Joseph Goebbels

Joseph Goebbels
Joseph Goebbels.

Joseph Goebbels (1897-1945) era il ministro della propaganda della Germania nazista, uno della cerchia ristretta di Hitler e - per 24 ore - il suo successore come fuhrer. Goebbels è nato nella regione industriale della Ruhr in Germania, i suoi sogni di servizio militare sono stati vanificati da una gamba deformata. Invece, il giovane Goebbels ha frequentato l'università e si è laureato con un dottorato in lettere. Entrò a far parte dell'NSDAP alla fine del 1924 e in pochi mesi divenne direttore di un giornale di partito. Nel 1926 Goebbels divenne Gauleiter (leader del partito) per Berlino, dove lanciò il suo giornale, Der Angriff ("L'attacco"). Nelle sue pagine Goebbels lanciò attacchi scurrili e inesorabili contro i principali ebrei della città, contribuendo al suo crescente antisemitismo. Come Hitler, un prolifico oratore, anche l'oratorio di Goebbels era intriso di voci, cospirazioni e minacce antiebraiche. Forse la sua azione antisemita più significativa fu quella di pronunciare il discorso del novembre 1938 che innescò la Notte dei Cristalli, o la "Notte dei vetri rotti".

-

In qualità di capo della propaganda di Hitler, Joseph Goebbels era responsabile della promozione dell'agenda politica del partito nazista e dell'infusione di valori antisemiti nella popolazione più ampia. Nato in una povera famiglia della Ruhr nel 1897, il giovane Goebbels soffrì di una gamba destra deformata che lo tenne fuori dall'esercito durante la prima guerra mondiale. Ha invece frequentato l'università e ha conseguito un dottorato in letteratura (per il resto della sua vita ha preferiva essere indirizzato come il dottor Goebbels). Goebbels immaginava una carriera come saggista e poeta, ma nonostante avesse pubblicato un libro non ebbe successo in questo campo. Le sue capacità di scrittura furono invece utilizzate dall'NSDAP, cui entrò a far parte nel 1924. Nel 1926 Goebbels fu nominato Gauleiter (capo del partito) per Berlino, una posizione di una certa importanza. Lì ha iniziato a pubblicare il suo giornale, Der Angriff ('L'attacco'). Anche se non così estremo, ribaldo o isterico come il settimanale di Julius Streicher Der Sturmer, il contenuto di Der Angriff era ancora spesso antisemita. La sua missione auto-dichiarata era quella di denunciare la corruzione e l'inganno a tutti i livelli del governo di Weimar - e gli ebrei erano spesso posti al centro di queste accuse. Politici ebrei, capi di polizia, burocrati e imprenditori sono stati oggetto di attacchi personali fulminanti, molti dei quali scritti personalmente da Goebbels. Queste selvagge diffamazioni erano accompagnate da caricature antisemite, fornite dal talentuoso fumettista Hans Schweitzer. Nei suoi primi anni Der Angriff era abbastanza insignificante, vendendo solo poche migliaia di edizioni ogni settimana, quasi tutte quelle a Berlino. Ma con l'aumentare della popolarità del NSDAP, lo stesso fece Der Angriff's circolazione, che ha superato 110,000 di 1932.

L'abilità di Goebbels come scrittore, propagandista e organizzatore ha migliorato la sua posizione all'interno dell'NSDAP. Nel 1932 supervisionò la campagna di Hitler per la presidenza (Hitler fu sconfitto ma la campagna di Goebbels rafforzò il fuhrer di profilo pubblico enormemente). Goebbels eccelleva nell'organizzazione di raduni e processioni e faceva un uso innovativo della radio e del cinema. Nel 1933 Hitler nominò Goebbels "Ministro della Propaganda e dell'Illuminazione pubblica". In questo ruolo Goebbels avrebbe dominato i mezzi di comunicazione tedeschi, prendendo il sopravvento su alcuni giornali e radio e mettendo a tacere quelli che avrebbero potuto criticare i nazisti. Il suo atteggiamento nei confronti dell'opinione pubblica era cinico. La propaganda era una prerogativa del governo, sosteneva Goebbels, e per avere successo, i messaggi di propaganda dovevano essere semplici e ripetuti spesso. "Che fortuna per i governi che la gente non pensa", ha scritto. "L'attività intellettuale è un pericolo per la costruzione del carattere." Goebbels era anche un prolifico oratore. Col tempo, divenne il secondo oratore più influente dell'NSDAP dopo Hitler. I suoi discorsi erano generalmente rilassati ma erano intrisi di grandi quantità di arguzia, sarcasmo e commenti sprezzanti. A metà degli anni Trenta Goebbels accrebbe l'antisemitismo nei suoi discorsi, forse un tentativo di ingraziarsi Hitler. Iniziò a concentrarsi maggiormente su temi antiebraici: l '"impurità" degli ebrei, l'esistenza di elementi criminali nella popolazione ebraica tedesca e il controllo ebraico dei governi e dei media stranieri. C'erano anche minacciose minacce e promesse per affrontare il "problema ebraico" in Germania in particolare e in Europa in generale. "Chiuderemo le loro bocche ebrei bugiardi!" Goebbels ha promesso in un discorso del 1930.

