Antisemitismo nazista

antisemitismo nazista

L'antisemitismo nazista era una forma intensa di "odio contro gli ebrei" che ha infettato la politica tedesca nel 1800. Molti politici ed esperti nazionalisti, in particolare quelli che sostenevano l'unificazione degli stati di lingua tedesca dell'Europa, erano esponenti delle teorie del complotto antiebraico. Uno era Wilhelm Marr, uno scrittore nazionalista a cui è attribuito il merito di aver coniato il termine "antisemitismo". Marr non è stato il primo antisemita tedesco, ma è stato sicuramente uno dei più schietti. In un opuscolo del 1879, affermò che il neonato stato tedesco era in guerra con gli ebrei che vivevano all'interno dei suoi confini e che uno non sarebbe sopravvissuto a meno che l'altro non fosse stato distrutto. Altri opuscoli condividevano le convinzioni di Marr, ripetendo storie di una misteriosa cospirazione ebraica per sabotare la nuova nazione. Gli ebrei tedeschi servirono da capro espiatorio già pronto per questi ultranazionalisti. Quasi ogni fallimento politico potrebbe essere attribuito all '"ebreo internazionale" e alla sua invisibile interferenza, nonostante la mancanza di prove.

Le cospirazioni antisemite persistevano in Germania durante e dopo la prima guerra mondiale. Gli ebrei venivano regolarmente accusati di aver sabotato lo sforzo bellico, nonostante il fatto che più di 100,000 ebrei prestassero servizio nell'esercito tedesco durante il conflitto. Il famigerato Dolchstoßlegende (o "pugnalata alle spalle") fornì un'altra strada all'antisemitismo, ai nazionalisti e ai veterani militari sostenendo che la resa della Germania agli Alleati nel novembre 1918 era stata progettata da socialisti ed ebrei all'interno del governo. Questo capro espiatorio antiebraico continuò a peggiorare durante i disperati anni '1920. La maggior parte dei gruppi politici di destra dell'era di Weimar, come il Partito popolare nazionale tedesco (DNVP), ospitava almeno una piccola quota di antisemiti o idee antisemite. Per la maggior parte, questi gruppi hanno tenuto sotto controllo il loro antisemitismo. Il DNVP, ad esempio, ha trattenuto o espulso molti dei suoi più rumorosi "nemici degli ebrei".

Vi erano, tuttavia, partiti più radicali in cui l'antisemitismo era tollerato. Uno era il Nationalsozialistische Deutsche Arbeiterpartei (NSDAP, o Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori - meglio noto alla storia come Partito Nazista). L'NSDAP è nato da umili origini, formato nel 1919 come Deutsche Arbeitpartei (DAP, o Partito dei lavoratori tedesco). I suoi membri fondatori erano uomini insignificanti che tutti i nazionalisti intensi che accettarono Dolchstosselegend e altre teorie del complotto, alcune delle quali incentrate sull'antisemitismo. Le poche dozzine di membri del DAP si incontravano ogni settimana per bere birra e maledire gli stessi obiettivi: il nuovo governo di Weimar, il trattato di Versailles, altre nazioni europee e la presunta influenza politica, finanziaria e culturale degli ebrei in Germania.

Tutto questo sarebbe stato poco se non fosse stato per l'arrivo di un nuovo socio. Nel settembre 1919 Adolf Hitler, un caporale dell'esercito, fu mandato a spiare il DAP, ma mentre partecipava alle sue riunioni rimase affascinato dalla retorica politica del gruppo. Nel 1920 Hitler iniziò ad esercitare una maggiore influenza sul DAP, principalmente attraverso il suo parlare in pubblico appassionato e vigoroso. Il gruppo si è reinventato come Nationalsozialistische Deutsche Arbeiterpartei (NSDAP, o Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori). Ha anche raggiunto una crescita costante, attirando circa 2,000 persone a una manifestazione nel febbraio 1920. Entro la fine dell'anno, i membri NSDAP erano 3,000 e in crescita. Una parte considerevole di questi nuovi membri erano antisemiti intransigenti, attratti dall'NSDAP dall'ossessione di Hitler per le teorie cospirative ebraiche.

