Campi di concentramento

campi di concentramento

Un aspetto orribile della Soluzione Finale fu la rete di campi di concentramento gestiti dai nazisti tra il 1933 e il 1945. Questi campi furono costruiti per ospitare grandi popolazioni di ebrei e altre minoranze, per l'isolamento, la punizione o il lavoro forzato. Nel 1944, molti di questi campi erano diventati strutture di sterminio dedicate.

Origini

L'uso di campi o complessi per la detenzione di un gran numero di civili in un unico luogo non era un'invenzione nazista. Le origini dei campi di concentramento si possono, infatti, ricercare nel secolo precedente.

Campi simili furono usati negli Stati Uniti alla fine del 1800 per contenere i nativi americani. I governanti coloniali spagnoli detenevano la popolazione locale di Cuba nei campi di concentramento durante gli anni 1890.

I campi di concentramento furono notoriamente usati dall'esercito britannico in Sud Africa durante la guerra boera (1899-1902) come tentativo di impedire ai civili di nascondersi e rifornire i guerriglieri afrikaner. Il bilancio delle vittime di malattie e malnutrizione in questi campi britannici è stato significativo.

Dachau

I nazisti iniziarono a usare i campi di concentramento poche settimane dopo essere saliti al potere. Il primo di questi campi, a Dachau, vicino a Monaco, divenne operativo nel 1933.

La funzione iniziale di Dachau era quella di contenere prigionieri politici criminali, omosessuali e mendicanti. I prigionieri di Dachau erano alloggiati in baracche su letti di paglia e ricevevano scarse razioni; furono costretti a indossare uniformi a strisce e un sistema di distintivi con codice colore che mostrava il motivo del loro internamento.

Dachau conteneva relativamente pochi ebrei fino a quando Kristallnacht nel novembre 1938, quando circa 10,000 uomini ebrei furono radunati e inviati lì. Alla fine gli ebrei costituirono circa un terzo dei 200,000 detenuti che passarono attraverso le porte di Dachau.

Dachau fu considerato un grande successo da Hitler e da altri membri della gerarchia nazista. Di conseguenza, le sue strutture, l'organizzazione, l'ardua routine quotidiana e la dipendenza dal lavoro forzato furono copiate e impiegate in altri campi di concentramento nazisti.

I Totenkopfverbende

Durante la guerra, tutti i campi di concentramento erano gestiti da una speciale divisione delle SS chiamata "The" Totenkopfverbende o "Death's Head Brigade". La responsabilità dei campi, della loro costruzione e gestione spettava al leader delle SS Heinrich Himmler.

Fino al 1942, tutti i campi di concentramento operavano come campo di lavoro (campi di lavoro). La loro funzione principale in questo momento era quella di ospitare prigionieri civili per il lavoro forzato, di solito in industrie cruciali per lo sforzo bellico.

Mentre i nazisti sciamavano su sempre più Europa, eressero nuovi campi, sia in Germania che nei paesi occupati. Il più grande campo di lavoro erano installazioni notevoli, che richiedevano una notevole quantità di spazio, uomini e risorse. I campi più significativi ospitavano diverse migliaia di prigionieri, richiedevano una compagnia di soldati e furono controllati da un Kommandant, di solito un ufficiale delle SS di Stuhrmführer grado (capitano o primo luogotenente).

Abitudini giornaliere

La routine quotidiana di un Arbeitslager è stata pianificata con cura e applicata rigorosamente. I detenuti eseguivano il lavoro forzato ogni giorno, all'interno del campo o marciando da e verso i luoghi di lavoro. Le ore di lavoro erano lunghe: 10-14 ore al giorno, sei o sette giorni alla settimana.

Le razioni di cibo per i detenuti erano scarse, spesso solo un pezzo di pane e un po 'di zuppa acquosa una volta al giorno. La mancanza di cibo fresco adeguato significava che la malnutrizione e malattie come lo scorbuto e la dissenteria erano diffuse. I prigionieri non idonei al lavoro venivano lasciati morire di fame, fucilati all'interno del campo o deportati in massa ai "campi di sterminio".

Alcuni campi di lavoro gestivano anche una serie di piccoli campi satellite, o "sottocampi". I sottocampi hanno permesso a un piccolo gruppo di prigionieri di essere ospitato più vicino al loro posto di lavoro, non a loro vantaggio, ma per ridurre i viaggi e aumentare i tempi di produzione. I sottocampi erano spesso amministrati privatamente da proprietari di fabbriche o dirigenti civili, aiutati da una piccola guarnigione di guardie SS.

'Annientamento attraverso il lavoro'

Dalla metà del 1942, la funzione e il funzionamento dei campi di lavoro iniziarono a cambiare. Con l'arrivo regolare di enormi spedizioni di nuovi lavoratori, per lo più ebrei dall'Europa occupata, i comandanti del campo si preoccuparono meno di sostenere i detenuti esistenti.

La corrispondenza del governo da questo momento rivela una nuova politica chiamata Vernichtung durch Arbeit, o "Annientamento attraverso il lavoro", menzionato da Hitler in una riunione dell'aprile 1942 dei comandanti del campo. Con i reclusi del campo ora completamente sacrificabili, ai comandanti del campo è stata data mano libera riguardo al loro trattamento. L'orario di lavoro non era più obbligatorio, quindi i detenuti venivano lavorati per periodi di tempo illimitati; sono stati aboliti i periodi di riposo e le pause per cibo e bevande.

