Fuggitivi nazisti

fuggitivi nazisti
Adolf Eichmann sotto processo in Israele, 1961

Consapevoli di essere arrestati, indagati e trattati dagli alleati, decine di fuggitivi nazisti si sono nascosti o hanno tentato di fuggire dall'Europa. Evadere la cattura non è stato difficile nel caos e nella confusione della fine della guerra. L'Europa occidentale era piena di rifugiati e sfollati, ex prigionieri di guerra e soldati smobilitati. I fuggitivi nazisti hanno anche beneficiato del sostegno dato dai simpatizzanti in tutta Europa. Ci vorrebbero anni - e in alcuni casi decenni - per localizzare questi sospetti criminali di guerra e assicurarli alla giustizia.

Viali per il volo

Le indagini alleate sui crimini di guerra nazisti iniziarono anche prima della fine della guerra e proseguirono rapidamente nel 1945-46. Il compito di raccogliere prove, processare centinaia di migliaia di prigionieri, interrogare le vittime e identificare potenziali sospetti, tuttavia, è stato travolgente. Tutti tranne i più importanti fuggitivi nazisti furono in grado di eludere la cattura vestendosi da civili o soldati arruolati, a volte con documenti d'identità falsificati o rubati.

Alcuni fuggitivi nazisti che tentarono di fuggire beneficiarono di reti di sostegno, in particolare in Italia e nella Spagna di Franco. Alcuni erano anche assistiti da una cricca di sacerdoti tedesco-austriaci all'interno del Vaticano. Diverse "ratlines" (vie di fuga per i nazisti) operavano in questi paesi, consentendo ai fuggitivi nazisti di spostarsi indisturbati verso porti come Genova e Cadice.

I fuggitivi con fondi adeguati e documenti falsi potevano acquistare il passaggio e lasciare questi porti per quasi tutte le destinazioni in tutto il mondo. Alcuni sono finiti negli Stati Uniti, in Canada, in Africa e persino in Australia.

La maggior parte ha scelto il Sud America, tuttavia, dove c'era una sana rete di supporto per i nazisti fuggitivi. L'Argentina, in particolare, divenne un rifugio per gli ex nazisti. Il suo dittatore quasi fascista, Juan Peron, fornì protezione informale e sostegno del governo, offrendo a diversi ex nazisti argentini cittadinanza e impiego.

Adolf Eichmann

I fuggitivi nazisti furono indagati e cacciati non solo dagli alleati ma anche dal governo del neonato stato ebraico di Israele. Diversi sopravvissuti all'Olocausto, tra cui Simon Wiesenthal, Tuviah Friedman ed Elliot Welles, sono diventati "cacciatori di nazisti", raccogliendo informazioni e prove sui criminali di guerra delle SS per individuarli e assicurarli alla giustizia.

Uno dei loro obiettivi di più alto profilo era Adolf Eichmann. Un tenente colonnello delle SS, prima della guerra Eichmann era stato assegnato all'Ufficio ebraico per l'emigrazione, un'agenzia incaricata di aiutare gli ebrei a lasciare la Germania nazista. Ha collaborato alla stesura di una proposta denominata "Progetto Madagascar", che prevedeva il trasferimento forzato dell'intera popolazione ebraica d'Europa in una grande isola al largo della costa orientale dell'Africa. Hitler approvò questo piano ma non fu mai realizzato.

Nel 1941 Eichmann fu informato della Soluzione Finale, il piano per sterminare tutti gli ebrei europei. L'anno successivo Eichmann ha partecipato alla Conferenza di Wannsee, dove ha registrato i verbali e le risoluzioni della riunione.

Il ruolo di Eichmann nella Soluzione Finale era principalmente burocratico. Ha progettato, organizzato e gestito sistemi ferroviari che trasferivano gli ebrei dalla loro patria o dai ghetti ai campi di concentramento. Svolse questi compiti con precisione e freddo distacco, con poca preoccupazione che il suo lavoro fosse responsabile della morte di milioni di persone.

