Antisemitismo del XIX secolo

XNUM Antisemitismo del X secolo
Una vignetta antisemita francese, raffigurante il banchiere ebreo Rothschild.

Il XIX secolo è stato un periodo di industrializzazione, scoperta scientifica e adozione di valori moderni. Nonostante ciò, ha prodotto una rinascita del pregiudizio antiebraico. Questo antisemitismo del XIX secolo è stato particolarmente intenso in Russia, dove ha innescato ondate di violenza contro i cinque milioni di ebrei del paese.

sfondo

Durante il 1700, diversi governanti europei imposero restrizioni agli ebrei, alla loro cultura e lingua. In alcune parti dell'Europa del XVIII secolo, gli ebrei erano ancora soggetti a leggi e regolamenti discriminatori.

Il re prussiano Federico II, ad esempio, approvò leggi che limitano il numero di ebrei e vietano loro di sposarsi. In Austria, alle famiglie ebree era permesso avere un solo figlio. In altri stati, gli ebrei erano obbligati a pagare tasse aggiuntive o ad essere espulsi, mentre era loro vietato ricoprire cariche politiche o entrare in determinate professioni. 

Alcuni leader erano più illuminati. Il dittatore francese Napoleone Bonaparte, ad esempio, ordinò l'emancipazione degli ebrei in tutti i territori francesi.

Prima speranza

All'inizio del XIX secolo, l'antisemitismo sembrava un'altra idea regressiva che stava rapidamente svanendo nella storia. 

Il 1800 fu un secolo di crescita industriale, modernizzazione politica e riforme sociali in tutta l'Europa occidentale. Ha prodotto riforme legali ed emancipazione che hanno migliorato i diritti e lo status degli ebrei in molte parti d'Europa.

In Francia e Germania, due crogioli tradizionali dell '"odio per gli ebrei", ci furono cambiamenti ottimistici in meglio. Una mozione del 1830 del governo francese ha riconosciuto il giudaismo come religione ufficiale, insieme al cristianesimo cattolico e protestante.

Agli ebrei negli stati di lingua tedesca venivano concessi diritti economici e legali che superavano quelli dei loro compatrioti altrove. Sono stati autorizzati a stipulare contratti legali e acquistare terreni e attività commerciali. Queste riforme permisero agli ebrei di lingua tedesca di prosperare. Si sono occupati di banche e finanza, legge, medicina, istruzione superiore, teatro e arte.

Revival di metà secolo

Nonostante queste riforme progressiste, i pregiudizi antiebraici sopravvissero. Ci fu una rinascita dell'antisemitismo durante il 1880, guidato in parte da due movimenti politici significativi: il sionismo e l'unificazione tedesca.

Il sionismo era un movimento politico e culturale che cercava la restaurazione di una patria ebraica creando uno stato-nazione in Palestina. Quando i leader, i gruppi e i testi sionisti sono emersi, hanno chiesto una maggiore unità e cooperazione ebraica per raggiungere i loro obiettivi.

La crescita del sionismo nel 19 ° secolo, culminata nel Primo Congresso Sionista nel 1897, alimentò fantasiose teorie del complotto secondo cui gli ebrei stavano formulando un complotto per conquistare l'Europa o il mondo.

Nazionalismo tedesco

La spinta all'unificazione tedesca fu un altro terreno fertile per l'antisemitismo del XIX secolo. Fino al 19, non c'era una sola nazione tedesca, ma un gruppo di due dozzine di regni di lingua tedesca. Molti nazionalisti volevano che questi regni si unissero per formare una Germania più grande, una nazione che avrebbe rivaleggiato con il potere economico e militare di Gran Bretagna, Francia e Russia.

La strada per l'unificazione tedesca fu tuttavia difficile e spesso bloccata da ostacoli politici e interessi regionali. Molti di coloro che hanno sostenuto l'unificazione sono stati frustrati dalla mancanza di progressi - cosa che, naturalmente, alcuni hanno attribuito la colpa agli ebrei della regione. Gli scrittori antisemiti sostenevano che gli ebrei temevano una Germania unita. Preferivano di gran lunga lo status quo di piccoli regni litigiosi.