Alcuni comandanti del campo hanno preso la politica molto seriamente e hanno introdotto pratiche per uccidere intenzionalmente i lavoratori. A Mathausen-Gusen in Austria, i prigionieri venivano fatti lavorare in una cava vicina dall'alba al buio, spesso a temperature sotto lo zero. Le guardie delle SS li hanno costretti a fare la fila e salire una scala di 186 gradini, ognuno dei quali trasportava un pesante masso di pietra. Se uno crollava, gli altri sotto venivano colpiti da uomini e massi come domino che cadono.

Molti prigionieri sono stati anche costretti a lavorare in strutture industriali o chimiche senza protezione contro i fumi tossici o la polvere. Altri sono stati costretti a scavare tunnel o bunker sotterranei in un terreno instabile. Non c'era alcun riguardo per la sicurezza, il benessere o la sopravvivenza dei lavoratori ebrei. Come disse una ex guardia delle SS, "dovevano essere lavorate fino alla morte, prive di ogni minima utilità e poi sostituite".

I campi di sterminio

L'approvazione della soluzione finale all'inizio di 1942 ha visto anche la costruzione di un nuovo tipo di struttura di concentrazione: il campo di sterminio. Come il Arbeitslager, questi campi fornivano lavoro forzato ebraico ai vicini stabilimenti militari o civili, ma il loro scopo principale era quello di sterminare vaste popolazioni di "indesiderabili" e di smaltirne i resti.

In Polonia furono costruiti sei campi di sterminio: Auschwitz-Birkenau, Sobibor, Treblinka, Madjanek, Chelmno e Belzec. Gli ebrei europei destinati alla liquidazione furono spediti in questi campi per ferrovia. Lo stesso viaggio in treno - due o tre giorni in vagoni merci affollati, senza riscaldamento, fognature, cibo o acqua - ha causato migliaia di vite.

Una volta arrivati, i nuovi reclusi erano soggetti a "selezione", dove gli idonei al lavoro venivano separati da quelli destinati allo sterminio immediato. A volte questo processo era basato sulla robustezza, salute o forma fisica dei nuovi arrivati. Altre volte era piuttosto arbitrario, forse determinato dai capricci degli ufficiali del campo o dalle direttive di Berlino.

Quelli abbastanza in forma per completare il lavoro nel campo o nelle fabbriche vicine furono risparmiati, almeno temporaneamente. Sono stati inviati per essere lavati, spazzati via e ospitati in baracche affollate. Quelli non selezionati per il lavoro furono mandati al loro destino. I bambini, i malati e gli anziani avevano valori irrisori come lavoratori quindi venivano quasi sempre gasati subito. Alcuni furono selezionati per un destino peggiore: la sperimentazione medica per mano dei medici delle SS.

Sterminamenti

Ebrei e altri detenuti condannati allo sterminio furono privati ​​degli effetti personali e si fecero rasare i capelli. Sono stati poi ammassati nudi in stanze di cemento che somigliavano a un grande box doccia. La camera era ben sigillata e al suo interno è stato pompato gas cianuro, uccidendo centinaia di esseri umani in pochi minuti.

Dopo una mezz'ora circa, i corpi sono stati trascinati fuori e trasferiti nei vicini crematori, gestiti da altri detenuti del campo. I cadaveri venivano inceneriti ad alte temperature nei crematori, i loro alti camini di mattoni depositavano ceneri umane dentro e intorno al campo. Frammenti di cenere e ossa lasciati dopo le fiamme furono portati via e gettati fuori dal campo.

Questa uccisione industrializzata ha permesso ai nazisti di estinguere vite umane a un ritmo mai visto prima nella storia umana. Lavorando a pieno regime, il campo di Auschwitz II-Birkenau uccideva e inceneriva più di 6,000 persone al giorno. Alla fine della guerra, i sei campi di sterminio avevano eliminato più di 2.7 milioni di persone.

Il Terzo Reich era dominato dai campi. I campi erano ovunque, nelle città e nelle campagne, all'interno della Germania e nel territorio appena conquistato. La leadership nazista era irresistibilmente attratta dal campo come strumento di disciplina e controllo - e non solo per gli oppositori del regime ... Erano molto diversi per dimensioni, condizioni e funzioni, ma erano uniti da un obiettivo comune di terrorizzare i loro detenuti e intimidire il più ampio popolazione. L'estensione di questi campi è pressoché insondabile: nel solo stato tedesco dell'Assia, sono stati contati almeno 606 campi; nel territorio della Polonia occupata, non meno di 5,877.
Jane Caplan, storica

campi di concentramento

1. Il concetto di campi di concentramento non è stato sviluppato dai nazisti. Grandi campi o complessi per concentrare i civili furono usati nel XIX secolo, come durante la guerra boera.

2. I primi campi di concentramento nazisti furono costruiti per contenere e concentrare i prigionieri politici. Sono stati costruiti e gestiti da una divisione specializzata del Schutzstaffel (SS).

3. Dopo che i nazisti occuparono l'Europa, gli ebrei furono ammassati in campi di lavoro appositamente costruiti (campo di lavoro). Successivamente, i comandanti nazisti adottarono una politica di "annientamento attraverso il lavoro".

4. Più tardi durante la guerra, i nazisti costruirono e gestirono sei "campi di sterminio" speciali, ciascuno alla portata della rete ferroviaria europea. Il più noto di questi era Auschwitz nella Polonia meridionale.

5. Questi campi di sterminio utilizzavano metodi di produzione per l'omicidio e la cremazione di ebrei, a volte fino a 6,000 persone al giorno.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "I campi di concentramento"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/holocaust/concentration-camps/
Data di pubblicazione: 15 Agosto 2020
Data di accesso: 28 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.