Auschwitz

auschwitz
Il caratteristico ingresso ferroviario ad arco ad Auschwitz II-Birkenau.

Il più grande e noto dei campi di concentramento nazisti era Auschwitz nel sud della Polonia. Oggi, 75 anni dopo la sua liberazione, il nome Auschwitz trascende le barriere linguistiche per provocare immagini di morte, sofferenza e miseria. Ad Auschwitz, gli esseri umani hanno rivelato sia la loro brutalità che la loro efficienza genocida.

La 'fabbrica della morte'

Auschwitz era poco più che una fabbrica di morte. Centinaia di migliaia di ebrei, altre minoranze razziali e prigionieri politici sono passati dai suoi cancelli, per non tornare mai più.

Quando sono entrati, hanno viaggiato sotto uno stendardo di metallo recante la cinica promessa 'il lavoro rende liberi'(' Il lavoro fa la libertà '). La realtà agghiacciante era che il lavoro e il tempo non facevano che avvicinare i detenuti alla morte, per fame, malattie o nelle camere a gas grottescamente efficienti del campo.

Ancora oggi, gli storici discutono e contestano il bilancio delle vittime ad Auschwitz, con cifre che vanno da 1.1 milioni a più di tre milioni. L'unico fatto concreto è che Auschwitz era un luogo di assassinio assoluto.

Costruzione

Auschwitz è il nome germanizzato di Oswiecim, una città nel sud della Polonia situata a circa 20 miglia a ovest di Cracovia.

La costruzione di un campo di concentramento a Oswiecim iniziò nel maggio 1940, la prima fase che prevedeva la conversione della caserma militare polacca abbandonata. Schutzstaffel Le truppe (SS) liberarono l'area dai civili polacchi e requisirono diverse centinaia di lavoratori ebrei per costruire nuovi edifici e adattare gli edifici esistenti per uso militare.

L'ufficiale incaricato di comandare questa nuova struttura era Rudolf Hoess. Un 38enne Obersturmbannführer (tenente colonnello) che si unì alle SS nel 1934, Hoess aveva precedenti esperienze come aiutante al campo di concentramento di Sachsenhausen, nel nord-est della Germania.

Crescita

Per un anno, Hoess ha supervisionato la creazione e la crescita di Auschwitz, da 16 caserme a un piano a una complessa rete di campi di concentramento.

Inizialmente Auschwitz doveva ospitare criminali in carriera provenienti dalla Germania e prigionieri politici polacchi. Ma nel giugno 1941, Hoess ricevette nuovi ordini, come in seguito testimoniò ai processi di Norimberga:

“Nell'estate del 1941 fui convocato a Berlino dal Reichsfuhrer SS Himmler per ricevere ordini personali. Mi ha detto qualcosa, non ricordo le parole esatte, che il Führer aveva dato l'ordine per una soluzione definitiva della questione ebraica. Noi, le SS, dovevamo eseguire quell'ordine. Se non viene eseguito ora, gli ebrei in seguito distruggeranno il popolo tedesco. Aveva scelto Auschwitz per via del suo facile accesso per ferrovia e anche perché l'ampio sito offriva spazio per misure che garantissero l'isolamento… Mi disse che non mi era nemmeno permesso di dirlo al mio diretto superiore Gruppenfuhrer Glucks. Questa conferenza riguardava solo noi due e dovevo osservare la massima segretezza ".

Una rete di campi

Auschwitz non era un solo campo ma una rete di campi di lavoro e di sterminio. C'erano tre campi primari - Auschwitz I, Auschwitz II-Birkenau e Auschwitz III-Monowitz - insieme a 45 campi satellite più piccoli. I tre campi principali hanno svolto ciascuno ruoli diversi:

Auschwitz I era il principale centro amministrativo o "quartier generale". Con i suoi 60 chilometri quadrati, era il più piccolo dei tre campi principali. Era il luogo in cui medici delle SS come Josef Mengele conducevano esperimenti medici su detenuti, in particolare neonati, gemelli e nani.

Auschwitz II-Birkenau era la principale struttura di sterminio del complesso di Auschwitz. La sua costruzione iniziò nell'ottobre 1941 e fu completata entro la metà del 1942. Auschwitz II è stato il primo campo ad avere una camera a gas e un crematorio installati. I crematori II furono costruiti all'inizio del 1943 e i crematori III, IV e V erano tutti operativi entro giugno. La maggior parte delle vittime ad Auschwitz II-Birkenau furono uccise dopo la metà del 1943.