Istigatore di Kristallnacht

Anche Goebbels ha svolto un ruolo di primo piano nell'istigazione Kristallnacht, Il più grande pogrom antiebraico della Germania nazista prima della seconda guerra mondiale. Cominciò il 9 novembre 1938, poco dopo l'assassinio di un diplomatico tedesco a Parigi da parte di un ebreo polacco. La notizia giunse a Monaco, dove i leader nazisti celebravano il 25 ° anniversario della Birreria colpo di stato. Goebbels a questo punto era caduto in disgrazia con Hitler per una relazione extraconiugale (Goebbels era un famigerato fanatico sessuale mentre Hitler amava sua moglie Magda). A Monaco, Goebbels chiese al fuhrer se potesse consegnare il discorso commemorativo ai leader del partito; Hitler acconsentì poi se ne andò prima che Goebbels parlasse. Nel suo discorso, Goebbels ha esortato i leader del NSDAP in tutta la Germania ad agire contro gli ebrei, commenti che probabilmente erano destinati a ingraziarsi Hitler. Quali che fossero le motivazioni di Goebbels, nel giro di poche ore gli attacchi contro ebrei e proprietà di proprietà ebraica erano esplosi in diverse città tedesche. Più di cento ebrei furono uccisi e altri 30,000 furono imprigionati; Gli ebrei tedeschi hanno subito più di 1 miliardo di dollari in danni alla proprietà e distruzione.

Goebbels era anche responsabile della messa in servizio di numerosi film antiebraici, tra cui Jud Suss ("Ebreo Suss") Die Erwige Jude ("L'Eterno Ebreo") e Die Rothschilds ("I Rothschild"). Tutti e tre furono rilasciati nel 1940, forse come sforzo concertato del governo per preparare i tedeschi a un'azione più forte contro gli ebrei del paese. Tutti e tre i film rappresentavano gli ebrei come subdoli, ingannevoli, criminali e parassitari. Nel Jud Suss, il più di successo commerciale dei tre, il personaggio principale finge di essere cristiano prima di impegnarsi in truffe, sovversione politica e molestie delle donne ariane. Alla fine viene scoperto e impiccato. L'impatto di Jud Suss era così potente che diverse SS e Einsatzgruppen alle unità è stato ordinato di guardare il film prima dello spiegamento. Il meno popolare ma meglio conosciuto Die Erwige Jude ha assunto la forma di un documentario, offrendo prove fasulle e statistiche esagerate su crimini e cattiva condotta ebraica.

L'opinione comune tra gli storici è che Goebbels fosse uno dei peggiori "odiatori di ebrei" ai vertici dell'NSDAP. Alcuni sostengono che i pregiudizi antisemiti di Goebbels fossero così forti da radicalizzare coloro che lo circondavano, persino Hitler. Nelle sue note introduttive ai diari di Goebbels, pubblicate nel 1948, Lochner suggerisce che "rivelano Goebbels come la forza motrice instancabile dietro il feroce antisemitismo del regime nazista ... [il suo] ruolo era quello di mantenere la mente di Hitler infiammata". Tuttavia gli storici successivi hanno messo in dubbio le motivazioni e la sincerità dell'antisemitismo di Goebbels; alcuni suggeriscono che potrebbe aver intenzionalmente aumentato il suo antisemitismo per ottenere la fiducia e il favore di Hitler. Da giovane, Goebbels dimostrò poca animosità verso gli ebrei; ha studiato e ammirato scrittori ebrei; e avrebbe criticato gli scrittori antisemiti per l'irrazionalità "primitiva" delle loro opinioni. Tuttavia, 15 anni dopo, Goebbels si era trasformato in un rumoroso e velenoso antisemita. Se questa trasformazione sia stata sincera - o se sia stato un ruolo che Goebbels ha svolto per migliorare la propria posizione - è discutibile. Ma quello che è certo è che la propaganda e la retorica di Goebbels hanno iniettato l'antisemitismo ei suoi valori avvelenati nella vita pubblica tedesca, un processo che ha aperto la strada al genocidio che doveva venire.

“È stato il violento antisemitismo di Goebbels che ha seriamente minato la sua reputazione agli occhi dei giornalisti. Non si accontentava di pubblicizzare i decreti contro gli ebrei emessi da altri; egli stesso ha promosso attivamente le persecuzioni e i pogrom. Fu Goebbels a progettare il ricatto degli ebrei che avevano lasciato la Germania a spese di coloro che erano rimasti, ordinando la chiusura dei negozi di proprietà ebraica nel 1933. Fu Goebbels a tormentare scrittori, artisti e attori che avevano relazioni o legami ebraici , sebbene fosse pronto a venire a patti con certi ebrei di eccezionale talento, come Fritz Lang ".
Roger Manvell, storico

Goebbels

1. Joseph Goebbels era un nazista di spicco, istruito, abile scrittore, propagandista e organizzatore politico.
2. È diventato ministro della propaganda in 1933 e ha usato metodi innovativi per aumentare il supporto nazista.
3. A metà degli anni '1930 Goebbels concentrò la sua attenzione propagandistica sugli attacchi contro gli ebrei tedeschi.
4. Ha pronunciato il discorso che ha scatenato la violenza antiebraica di Kristallnacht nel mese di novembre 1938.
5. Sebbene l'antisemitismo pubblico di Goebbels fosse intenso, c'è un dibattito su quanto fosse sincero.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Joseph Goebbels"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/holocaust/joseph-goebbels/
Data di pubblicazione: Luglio 30, 2019
Data di accesso: 17 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.