Antisemitismo al di fuori dell'Europa

antisemitismo al di fuori dell'Europa

L'antisemitismo esisteva anche al di fuori dell'Europa, sebbene in misura minore. Prima del XIX secolo, la maggior parte degli ebrei al di fuori dell'Europa viveva in una pace comparativa, in gran parte indisturbata dalla persecuzione o dalla violenza antisemita. Tuttavia, idee e pregiudizi non possono essere limitati ai continenti, quindi questo isolamento non è durato.

Emigrazione globale

Con il progredire del XIX secolo e migliaia di europei emigrati in cerca di una vita migliore, idee e pregiudizi antisemiti sono stati esportati in altre parti del mondo, dove a volte hanno messo radici e si sono evoluti. All'inizio del 19, l'antisemitismo non era più un fenomeno distintamente europeo.

Negli Stati Uniti, l'antisemitismo raggiunse il suo apice durante il periodo tra le due guerre, quando gli ebrei divennero di nuovo un comodo capro espiatorio per un mondo travagliato, pieno di tensione, sofferenza economica e disordini sociali.

Sebbene questo nuovo antisemitismo americano fosse meno diffuso e meno intenso di quello riscontrato nel Vecchio Mondo, ha comunque causato esclusione, discriminazione e sofferenza per molti ebrei americani.

Gli Stati Uniti

Gli Stati Uniti, rispetto all'Europa, hanno sperimentato relativamente poco antisemitismo durante il XVIII e l'inizio del XIX secolo.

Prima della rivoluzione americana (1776-83) c'erano circa 2,000 ebrei in America, la maggior parte viveva nelle principali città come New York, Filadelfia, Baltimora e Charlestown. Agli ebrei dell'America coloniale era proibito votare, ma questo non era specificamente antisemita poiché le stesse proibizioni si applicavano a cattolici, donne, schiavi, servi a contratto e nativi americani.

Queste restrizioni furono gradualmente rimosse dopo la rivoluzione americana e gli ebrei iniziarono a godere dell'uguaglianza politica ed economica con gli altri americani. Queste nuove libertà indussero più ebrei a emigrare dall'Europa.

Nel 1845, due ebrei americani furono eletti al Congresso federale, un evento riportato con scherno in alcuni giornali europei. Nel 1850, gli Stati Uniti avevano circa 50,000 cittadini ebrei, alcuni dei quali divennero importanti uomini d'affari nel commercio, nelle banche e nell'industria.

L'ebreo Diaspora

La popolazione ebraica in America aumentò durante la fine del 1800, quando gli ebrei fuggirono dalla persecuzione in Russia, in Polonia e nell'Europa orientale e cercarono sicurezza e opportunità attraverso l'Atlantico. Tra il 1900 e il 1924, più di 1.7 milioni di immigrati ebrei arrivarono negli Stati Uniti.

Questo boom dell'immigrazione aumentò notevolmente la popolazione ebraica americana, ma aumentò anche i miti e i pregiudizi antiebraici.

Alcuni di questi pregiudizi erano guidati dalla xenofobia e dalle paure economiche tanto quanto dall'antisemitismo. L'Immigration Restriction League, costituita nel 1894, si preoccupava principalmente che i lavoratori americani venissero sostituiti da manodopera a basso costo importata dall'Europa. Un po 'di antisemitismo era guidato dall'invidia, poiché banchieri e uomini d'affari ebrei erano accusati di acquisire livelli sproporzionati di potere e profitto.

Antisemitismo nel sud

Le forme più medievali di antisemitismo presero piede anche in America, importate e fatte circolare da immigrati non ebrei dal Vecchio Mondo. Tra questi pregiudizi c'erano gli stereotipi sugli ebrei come truffatori, le paure del sionismo e della cospirazione ebraica, persino i racconti della famigerata diffamazione di sangue.

Questo antisemitismo tradizionale era particolarmente acuto tra gli estremisti negli stati del sud dell'America, ancora amareggiati dalla sconfitta nella guerra civile (1861-65). I Cavalieri del Ku Klux Klan, formati alla fine del 1860, divennero tanto antisemiti quanto ostili agli afroamericani e all'integrazione razziale.

L'affare Leo Frank

L'antisemitismo del sud fu al centro del linciaggio del 1915 di Leo Frank, un direttore di fabbrica ebreo di Marietta, in Georgia. Frank era stato accusato di stupro e omicidio di una ragazzina di 13 anni, nonostante forti prove che il custode afroamericano della fabbrica potesse essere stato responsabile.

