La conferenza di Wannsee

conferenza di Wannsee
La casa che ha ospitato la conferenza di Wannsee è ora un museo e memoriale dell'Olocausto.

La Conferenza di Wannsee fu una riunione di alti dirigenti e funzionari nazisti nel gennaio 1942. Fu in questa conferenza che furono elaborati i primi piani definitivi per sterminare la popolazione ebraica d'Europa.

sfondo

Sebbene la decisione di liquidare gli ebrei europei non possa essere individuata in un luogo o in un momento particolare, sembra che sia stata adottata a metà del 1941.

Questo compito enorme e difficile è stato affidato al Schutzstaffel (SS) e il suo vice leader, Reinhard Heydrich. Il 31 luglio Reichsmarshal Hermann Goering ha scritto a Heydrich e gli ha ordinato di:

"... svolgi tutti i preparativi necessari per ... una soluzione totale della questione ebraica in Europa ... ti incarico inoltre di sottopormi prontamente un piano generale ... per l'esecuzione della soluzione finale prevista".

Questo documento contiene uno dei primi riferimenti a quella che divenne nota come la soluzione finale. È anche una prova che l'ordine di sterminare la popolazione ebraica d'Europa proveniva dalle più alte sfere del governo nazista.

L'uccisione di massa di ebrei era già ben avviata quando Goering ha redatto questo ordine. La SS Einsatzgruppen infuriava da diverse settimane attraverso la Russia sovietica e l'Ucraina, saccheggiando villaggi, rastrellando e uccidendo ebrei e poi seppellendo i loro resti.

mentre alcuni Einsatzgruppen le unità uccidevano diverse migliaia di ebrei al giorno, gli strateghi nazisti consideravano questo troppo lento e inadeguato. C'erano nove milioni di ebrei in Europa. Liquidarli con Einsatzgruppen Ci vorrebbe più di un decennio e distoglierebbe uomini e munizioni da zone di combattimento di grande importanza.

È stato necessario sviluppare un sistema più efficiente, compito che ricadde sulle spalle di Heydrich. Trascorse il resto del 1941 a elaborare un piano per sterminare gli ebrei d'Europa. Nel frattempo, il Einsatzgruppen continuarono il loro macabro lavoro nell'Europa orientale.

Il 12 dicembre 1941, il giorno dopo che gli Stati Uniti dichiararono guerra alla Germania, Hitler incontrò nazisti di alto rango nelle sue stanze private della Cancelleria. Sebbene non esista alcuna registrazione ufficiale di questo incontro, Joseph Goebbels notò in seguito che Hitler parlò della distruzione degli ebrei. "Ha avvertito gli ebrei [nel gennaio 1939] che se avessero causato un'altra guerra mondiale, ciò avrebbe portato alla loro stessa distruzione", scrisse Goebbels. “Adesso è arrivata la guerra mondiale. La distruzione degli ebrei deve essere la sua conseguenza necessaria. Questa domanda è da considerare senza sentimentalismo. "

Raduno a Wannsee

All'inizio del 1942, Heydrich era pronto a svolgere il suo programma. Il 20 gennaio ha convocato due dozzine di ufficiali delle SS di alto rango e leader civili a una riunione a Wannsee, un ricco sobborgo nel sud-ovest di Berlino. Tra i presenti c'erano Gruppenfùhrer Heinrich Muller, capo del Gestapo; Oberführer Karl Schoengarth, capo delle forze di sicurezza delle SS in Polonia; e Adolf Eichmann, uno specialista delle SS in trasferimenti di ebrei che fungeva da registratore.

Heydrich ha presieduto la riunione e ha definito il suo ordine del giorno. Iniziò dichiarando che Hitler non era più disposto ad accettare l'espulsione o l'emigrazione di ebrei dall'Europa. C'erano, disse Heydrich, "possibilità a est" per affrontare il "problema ebraico" con maggiore finalità.

Ha quindi presentato statistiche dettagliate sulle popolazioni ebraiche nelle nazioni europee, comprese quelle non sotto il controllo nazista, come la Gran Bretagna e la Svizzera, per un totale di 11 milioni. Tutto sarebbe soggetto alla Soluzione Finale. Il processo inizierebbe "setacciando l'Europa da ovest a est" per estrarre i suoi ebrei. Successivamente sarebbero stati raccolti e trasportati nell'Europa orientale, inizialmente per i lavori forzati e poi per lo sterminio.

Il sistema di morte di Heydrich

Questo processo, ha spiegato Heydrich, sarebbe iniziato in Germania, Austria e nelle province ceche di lingua tedesca. Deve iniziare da lì, ha spiegato, per alleviare la carenza di cibo e alloggi che colpisce i tedeschi ariani.

Furono stabilite linee guida per deportare gli ebrei dalla stessa Germania, in particolare quelli la cui eredità razziale non era chiara. Tedeschi con eredità razziale mista ebraico-ariana (ibridi) sarebbero trattati in base alle loro circostanze. Primo grado ibridi (quelli con due nonni ebrei) sarebbero deportati con ebrei a sangue pieno, a meno che non fosse concessa un'esenzione dallo stato. Secondo grado ibridi (a quelli con un nonno ebreo) doveva essere data l'opzione di deportazione o sterilizzazione volontaria, a condizione che non fossero attivamente religiosi nella religione ebraica o "si comportassero come ebrei".