Auschwitz III-Monowitz, il più grande dei tre campi principali, è stato costruito nell'ottobre 1942. In origine ospitava schiavi che lavoravano in una vicina fabbrica di gomma. Fino a 40,000 detenuti vivevano a Monowitz in condizioni orribili. I medici nazisti frequentavano frequentemente Auschwitz III per condurre "selezioni" o ispezioni di massa dei detenuti per la salute, la forza e la mobilità. Quelli idonei al lavoro furono mantenuti, altri furono trasferiti ad Auschwitz II-Birkenau per lo sterminio.

Trasporto ad Auschwitz

I prigionieri furono trasportati ad Auschwitz da quasi tutti i paesi occupati dalla Germania nazista. Venivano da tutti gli angoli d'Europa con vagoni bestiame, senza servizi igienici e senza accesso a cibo o acqua.

Quando questi vagoni del treno arrivavano a Birkenau e passavano sotto il caratteristico arco, i prigionieri furono sottoposti a "selezioni" da medici nazisti. Questi esami medici non erano rigorosi e di solito erano basati sull'età, le apparenze e la forza e la forma fisica percepite.

La maggior parte dei primi arrivati ​​fu mandata via per lo sterminio, un percorso che i nazisti chiamarono eufemisticamente "evacuazione" o "trattamento speciale". Bambini e anziani venivano quasi invariabilmente sterminati all'arrivo perché le SS li consideravano incapaci di lavorare. Solo gli adulti più in forma sono stati mantenuti per il lavoro.

Il processo di omicidio

Di solito agli arrivi e ai detenuti selezionati per lo sterminio veniva detto di prepararsi per la doccia e per il pidocchio. È stato loro ordinato di rimuovere tutti gli indumenti e lasciare tutti gli effetti personali, inclusi occhiali e scarpe, per la raccolta in un secondo momento. Le loro teste furono poi rapidamente rasate, i loro capelli conservati per usi militari.

Successivamente, i detenuti sono stati introdotti in volte appositamente progettate, le pareti rivestite di cemento, le porte e le finestre con guarnizioni ermetiche. C'era un unico sfiato per la distribuzione di gas velenosi e una piccola finestra per l'ispezione.

Il gas mortale usato ad Auschwitz lo era Zyklon B (In tedesco "Cyclone B"), un pesticida a base di cianuro prodotto dalla società tedesca IG Farben. Quando questa scarseggiava, i prigionieri venivano soffocati con monossido di carbonio riempiendo le camere con i gas di scarico dei camion.

La maggior parte delle gasazioni ha richiesto dai 20 ai 30 minuti. Una volta che le vittime sono state osservate come morte, sono state controllate e private dei denti d'oro. I corpi sono stati trasportati nei vicini crematori per essere bruciati. I lavori di movimentazione, sollevamento e carico dei corpi nei crematori sono stati eseguiti da kapò o prigionieri fiduciari. Il kapò ha svolto questo sinistro lavoro per alcune razioni di cibo extra o per garantire la propria sopravvivenza.

Lavoro forzato

I detenuti selezionati per lavorare ad Auschwitz erano tatuati con un numero di prigioniero, di solito all'interno dell'avambraccio. Non erano più indirizzati per nome ma con questo numero.

I dettagli del lavoro sono durati dodici ore senza interruzioni. C'erano pene severe per fare pause, fermarsi o lavorare lentamente. kapò sono stati collocati nelle aree dei servizi igienici per garantire che nessun prigioniero trascorresse troppo tempo lontano dal lavoro.

I prigionieri ad Auschwitz indossavano abiti a strisce celesti senza biancheria intima. Ai piedi portavano zoccoli di legno di scarsa aderenza, senza calzini o calze. Gli appelli sono stati condotti almeno due volte, prima e dopo i dettagli del lavoro. Se un prigioniero era scomparso, gli altri prigionieri erano costretti a rimanere in formazione finché la persona non veniva trovata, indipendentemente dalle condizioni meteorologiche.

Al ritorno alle loro baracche, i prigionieri ricevevano razioni di pane e acqua. Dopo mesi trascorsi come bracciante ad Auschwitz, molti detenuti divennero quello che chiamavano le guardie tedesche Muselmann. Affaticati e affamati, si muovevano silenziosamente come zombi, apparentemente a malapena consapevoli di ciò che li circondava.