Nel 1945 Eichmann fuggì attraverso le "ratlines" in Argentina, stabilendosi a Buenos Aires con il falso nome di Ricardo Klement. Stranamente, sua moglie ei suoi figli hanno mantenuto i propri nomi, una decisione che ha portato alla sua scoperta.

Eichmann è stato rapito nel 1960 da agenti israeliani che lo hanno portato fuori dal paese senza la conoscenza o la cooperazione del governo argentino. Eichmann fu processato in Israele, riconosciuto colpevole di crimini di guerra e impiccato nel 1962.

Altri fuggitivi notevoli

Klaus Barbie era un capitano della Gestapo che ha prestato servizio nella città francese di Lione, dove ha personalmente aggredito, torturato e ucciso centinaia di persone, sia ebrei che membri della Resistenza francese. Barbie ha anche organizzato la deportazione degli ebrei locali e si ritiene che sia stata responsabile della morte di oltre 14,000 persone. Barbie è fuggita in Bolivia dopo la guerra, ma è stata deportata nel 1983, all'età di 69 anni. È stato condannato all'ergastolo, dove morì nel 1991.

Franz Stangl era un capitano delle SS che ha servito come comandante dei campi di sterminio di Sobibor e Treblinka. Durante il suo comando, questi campi hanno ucciso circa 300,000 persone, per lo più ebrei. Stangl è stato arrestato dopo la guerra ma è scappato in Siria attraverso l'Italia, aiutato da un vescovo cattolico. Nel 1951, Stangl si trasferì in Brasile, dove ottenne un lavoro e visse indisturbato sotto il suo nome. Fu individuato e arrestato nel 1967, poi deportato nella Germania occidentale per il processo. Nell'ottobre 1970 è stato condannato all'ergastolo, sebbene abbia vissuto solo altri nove mesi.

Gustav Wagner era un sergente delle SS che prestava servizio nel campo di sterminio di Sobibor, dove era notoriamente brutale nei confronti dei detenuti. Secondo un rapporto, Wagner avrebbe strappato i bambini ebrei dalle braccia delle loro madri e li avrebbe letteralmente fatti a pezzi. Wagner è scappato in Brasile dopo la guerra, ottenendo lavoro e cittadinanza. Fu identificato e arrestato nel 1978 ma le richieste di espulsione furono rifiutate dal governo brasiliano. Morì nel 1980, all'età di 69 anni, probabilmente assassinato.

Josef Schwammberger era un tenente delle SS responsabile di numerosi campi di lavoro e ghetti ebraici nella Polonia meridionale, soprattutto nei dintorni di Cracovia. Schwammberger era noto per la sua spietatezza e brutali bizze, che finivano invariabilmente con i prigionieri che venivano colpiti in numero. Schwammberger sfuggì alla cattura dopo la guerra e, in 1948, si trasferì in Argentina. Fu localizzato, arrestato e identificato alla fine degli 1980 dopo che il governo della Germania Ovest aveva pubblicato una grossa ricompensa. Fu condannato all'ergastolo in 1992 e morì sotto custodia in 2004.

Josef Mengele

Nonostante i continui sforzi dei cacciatori nazisti in Israele e altrove, alcuni fuggitivi nazisti continuarono a eludere la posizione e la cattura. Uno dei peggiori criminali di guerra della storia, Josef Mengele, non è mai stato assicurato alla giustizia.

Mengele era un capitano delle SS e un medico qualificato che fu assegnato ad Auschwitz-Birkenau nel 1943. A soli 32 anni, Mengele ricevette importanti responsabilità lì, inclusa la partecipazione alle selezioni sui nuovi arrivati, decidendo quale sarebbe stato utilizzato per il lavoro e quale sarebbe stato inviato per lo sterminio.

I crimini più orribili di Mengele, tuttavia, furono esperimenti medici e anatomici che eseguì sui reclusi del campo: dissezioni, vivisezioni, amputazioni, castrazioni, trasfusioni di sangue, concepimenti forzati e parti cesarei, tutti condotti senza anestetico o sollievo dal dolore. Mengele aveva un interesse speciale per i gemelli, una volta cuciva un paio di gemelli insieme per creare gemelli siamesi o siamesi.

