolchstosselegend - la teoria della "pugnalata alle spalle" che attribuiva la resa tedesca al doppio gioco. Ancora una volta, gli ebrei potrebbero essere trovati al centro di questa teoria del complotto. Sebbene 12,000 ebrei tedeschi morirono in combattimento durante la prima guerra mondiale, i nazionalisti affermarono che gli ebrei erano contrari alla guerra e avevano minato lo sforzo bellico tedesco. Gli ebrei erano di nuovo un capro espiatorio, questa volta per la sconfitta tedesca.

Il partito nazista

Hitler potrebbe essere rimasto un altro antisemita rumoroso ma inefficace se non si fosse unito al Deutsche Arbeiterpartei (il DAP, o "Partito dei lavoratori tedeschi"). Quando partecipò a una delle sue riunioni nel settembre 1919, il DAP era solo un minuscolo partito marginale con una partecipazione di appena quattro dozzine di uomini. Lo stesso Hitler era stato inviato dall'esercito per spiare il gruppo e identificare possibili comunisti nelle sue file. Ma invece di spiare, Hitler fu travolto dalla retorica politica indignata e dai discorsi arrabbiati del DAP - e iniziò a pronunciare i suoi, qualcosa in cui eccelleva.

Nel 1920 Hitler era il principale oratore del DAP. Gli argomenti dei suoi discorsi erano solitamente incentrati sulle ingiustizie di Versailles e sull'influenza malevola degli ebrei europei. Nei mesi a venire, i membri del DAP crebbero rapidamente, in parte a causa dei discorsi di Hitler, e nel luglio 1921 ne divenne il leader.

Nel novembre 1923, il partito di Hitler - ormai chiamato il National Sozialistische Deutsche Arbeiter Partei (NSDAP, in seguito soprannominato i "nazisti") ha organizzato un tentativo di colpo di stato a Monaco. Fu un triste fallimento e Hitler fu imprigionato per cinque anni per tradimento, una condanna indulgente emessa da giudici comprensivi. Ha scontato solo nove mesi nella prigione di Landsberg.

Ascesa al potere

Al suo rilascio, Hitler decise di cambiare rotta e reinventare l'NSDAP come contendente per i seggi al Reichstag, l'assemblea nazionale tedesca. Sebbene disprezzasse ancora la democrazia e la politica parlamentare, Hitler credeva che potessero essere sfruttate per fornirgli una strada per il potere.

Hitler ottenne questo potere sulla scia della Grande Depressione e della disperazione che provocò in Germania. Con l'aumento della disoccupazione e il peggioramento delle condizioni, il sostegno elettorale all'NSDAP è aumentato. Nel luglio 1932, il partito di Hitler era il più grande del Reichstag, con il 37% di tutti i seggi.

Nel gennaio 1933, Adolf Hitler fu offerto il cancelliere della Germania come parte di un accordo politico. In poche settimane, un incendio nel Reichstag costruire a Berlino fornì a Hitler un pretesto ideale per smantellare la democrazia tedesca e aumentare il proprio potere. Entro sei mesi dal dominio nazista, la Germania era uno stato totalitario a partito unico con Hitler come dittatore.

Politiche antiebraiche

Hitler trascorse i due anni successivi consolidando il suo potere, affrontando i rivali del suo stesso partito ed espandendo il controllo nazista sullo stato. La morte del presidente tedesco Paul von Hindenburg nell'agosto 1934 permise a Hitler di aumentare ulteriormente il suo potere unendo gli uffici di presidente e cancelliere.

Hitler intraprese subito un'azione contro gli ebrei tedeschi, in particolare la sua legge dell'aprile 1933 che li espelleva dal servizio pubblico. Tuttavia, questo fu attenuato dopo l'opposizione di Hindenberg e altri. Entro la metà del 1935, gli antisemiti nel NSDAP esortavano Hitler a intraprendere un'azione più forte contro gli ebrei. Ha risposto approvando le leggi di Norimberga nel settembre dello stesso anno.

Le leggi di Norimberga hanno dato luogo a un flusso costante di restrizioni antisemite, divieti e revoche legali. Editto per editto, gli ebrei furono espulsi ed esclusi dalla vita politica, economica e culturale della Germania. Questo programma antiebraico si intensificò nel 1938 quando agli ebrei fu vietato di esercitare la medicina e la legge, di frequentare scuole statali o di possedere attività commerciali.

Il culmine di questa campagna prebellica contro gli ebrei arrivò nel novembre 1938 con lo spiegamento di Kristallnacht (la "Notte dei vetri rotti"), un pogrom nazionale di tre giorni rivolto agli ebrei e alle loro proprietà. Nel gennaio 1939, Hitler pronunciò un discorso politico e minacciò direttamente la popolazione ebraica d'Europa:

“Nel corso della mia vita sono stato molto spesso un profeta e di solito sono stato deriso per questo. Durante il periodo della mia lotta per il potere, era la razza ebraica che rideva delle mie profezie che un giorno avrei guidato la nazione ... e che, tra le altre cose, avrei risolto il problema ebraico. La loro risata era strepitosa, ma da qualche tempo ridevano dall'altra parte del viso. Oggi sarò di nuovo un profeta. Se i finanzieri ebrei dentro e fuori dall'Europa riusciranno a farci precipitare ancora una volta in una guerra mondiale, il risultato non sarà la vittoria globale del bolscevismo ebraico, ma l'annientamento della razza ebraica in Europa ".

“L'idea di distruggere gli ebrei aveva abitato le menti squilibrate degli antisemiti molto prima di Hitler, ma solo Hitler trasformò la fantasia in realtà. Solo Hitler ottenne il potere politico, comandò le risorse economiche, tecnologiche e militari per portare a termine quella distruzione. Per tutta la vita fu ossessionato dal pensiero di una guerra santa contro gli ebrei, che vedeva come l'Esercito del Diavolo e come i Figli delle Tenebre. Non ha mai deviato dalla sua dedizione risoluta all'obiettivo della loro distruzione ".
Lucy S. Dawidowicz, storica

Adolf Hitler

1. Da giovane, Adolf Hitler ha lottato per guadagnarsi da vivere a Vienna, dove è stato esposto a idee antisemite.

2. Si arruolò nell'esercito tedesco e combatté nella prima guerra mondiale, ma si sentì tradito dal cessate il fuoco dell'1918 di novembre.

3. Come molti altri, Hitler sentì la resa della Germania e le dure condizioni di guerra furono progettate dagli ebrei.

4. Si unì a un partito marginale in 1919, si alzò per diventare il suo leader e lo trasformò nel Partito nazista.

5. Hitler salì al potere in 1933, promettendo il ripristino della supremazia tedesca e l'azione contro i suoi ebrei.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Adolf Hitler"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/holocaust/adolf-hitler/
Data di pubblicazione: Luglio 26, 2020
Data di accesso: October 03, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.