L'antisemitismo oggi

l'antisemitismo oggi
Un fumetto arabo del 2006, che ritrae gli Stati Uniti sotto il controllo ebraico.

La denuncia dell'Olocausto e dei crimini di guerra nazisti ha portato a un controllo globale e alla critica dell'antisemitismo, ma è sopravvissuto. Nei decenni successivi all'Olocausto, il popolo ebraico ha continuato a sopportare voci dannose, emarginazione e odio razziale. In tempi recenti, l'antisemitismo si è intrecciato con questioni politiche in Medio Oriente, come controversie e conflitti tra Israele e Palestina.

Discriminazione del dopoguerra

Le idee antisemite persistettero durante il XX secolo, nelle principali nazioni come l'Unione Sovietica e gli Stati Uniti.

Il leader sovietico Joseph Stalin, ad esempio, era un veemente "odiatore di ebrei". Stalin si riferiva spesso agli ebrei, in particolare al suo acerrimo rivale Leon Trotsky, usando termini antisemiti denigratori come "kikes" e "yids". Successivamente, il fallimento delle politiche economiche e sociali sovietiche fu spesso attribuito a interferenze o atti di sabotaggio da parte degli ebrei russi.

L'antisemitismo ha continuato a esistere negli Stati Uniti, non solo nei gruppi di estrema destra come il Ku Klux Klan, ma nelle parti più ricche della società americana. Agli ebrei americani ricchi e della classe media veniva spesso rifiutato l'ingresso a prestigiosi country club e altre istituzioni. Ancora negli anni '1950, i college americani della "Ivy League" come Harvard e Yale impiegavano quote razziali per limitare la proporzione di studenti ebrei al 10%.

L'antisemitismo continua a persistere oggi in America, una nazione che contiene la seconda più grande popolazione di ebrei dopo Israele. Recenti sondaggi negli Stati Uniti suggeriscono che il 14% degli americani ha opinioni antisemite. Queste opinioni tendono ad essere più prevalenti tra gli americani di origine africana e ispanica.

'Nuovo antisemitismo

È emerso ed è circolato un nuovo ceppo di antisemitismo, in particolare negli ultimi due decenni. Chiamato "nuovo antisemitismo" da storici e altri commentatori, spesso contiene pregiudizi antiebraici tradizionali, ma si basa principalmente su nuove idee derivate da eventi recenti.

Secondo alcuni esperti, il tono di questo "nuovo antisemitismo" è politico, antisionista o antiisraeliano, più che razzista. Tuttavia, a volte approva le stesse generalizzazioni razziali sugli ebrei che erano comuni nell'Europa pre-Olocausto - che sono avidi, conniventi e fedeli solo ai propri.

Questo antisemitismo rinato presumibilmente proviene da una goffa coalizione di tre gruppi: i critici radicali di sinistra dell'aggressione militare israeliana nella Palestina occupata; gruppi estremisti di destra, che coltivano un antisemitismo più tradizionale e di vecchia data; e immigrati arabi e musulmani, un gruppo ostile a Israele e alle sue politiche sin dagli anni '1960.

Il problema palestinese

Il fattore trainante di questo nuovo antisemitismo sono i problemi in Medio Oriente, in particolare le controversie territoriali e il conflitto tra il popolo israeliano e quello palestinese.

Da quando lo stato di Israele è stato dichiarato nel 1948, sia Israele che i palestinesi hanno litigato e combattuto su questioni di nazionalità, proprietà tradizionale della terra, accesso alla terra arabile e all'acqua e libertà di movimento.

In vari momenti negli ultimi 40 anni, i palestinesi hanno attaccato obiettivi militari e civili israeliani con razzi, forze paramilitari e attentatori suicidi. La Forza di difesa israeliana, una delle più forti della regione, ha risposto agli attacchi palestinesi in modo rapido e distruttivo e, secondo alcuni, in modo sproporzionato.

La ferma politica di Israele ha attirato critiche da più parti. Indipendentemente dal fatto che questa critica sia giustificata o meno, occasionalmente si è trasformata in irrazionalità e antisemitismo. Polemiche e propaganda hanno descritto gli ebrei israeliani come crudeli, intriganti e intransigenti, impreparati a lavorare con i palestinesi per negoziare una soluzione.

Anche gli Stati Uniti sono stati trascinati in questo pantano di odio e propaganda. Il sostegno politico e finanziario di Washington a Israele, così come i suoi tentativi falliti di formulare un piano di pace duraturo per la regione, hanno anche alimentato le tipiche teorie del complotto antisemita. Molti commentatori arabi, anche alcuni leader nazionali musulmani, hanno affermato che il governo americano è controllato da interessi ebraici.