Mengele si nascose dopo la guerra, lavorando come bracciante agricolo fino al 1949, poi fuggendo in Argentina attraverso l'Italia. Vi prosperò fino al 1955, lavorando prima come operaio prima di tornare alla pratica medica (anche se dovette farlo illegalmente). Ha anche divorziato dalla moglie e si è risposato.

Mengle si trasferì negli stessi circoli sociali di molti altri fuggitivi nazisti, tra cui Adolf Eichmann. Durante l'arresto e il rapimento di Eichmann nel 1960, Mengele fu individuato dagli agenti del Mossad, che riferirono la sua posizione ai cacciatori nazisti.

Spaventato dalla cattura di Eichmann, Mengele ottenne la documentazione e si trasferì in Paraguay, poi in Brasile, dove morì nel 1979 mentre nuotava nell'oceano. Il suo corpo è stato riesumato e identificato positivamente nel 1985. Secondo le lettere e i resoconti aneddotici di Mengele, è rimasto un fedele nazista fino alla sua morte, credendo fermamente di non aver fatto nulla di male.

Operazione graffetta

Non tutti gli ex nazisti furono soggetti ad arresto o processo. Sia gli Stati Uniti che la Russia sovietica hanno radunato e reclutato specialisti tedeschi, molti dei quali erano ufficiali delle SS, membri del partito nazista o simpatizzanti, al fine di negare all'altro la loro esperienza.

Gli Stati Uniti sono stati particolarmente attivi in ​​questo senso. A metà del 1945, Washington lanciò l'operazione Paperclip, una vasta campagna per raccogliere informazioni su scienziati, tecnici e ingegneri nazisti. Molti di questi specialisti furono localizzati e trasferiti nella Germania occupata dagli Stati Uniti, fuori dalla portata dei sovietici.

Di particolare interesse per gli americani erano gli uomini che avevano lavorato al programma Hitler V-2, razzi senza pilota che furono usati per lanciare attacchi mortali contro la Gran Bretagna negli ultimi due anni di guerra. Washington bramava la loro esperienza e sperava di sfruttarla nel proprio programma di missili balistici.

Alcuni di questi uomini erano stati implicati o accusati di crimini di guerra. Hubertus Strughold era un esperto medico reclutato come parte dell'operazione Paperclip, che divenne un importante contributore al programma spaziale americano. In seguito è emerso che probabilmente era coinvolto nella sperimentazione umana mentre era di stanza a Dachau. Gli americani reclutarono anche ex nazisti come agenti, come Wehrmacht il generale Reinhard Gehlen, che avrebbe in seguito allestito un anello spia 4,000 all'interno dell'Europa occupata dai sovietici.

“[Eichmann ha detto] 'Non ho mai provato piacere a sparare per uccidere. Penso che l'uomo che può guardare attraverso il mirino del suo fucile negli occhi di un cervo e poi ucciderlo sia un uomo senza cuore nel corpo. Ringraziai Dio che durante la guerra non fossi diventato il vero strumento per uccidere nessuno ”. Tale era l'entità dell'autoillusione di Eichmann. Avrebbe continuato a negare il suo ruolo di strumento di massacro per il resto della sua vita. Ma per il momento aveva la sua pelle da salvare. "Adesso ero io la preda", ha ammesso. "
Guy Walters, storico

fuggitivi nazisti

1. Verso la fine della guerra, centinaia di nazisti tentarono di fuggire dall'Europa lungo le cosiddette "linee di ratifica".

2. A loro fu data assistenza dai regimi filo-nazisti in Spagna e in Italia, così come da altre persone e gruppi.

3. Molti si stabilirono nella relativa sicurezza del Sud America, dove esistevano reti di supporto per i nazisti fuggitivi.

4. Una famigerata fuga fu il medico delle SS, Josef Mengele, che visse comodamente in Sud America fino alla sua morte.

5. Non così fortunato fu Adolf Eichmann, che fu rintracciato, rapito, processato ed esecutivo dalle autorità israeliane.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Fuggitivi nazisti"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/holocaust/nazi-fugitives/
Data di pubblicazione: 20 Agosto 2020
Data di accesso: 26 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.