Insurrezioni di prigionieri

Le rivolte dei prigionieri non erano comuni ad Auschwitz. I rapporti suggeriscono che quasi 800 prigionieri individuali hanno effettuato tentativi di fuga, di cui solo 144 hanno avuto successo. Le SS hanno giustiziato coloro che erano stati sorpresi a fuggire e, per scoraggiare tentativi futuri, spesso punivano i familiari o i detenuti che condividevano la stessa caserma.

Molti ebrei selezionati per lavorare credevano che il modo migliore per sabotare lo sforzo bellico tedesco fosse evitare la morte e sopravvivere. Primo Levi, un sopravvissuto di Auschwitz e un autore di spicco, ha scritto della sua esperienza dell'Olocausto:

Perché l'accampamento era una grande macchina per ridurci a bestie; non dobbiamo diventare bestie; che anche in questo luogo si può sopravvivere, quindi bisogna voler sopravvivere, raccontare la storia, testimoniare; e che, se vogliamo sopravvivere, allora è importante che ci sforziamo di perseverare almeno lo scheletro, la forma esterna della civiltà.

Liberazione di Auschwitz

Verso la fine del 1944, con l'Armata Rossa sovietica che si avvicinava rapidamente, gli ufficiali delle SS ad Auschwitz ricevettero l'ordine di uccidere i restanti detenuti e distruggere tutte le prove delle sue attività. Non c'era tempo sufficiente per questo, tuttavia, fu deciso di evacuare 60,000 prigionieri a Bergen-Belsen, un altro campo più a ovest e più vicino al confine tedesco.

Dei detenuti che hanno lasciato Auschwitz il 17 gennaio 1945 in questa marcia forzata verso Bergen-Belsen, solo 20,000 ce l'hanno fatta. Il resto è morto lungo la strada per malattie, malnutrizione o occasionali uccisioni di massa. Circa 7,500 erano troppo deboli per marciare e furono lasciati ad Auschwitz. I sopravvissuti furono liberati dai sovietici il 27 gennaio 1945.

I soldati sovietici che hanno liberato Auschwitz hanno trovato enormi pile di manufatti personali confiscati ai prigionieri assassinati. Un magazzino conteneva quasi 350,000 abiti da uomo. Un altro era riempito all'altezza della testa con scarpe, occhiali e capelli umani. Altre stanze erano piene di fotografie rubate, documenti personali e gioielli.

Più orribilmente, c'erano dozzine di pile di cadaveri umani in vari stati di decomposizione o cremazione. I terreni e la foresta intorno ad Auschwitz erano fino alle caviglie di cenere, depositata come pioggia dai giganteschi camini di mattoni dei crematori. I canaloni, i fossati e gli stagni, utilizzati come discariche per i rifiuti dei forni crematori, erano ostruiti da ceneri e frammenti di ossa.

Anche gli uomini dell'Armata Rossa sovietica, induriti dalla guerra e abituati alla morte e alla sofferenza nel proprio paese, furono commossi fino alle lacrime da ciò che trovarono ad Auschwitz.

“Auschwitz non si presta facilmente a una prospettiva storica. Per la maggior parte, il campo sarà per sempre quello che è diventato: il più grande e importante dei campi di concentramento nazisti, la macchina per uccidere più distruttiva e sofisticata mai sviluppata, il luogo in cui il maggior numero di ebrei - vicino a un milione - fu ucciso, il più grande cimitero del mondo. "
Jonathan Frankel, storico

auschwitz

1. Auschwitz, situato vicino a Cracovia, nel sud della Polonia, era il campo di concentramento più grande e più letale dell'Europa occupata dai nazisti.

2. Selezionato per la sua centralità rispetto alle reti ferroviarie europee, il complesso di Auschwitz accolse prigionieri da quasi tutti i paesi.

3. Auschwitz era in realtà composto da tre campi principali e 45 sottocampi. Auschwitz II-Birkenau, con le sue camere a gas e i crematori, era di gran lunga il più mortale di questi.

4. I detenuti che arrivavano ad Auschwitz venivano "selezionati" per il lavoro o per lo sterminio immediato, sulla base di valutazioni superficiali della loro età, salute e forma fisica.

5. Auschwitz fu evacuato dalle SS il 17 gennaio 1945 e liberato dai soldati russi sovietici 10 giorni dopo. Rimasero lì solo poche migliaia di detenuti malati.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Auschwitz"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/holocaust/auschwitz/
Data di pubblicazione: 16 Agosto 2020
Data di accesso: 18 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.