Gli ebrei tedeschi di età superiore ai 65 anni e coloro che avevano prestato servizio nella prima guerra mondiale non sarebbero stati spediti in Polonia ma sarebbero rimasti in un campo di concentramento specializzato in Germania (Theresienstadt).

Tutti gli altri ebrei, spiegò Heydrich, sarebbero stati radunati e trasportati in località selezionate nell'Europa orientale, la maggior parte nella Polonia meridionale e orientale. Una volta lì, sarebbero stati suddivisi in due gruppi: quelli abbastanza adatti per intraprendere il lavoro forzato e quelli che non lo erano.

Heydrich non ha elaborato il destino di coloro che non possono lavorare: bambini, anziani e infermi; presumibilmente dovevano essere sterminati immediatamente. Né ha delineato come doveva essere eseguita questa uccisione di massa. Come spesso accadeva con le politiche naziste, i dettagli più brutti o rimasero inespressi o furono lasciati ai subordinati:

“Nel corso della soluzione finale, gli ebrei dovrebbero essere portati… ad est per l'utilizzo del lavoro. Separati dal sesso, gli ebrei capaci di lavorare saranno condotti in queste aree in grandi colonne di manodopera per costruire strade, per cui senza dubbio un gran numero cadrà per riduzione naturale. Il residuo residuo finale, che senza dubbio costituirà l'elemento più duro, dovrà essere trattato in modo appropriato, poiché rappresenta una selezione naturale ... una cellula germinale di un nuovo sviluppo ebraico ".

Un record igienizzato

In totale, la riunione di Wannsee è durata circa 90 minuti, di cui due terzi è stato Heydrich a fornire istruzioni su ciò che doveva accadere. L'ultima mezz'ora è stata occupata da domande, discussioni e battute informali.

Un resoconto abbastanza completo dell'incontro è stato compilato da Adolf Eichmann. Questi verbali, che sono stati ampiamente studiati dagli storici, non menzionano i metodi per sterminare gli ebrei. Secondo la testimonianza di Eichmann, resa nel 1961, Heydrich gli diede istruzioni di ripulire i verbali rimuovendo tutti i riferimenti alla violenza o all'omicidio.

Eichmann ha anche testimoniato che vari metodi per uccidere gli ebrei sono stati discussi apertamente e casualmente dopo l'incontro, mentre i partecipanti hanno condiviso il brandy.

Significato

Ad alcuni, la conferenza di Wannsee potrebbe sembrare di scarsa importanza. Vi parteciparono burocrati e capi provinciali delle SS e, ad eccezione di Heydrich, non membri della cerchia ristretta di Hitler. Non ha avviato o autorizzato l'uccisione di massa di ebrei; era in corso da più di sei mesi.

La conferenza di Wannsee non ha stabilito o formalizzato la Soluzione Finale; ciò era stato fatto in precedenza da Heydrich, probabilmente in consultazione con Hitler, Himmler e Goering. Né il presidente delegato si è impegnato in una pianificazione intricata o complessa.

Quello che fece la conferenza di Wannsee, tuttavia, fu chiarire esattamente come i nazisti intendevano affrontare la "questione ebraica". Ha inoltre reso le SS e le autorità civili competenti pienamente consapevoli degli obiettivi del governo. La Soluzione Finale procederebbe non come un miscuglio di azioni o risposte locali, ma come una politica organizzata centralmente e dotata di risorse, con le agenzie naziste come le SS che giocano un ruolo centrale.

"La conferenza di Wannsee è un evento burocratico vivace e impassibile: un raduno di uomini gioviali e laboriosi che fanno battute grossolane, litigano piacevolmente tra loro e, tra bicchieri di cognac, discutono sulla logistica di un piano per uccidere 11 milioni di esseri umani ... Nel 1942 era già in corso lo sterminio degli ebrei europei, ma dal punto di vista tedesco il compito procedeva in modo casuale e sciatto. Solo dopo la conferenza di Wannsee il lavoro di sterminio è diventato ordinato, efficiente e completo ".
New York Magazine

1. A metà del 1941, Hermann Goering ordinò al vice leader delle SS Reinhard Heydrich di organizzare una "soluzione totale del problema ebraico".

2. Heydrich programmò una riunione di ufficiali delle SS, Gauleiters del partito e funzionari civili nel sobborgo berlinese di Wannsee nel gennaio 1942.

3. In questa riunione, Heydrich ha presentato il suo piano per localizzare, trasferire, concentrare ed eliminare la popolazione ebraica europea di 11 milioni di persone.

4. La maggior parte degli ebrei sarebbe stata trasferita nell'Europa orientale, principalmente in Polonia, per essere usata come lavoro forzato o sterminata.

5. Sebbene il verbale della conferenza di Wannsee non registrasse alcuna discussione sullo sterminio o sui suoi metodi, questo fu discusso in modo informale dopo la riunione.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La conferenza di Wannsee"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/holocaust/wannsee-conference/
Data di pubblicazione: 11 Agosto 2020
Data di accesso: 25 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.