Fondamentalisti islamici

I problemi in Palestina e questo nuovo crescente antisemitismo sono stati una motivazione significativa per il fondamentalismo islamico e per i gruppi terroristici islamici.

Al-Qaeda, l'autore degli attacchi dell'11 settembre 2001 a New York e Washington, è un gruppo principalmente interessato a creare uno stato teocratico musulmano, ma è anche ostile a Israele e agli Stati Uniti, in parte a causa del loro sostegno a Israele.

Nei suoi frequenti messaggi audio e video all'Occidente, l'ex leader di al-Qaeda Osama bin Laden si è spesso lanciato in diatribe antiebraiche e teorie del complotto. In un messaggio del febbraio 2003, bin Laden disse:

“Questi ebrei sono maestri dell'usura [del prestito di denaro] e del tradimento. Non ti lasceranno nulla, né in questo mondo né nell'altro. Di loro, Dio disse: “Hanno parte di ciò che Egli possiede? Se lo facessero, non rivelerebbero nemmeno i solchi su una pietra da dattero ". Questi ebrei credono che, come parte della loro religione, le persone siano i loro schiavi, e chiunque neghi la loro religione meriti di essere ucciso ... queste sono alcune delle caratteristiche degli ebrei, quindi attenti a loro ".

Gli attacchi terroristici dell'9 settembre

Anche la distruzione del World Trade Center da parte dei terroristi islamici nel settembre 2001 è stata oggetto di teorie del complotto, alcune delle quali di origine antisemita. Una teoria sostiene che gli attacchi siano stati orchestrati, organizzati e forse anche condotti da agenti ebrei, al fine di provocare una guerra tra gli Stati Uniti e il mondo arabo.

Un meme su Internet è circolato dopo gli attacchi sostenendo che 4,000 dipendenti ebrei a New York erano rimasti a casa l'11 settembre. Questi lavoratori, si presume, siano stati avvertiti dal Mossad (il servizio segreto israeliano) che un attacco era imminente. Questa teoria del complotto è stata rigorosamente smentita: 130 cittadini israeliani e dozzine di ebrei americani sono morti negli attacchi.

L'antisemitismo, sia nel mondo arabo che in occidente, è aumentato in modo allarmante dopo gli attacchi dell'11 settembre e l'invasione americana dell'Afghanistan che ne è seguita. La stampa araba in Siria, Giordania, Arabia Saudita, Qatar, Bahrein e altrove ha pubblicato vignette che ritraggono le teorie del complotto dell'9 settembre e il controllo ebraico degli Stati Uniti.

Questo crescente antisemitismo si è diffuso anche nelle nazioni europee con grandi popolazioni di immigrati musulmani, come la Gran Bretagna e la Francia. Richiesta di copie di Protocolli degli anziani imparati di Sion è aumentato. Le Nazioni Unite e diverse altre organizzazioni hanno registrato un forte aumento sia dei crimini di odio antiebraici sia delle attività su Internet che promuovono idee antisemite.

“Ci sono documenti che mostrano la stretta collaborazione dei sionisti con la Germania nazista, e un numero esagerato di vittime dell'Olocausto ebraico è stato fabbricato per sollecitare la simpatia dell'opinione pubblica mondiale, gettare le basi per l'occupazione della Palestina e giustificare le atrocità dei sionisti . "
Ayatollah Khamenei, leader iraniano

1. Mentre la violenza contro gli ebrei è diminuita drasticamente dopo la seconda guerra mondiale, le idee antisemite e la discriminazione sono sopravvissute in Europa, negli Stati Uniti e altrove.

2. Una nuova forma di antisemitismo basata più su idee politiche che razziali è emersa alla fine del 1900. Questo "nuovo antisemitismo" è diventato particolarmente virulento negli ultimi 20 anni.

3. Questo nuovo antisemitismo trae gran parte della sua energia dalle critiche alla politica israeliana, dalle sue controversie territoriali in corso in Palestina e dal trattamento del popolo palestinese.

4. Questo nuovo antisemitismo è comune nel mondo arabo e islamico, dove a volte adatta le idee antisemite più vecchie come gli stereotipi razziali ebraici.

5. Gli attacchi terroristici del settembre 2011 contro gli Stati Uniti hanno anche innescato un'ondata di teorie cospirative antisemite, sostenendo che gli attacchi fossero opera di agenti ebrei per promuovere gli interessi del loro paese.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "L'antisemitismo oggi"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/holocaust/anti-semitism-today/
Data di pubblicazione: 25 Agosto 2019
Data di accesso: 27 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.