Nel 1868, uno scrittore tedesco, Hermann Goedsche, scrisse di una congrega segreta di rabbini che si incontrava a mezzanotte in un cimitero ebraico a Praga per escogitare piani per il dominio del mondo. Goedsche era un noto falsario e un agente del governo prussiano, e la sua "rivelazione" su un complotto ebraico fu in realtà plagiata da un testo precedente.

Crescente antisemitismo in Francia

L'antisemitismo è aumentato anche in Francia durante il XIX secolo, alimentato dalla divisione politica, dall'instabilità e dal capro espiatorio.

Gli ebrei francesi furono attaccati da entrambi i lati della divisione politica - da socialisti che si opponevano alla proprietà ebraica di imprese e capitali e nazionalisti cattolici che condannavano gli ebrei per motivi razziali e religiosi, mentre affermavano di minare l'unità nazionale.

In alcune parti della Francia, l'odio antiebraico aveva raggiunto il culmine alla fine del 1800. Il Ligue Nationale Antisemitique de France ("Lega antisemita francese") è stata costituita nel 1889 e ha organizzato propaganda, sommosse e violenti pogrom contro gli ebrei locali. Il fondatore del gruppo, Edouard Drumont, era un politico nazionalista appassionato di invocare teorie della cospirazione antiebraica, comprese le accuse di corruzione e concussione contro altri politici e l'eminente magnate bancario ebreo Rothschild.

L'affare Dreyfus

L'antisemitismo francese fu portato al culmine dal famigerato "affare Dreyfus" degli anni Novanta dell'Ottocento.

Alfred Dreyfus era un ufficiale di artiglieria francese di origine ebraica accusato di aver divulgato segreti militari ai tedeschi. Fu mandato alla corte marziale e ritenuto colpevole, più a causa dell'intensità dell'antisemitismo francese che per qualsiasi prova.

Dreyfus ha trascorso due anni in una famigerata prigione coloniale prima che Emile Zola pubblicasse il suo famoso saggio, J'accuse, che ha condannato il governo francese di avere un insabbiamento e di ospitare l'antisemitismo istituzionale. Dreyfus fu successivamente assolto e restituito al servizio militare.

Pregiudizi russi

Il peggior antisemitismo della fine del 1800 potrebbe essere nell'impero russo, che aveva una delle più grandi popolazioni ebraiche del mondo (circa cinque milioni nel 1890).

Come in Germania, gli ebrei russi hanno beneficiato delle nuove libertà concesse a metà del 1800. Si sono trasferiti in occupazioni della classe media come proprietà aziendale, banche, insegnamento e produzione. Ciò creò risentimento tra i russi non ebrei, sebbene non abbastanza da provocare molta violenza.

La situazione per gli ebrei russi peggiorò notevolmente dopo l'assassinio dello zar Alessandro II nel 1881. Alessandro era stato una specie di riformista. Aveva abolito la servitù della gleba (feudalesimo vincolato) nel 1861 e alcune delle sue riforme avevano migliorato le condizioni per gli ebrei russi - ma la sua "ricompensa" doveva essere fatta a pezzi da una bomba nelle strade di San Pietroburgo.

Sebbene Alessandro fosse stato assassinato dai rivoluzionari socialisti, molti russi consideravano il socialismo e l'anarchismo come invenzioni ebraiche, quindi gli ebrei russi, direttamente o indirettamente, furono ritenuti responsabili.

Ondate di pogrom

La reazione contro gli ebrei russi è stata immediata. Nel 1882, il nuovo zar, Alessandro III, ordinò nuove restrizioni ad ampio raggio per tutti gli ebrei. Non potevano acquistare terreni o attività commerciali, erano esclusi da alcune professioni ed espulsi da alcune città. Le quote limitavano il numero di ebrei nelle scuole statali e nelle università.