Il processo di Frank è stato condotto in un ambiente di ostilità e pregiudizio antiebraico. Folle inferocite riempivano la galleria mentre folle indugiavano fuori dalle finestre aperte, fissando minacciosamente l'imputato, i testimoni del processo ei membri della giuria.

Il processo stesso era pieno di commenti e allusioni razziste. Si è discusso molto sull'eredità ebraica di Frank, mentre lo stesso avvocato di Frank ha descritto il custode come un "sporco, sporco, nero, ubriaco e bugiardo negro".

Nonostante le prove inconsistenti presentate dall'accusa, Frank è stato riconosciuto colpevole e condannato all'impiccagione. Quando il governatore della Georgia ha commutato la sentenza in ergastolo, una folla inferocita ha preso d'assalto la prigione, ha sequestrato Frank, lo ha riportato a Marietta e lo ha linciato. Alcuni successivamente posarono per le fotografie accanto al corpo.

Nessuno coinvolto nel linciaggio è mai stato accusato o portato in giudizio; in alcune parti della Georgia, sono stati salutati come eroi. Il linciaggio di Frank spinse più di 3,000 ebrei a fuggire dallo stato della Georgia.

La "paura rossa"

L'antisemitismo americano raggiunse il suo apice negli anni '1920 e '1930. La rivoluzione russa e lo spavento rosso anticomunista del 1918-20 furono un fattore determinante, poiché molti americani associarono gli ebrei all'emergere del comunismo.

Il crescente Ku Klux Klan è stato una fonte significativa di antisemitismo in America. Così è stata la circolazione di I protocolli di Sion e articoli pubblicati dall'industriale Henry Ford. Nel 1924, il Congresso degli Stati Uniti ha risposto a questa paranoia antisemita limitando l'immigrazione dalle nazioni dell'Europa orientale con ampie popolazioni ebraiche.

Sebbene le espressioni pubbliche di antisemitismo non fossero comuni, gli ebrei americani incontrarono forme più sottili di pregiudizio nell'occupazione, nell'istruzione e nella società. Prestigiose università hanno rafforzato i requisiti di ingresso per limitare le iscrizioni di studenti ebrei. Mazze da golf e club di campagna hanno negato l'ingresso ai membri ebrei, di solito senza motivo o spiegazione.

I sondaggi d'opinione condotti negli anni '1930 suggerivano che il 30-40% degli americani sosteneva o accettava stereotipi o punti di vista negativi sul popolo ebraico.

e in Gran Bretagna

La Gran Bretagna ospitava pochissimi ebrei tra l'Alto Medioevo e il XVIII secolo. Ciò era dovuto principalmente all'espulsione degli ebrei dalla Gran Bretagna da parte di Edoardo I nel 18.

La situazione iniziò a cambiare nel 1700 dopo che il governo accettò di accettare migliaia di rifugiati polacchi in fuga dalla persecuzione russa. La maggior parte di questi rifugiati erano ebrei e, nel 1830, la Gran Bretagna aveva una piccola popolazione di circa 40,000 ebrei.

Come i cattolici inglesi, gli ebrei dovettero affrontare restrizioni che impedivano loro di votare o entrare in parlamento. Formarono gruppi di pressione per fare una campagna per la rimozione di queste restrizioni, una riforma che fu finalmente accettata nel 1858.

Dieci anni dopo, Benjamin Disraeli, un britannico di origini ebraiche, fu eletto primo ministro (anche se per farlo dovette convertirsi al cristianesimo).

Un paradiso per gli ebrei europei

Queste riforme e libertà, insieme all'assenza di forme intense di antisemitismo, hanno reso la Gran Bretagna un rifugio per gli ebrei in fuga dalle persecuzioni nell'Europa continentale.

Nei 25 anni dopo il 1880, la popolazione ebraica britannica è più che quadruplicata. Allo scoppio della prima guerra mondiale, c'erano più di 250,000 ebrei britannici.

Questo afflusso di immigrati ebrei non era privo di problemi. Un gran numero di ebrei arrivati ​​si stabilì nell'East End già angusto di Londra, facendo pressione sugli alloggi e sulle strutture esistenti e aumentando la concorrenza per il lavoro.