"Antisemitismo razionale"

Nel 1920 il NSDAP pubblicò, un manifesto in 25 punti, la prima espressione della sua piattaforma politica. Riassumeva la posizione dell'NSDAP su una serie di questioni, tra cui governo, economia e politica estera, ma conteneva anche due punti esplicitamente antisemiti:

4. Solo i nostri connazionali possono diventare cittadini. Solo coloro che hanno sangue tedesco, indipendentemente dal credo, possono essere nostri connazionali. Quindi nessun ebreo può essere un contadino. "

24. Chiediamo la libertà per tutte le fedi religiose nello stato, nella misura in cui non ne mettono a rischio l'esistenza o non offendono il senso morale ed etico della razza germanica. Il partito rappresenta un cristianesimo positivo senza vincolarsi a nessuna confessione particolare. Combatte contro lo spirito materialista ebraico dentro e fuori ... "

Due vaghe menzioni di ebrei in un ampio manifesto in 25 punti sembrano abbastanza contenute, data la reputazione del NSDAP come rifugio per gli antisemiti amareggiati. Questa è stata una mossa tattica di Hitler e della sua cerchia ristretta. Hitler voleva aumentare l'appello del NSDAP a nazionalisti, monarchici, ex soldati, agricoltori e alla classe media urbana. Per raggiungere questo obiettivo, il partito ha dovuto presentare un fronte relativamente moderato, tenendo sotto controllo i suoi radicali "odiatori di ebrei". Invezioni estreme o violenza spontanea contro ebrei tedeschi allontanerebbero potenziali membri, mettendo il partito a rischio di azione di polizia. Hitler preferiva invece quello che chiamava "antisemitismo razionale". L'azione contro gli ebrei, ha sostenuto, deve essere paziente, pianificata e disciplinata, piuttosto che impulsiva o populista. Schernire o attaccare gli ebrei li spingerebbe alla clandestinità, mentre spaventa o allontana i non ebrei. Hitler voleva che gli ebrei fossero estromessi permanentemente dalla vita culturale ed economica tedesca; questo potrebbe essere ottenuto solo con una prolungata campagna di educazione pubblica, propaganda e legislazione. Ha spiegato questo punto di vista nel 1919:

“L'antisemitismo basato esclusivamente sull'emozione troverà la sua massima espressione nei pogrom… ma l'antisemitismo basato sulla ragione deve portare alla campagna legale organizzata e alla rimozione dei privilegi ebraici. Il suo obiettivo finale e incrollabile deve essere l'eliminazione degli ebrei ".

“Si potrebbe prevedere naturalmente che gli entusiasti razzisti che condividevano il rabbioso antisemitismo di Hitler si sarebbero uniti al NSDAP abbastanza presto. Eppure pochi dei massimi leader nazisti erano antisemiti virulenti prima del 1925. Nessuno degli uomini più in vista del partito vi aderì principalmente a causa dell'antisemitismo. Questo era vero per Joseph Goebbels, Heinrich Himmler, Hermann Goering, Hans Frank, i fratelli Strasser, Baldur Shirach, Albert Speer, Gottfried Feder e Adolf Eichmann. L'antisemitismo divenne una questione di importanza pratica ... solo durante la fine degli anni '1920 ... Molti leader nazisti accettarono semplicemente l'antisemitismo come parte del bagaglio del nazismo ".
Sarah Ann Gordon, storica

antisemitismo nazista

1. L'antisemitismo era prevalente in Germania durante il 19th secolo, perpetuato da politici e scrittori nazionalisti.

2. Le cospirazioni antiebraiche fiorirono anche durante e dopo la prima guerra mondiale quando gli ebrei furono accusati della resa della Germania.

3. Gli antisemiti erano ben rappresentati nei gruppi politici del dopoguerra, in particolare quelli di estrema destra come il NSDAP.

4. Durante gli 1920 Hitler tenne sotto controllo le sue idee antisemite, mentre tentava di costruire una festa "rispettabile".

5. Hitler preferiva quello che chiamava "antisemitismo razionale": una campagna prolungata e organizzata per strappare gli ebrei dalla vita pubblica tedesca.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Antisemitismo nazista"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/holocaust/nazi-anti-semitism/
Data di pubblicazione: Luglio 28, 2019
Data di accesso: 26 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.