I giornali statali stampavano propaganda antiebraica mentre i "cento neri", un gruppo di reazionari conservatori fedeli allo zar, incitavano voci e violenze contro le comunità ebraiche. All'inizio del 1880, e di nuovo tra il 1903 e il 1905, diverse migliaia di ebrei russi furono uccisi nei pogrom (rivolte razziali contro gli ebrei e le loro proprietà).

Gli ebrei hanno continuato a servire da capro espiatorio per i mali della Russia nel XX secolo. Nicola II, che salì al trono come zar nel 20, era un fervente antisemita che attribuiva quasi ogni problema significativo agli ebrei e alla loro influenza. Uno dei primi ministri di Nicholas, Sergei Witte, ha scritto dello zar:

“L'Imperatore era circondato da dichiarati odiatori di ebrei, come Trepov, Plehve, Ignatiev e i capi dei Centinaia Neri. Per quanto riguarda il suo atteggiamento personale nei confronti degli ebrei, ricordo che ogni volta che ho richiamato la sua attenzione sul fatto che le rivolte antiebraiche non potevano essere tollerate, o taceva o osservava: "Ma sono gli ebrei stessi che devono biasimare". "

I Protocolli di Sion

Il famigerato falso antisemita I protocolli degli anziani imparati di Sion era un prodotto di questo ambiente avvelenato.

I protocolli furono scritti e fatti circolare intorno al 1900, probabilmente da agenti delle forze di polizia segrete di Nicholas, i Okhrana, come mezzo per rafforzare il suo governo. Sono apparsi per la prima volta in stampa nel 1903 e il loro contenuto ha contribuito a un'altra ondata di pogrom violenti contro gli ebrei russi.

Alla fine, lo scarso giudizio e l'irrazionale antisemitismo di Nicholas gli costarono sia il trono che la vita. Mentre le forze rivoluzionarie stavano costruendo in Russia alla fine del 1916 e all'inizio del 1917, egli continuò ad affermare che si trattava di "tutto lavoro ebraico". Nicholas fu costretto ad abdicare nel marzo 1917 e lui e la sua famiglia furono assassinati dai rivoluzionari comunisti nel luglio dell'anno successivo.

Il punto di vista di uno storico:
“Drammatici cambiamenti si erano verificati in tutta Europa nel corso del secolo e gli ebrei hanno fornito un comodo capro espiatorio per molti di coloro la cui esistenza era destabilizzata, poiché i vecchi ruoli sociali stabiliti venivano ribaltati. Le rivoluzioni politiche che hanno promosso la democrazia in tutta Europa hanno significato una perdita di status e potere per la vecchia nobiltà e il clero. Secondo la stima di alcuni dei perdenti, gli ebrei furono i vincitori più evidenti e si creò un risentimento antiebraico. Allo stesso modo, la rivoluzione industriale e l'ascesa del capitalismo hanno significato nuove sfide per i lavoratori agricoli e una concorrenza più intensa per i negozianti. Anche a loro, gli ebrei sembravano il gruppo che più beneficiava di questi dolorosi cambiamenti ".
Naomi E. Pasachoff

XNUM Antisemitismo del X secolo

1. La violenza antisemita è diminuita dopo il Medioevo, anche se i pregiudizi contro gli ebrei non lo sono.

2. Gli ebrei europei hanno goduto di una certa emancipazione e hanno migliorato i diritti dagli 1800 all'inizio alla metà.

3. L'emergere del sionismo ha dato origine a teorie cospirative sugli ebrei che cercano il dominio del mondo.

4. L'antisemitismo è aumentato in Francia e Germania, con gli ebrei come capri espiatori per problemi interni.

5. In Russia, gli ebrei furono accusati indirettamente e soggetti a recriminazioni per l'assassinio di Alessandro II.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Antisemitismo del XIX secolo"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/holocaust/19th-century-anti-semitism/
Data di pubblicazione: Luglio 23, 2020
Data di accesso: 27 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.