Il primo decennio del Novecento vide la formazione di leghe anti-immigrazione; questi gruppi erano piccoli ma rumorosi e hanno organizzato diverse proteste di piazza indisciplinate. Sebbene le leghe anti-immigrazione contenessero pochi antisemiti, questi gruppi erano contrari agli immigrati in generale piuttosto che agli ebrei in particolare.

Il Medio Oriente

Forse l'aumento più notevole dell'antisemitismo moderno si è verificato in Medio Oriente e nel mondo islamico.

Durante il Medioevo e fino al XVIII secolo, vaste popolazioni ebraiche vissero nell'Impero Ottomano, Iran, Yemen, Siria e Nord Africa. Vivevano in questi luoghi in relativa pace e sotto la protezione dei governanti musulmani.

Gli ebrei in queste regioni erano considerati dhimmi ["gente del libro"] che condivideva un'eredità religiosa con i musulmani. Sebbene non godessero della piena uguaglianza con i musulmani, gli ebrei nell'impero ottomano godevano di maggiori libertà rispetto a quelli dell'Europa cristiana. Gli era permesso vivere, lavorare e commerciare con i non ebrei con poche o nessuna restrizione. Gli ebrei potevano anche adorare in privato.

Cambiare gli atteggiamenti

Questa coesistenza si è deteriorata durante il 1800 quando l'antisemitismo si è diffuso nel mondo islamico. Alcuni di essi furono diffusi da arabi cristiani, che importarono teorie del complotto e racconti di "malvagità ebraica". Alcuni erano un sottoprodotto dell'instabilità politica e del deterioramento economico.

Mentre l'Impero Ottomano andava in declino e poi in disintegrazione, molti governanti locali trovarono più facile incolpare gli ebrei per i loro problemi interni. Non per la prima volta nella storia, gli ebrei divennero un comodo capro espiatorio per problemi che non avevano causato.

Questi atteggiamenti mutevoli hanno portato allo sfruttamento e quindi alla persecuzione delle popolazioni ebraiche. In alcune parti dell'Impero Ottomano, gli ebrei erano soggetti a tassazione aggiuntiva, restrizioni legali e commerciali e costumi sociali umilianti.

In Iran, gli ebrei erano considerati "impuri". È stato loro vietato di apparire all'esterno in determinati momenti. Durante le cerimonie e le celebrazioni reali, gruppi di ebrei venivano gettati in serbatoi d'acqua e fango per l'intrattenimento pubblico. Durante il 1800, ci furono massacri di ebrei a Baghdad (Iraq), Meshed (Iran), Damasco (Siria), Marrakesh e Fez (Marocco), Tunisi e Djerba (Tunisia) e Tripoli (Libia).

Il punto di vista di uno storico:
“Il periodo peggiore dell'antisemitismo americano è stato inserito tra la fine della prima e la seconda guerra mondiale. I cambiamenti sociali negli anni '1920, la Grande Depressione degli anni '1930 e le ansie durante la seconda guerra mondiale hanno intensificato e aggravato atteggiamenti che si erano già manifestati. Questi sentimenti ostili si sono coalizzati dagli anni '1920 a un ritmo così accelerato che molti ebrei pensavano che quello che era successo nella Germania di Hitler potesse benissimo accadere negli Stati Uniti ".
Sander L. Gilman

antisemitismo al di fuori dell'Europa

1. Un rapido aumento della migrazione globale durante il 1800 ha visto idee e pregiudizi antisemiti esportati in altre parti del mondo.

2. Gli Stati Uniti non avevano una storia di intenso antisemitismo, tuttavia, è cresciuto lì alla fine del 1800 con l'aumento dell'immigrazione ebraica.

3. L'antisemitismo americano è stato particolarmente intenso negli stati del sud, testimoniato dal processo e dal linciaggio dell'ebreo Leo Frank.

4. La Gran Bretagna, nonostante la sua popolazione in rapida crescita di immigrati ebrei, era relativamente libera da forme intense di antisemitismo,

5. Gli ebrei avevano vissuto in precedenza in relativa pace nel Medioevo, ma il decadimento dell'Impero Ottomano ha portato ad un aumento dell'ostilità antisemita, dei maltrattamenti e della violenza.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Antisemitismo fuori dall'Europa"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/holocaust/anti-semitism-outside-europe/
Data di pubblicazione: Luglio 24, 2020
Data di accesso: 27 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.