I protocolli di Sion

protocolli di zion
Un'edizione russa di I protocolli di Sion

La fonte più perniciosa e duratura dell'antisemitismo moderno è un libro intitolato I protocolli degli anziani imparati di Sion (spesso abbreviato in I protocolli di Sion). Anche se afferma di essere la prova di una cospirazione ebraica per dominare il mondo, I protocolli di Sion era in realtà una creazione di agenti russi all'inizio del XX secolo.

Una cospirazione globale

I protocolli di Sion sostiene di essere una registrazione scritta di una riunione di anziani ebrei tenutasi alla fine del 1800. Nel corso di questa riunione, questi anziani delineano e discutono la loro intenzione di conquistare il mondo. Forniscono quindi una spiegazione passo passo di come ciò sarà ottenuto.

Le dichiarazioni attribuite agli anziani in questo presunto incontro suggeriscono una brama di potere e dominio globale, sostenuta da disprezzo e disprezzo per i non ebrei.

Ci sono prove storiche chiare e definitive che I protocolli di Sion è falso, un falso disonesto inventato per screditare il popolo ebraico e incitare all'odio razziale. Nonostante ciò, il contenuto di I protocolli di Sion è stato accettato come un dato di fatto e ripetuto da migliaia di persone. Per molti aspetti, è diventato il manuale o la bibbia dell'antisemitismo moderno.

Antisemitismo russo

I protocolli di Sion è apparso per la prima volta in Russia nei primi anni del XX secolo. In questo momento, l'Impero russo era la fonte più fertile di antisemitismo in Europa.

Nel 1900, la Russia ospitava cinque milioni di ebrei (circa il 4% della popolazione mondiale totale). La maggior parte dei russi viveva in villaggi rurali dove la vita, la cultura e le credenze religiose non erano cambiate in modo significativo dal Medioevo. Gli ebrei russi venivano periodicamente presi di mira come capri espiatori per qualsiasi evento avverso: dalla siccità ai fallimenti dei raccolti, dall'aumento delle tasse ai focolai di malattie.

La "calunnia del sangue", il mito secondo cui gli ebrei rapivano e sacrificavano i bambini, era comune anche all'inizio del XX secolo in Russia. Un esempio notevole fu il processo del 20 a Menahem Beilis, un caposquadra ebreo accusato ingiustamente di aver ucciso un adolescente. Beilis è stato infine assolto, ma il suo processo ha messo in luce l'intensità e la natura irrazionale dell'antisemitismo russo.

Nicola II

L'odio russo contro gli ebrei non era limitato alle classi inferiori. Lo stesso zar, Nicola II, era un antisemita dichiarato che incolpava gli ebrei per i problemi che affliggevano il suo impero e occasionalmente si lanciava in lunghe diatribe razziste. Il suo antisemitismo era condiviso dai membri della Chiesa ortodossa russa e da gruppi politici reazionari come i "cento neri". 

Nel 1903, agenti dei "Cento Neri" e di altri gruppi filo-zaristi ne prepararono una serie pogrom (rivolte antiebraiche) in tutta la Russia. Tra 2,000 e 2,500 ebrei russi furono assassinati dai loro stessi connazionali, incitati da voci di complotti ebraici. Le comunità ebraiche furono sciolte o cacciate da certe aree, le loro proprietà distrutte o confiscate.

I pogrom contro gli ebrei in Russia ha generato indignazione internazionale e ha portato migliaia di ebrei russi a fuggire all'estero. È stato in questo ambiente velenoso che I protocolli di Sion nacquero.

Origini del protocolli

La maggior parte degli storici crede che il Protocolli di Sion sono stati creati da agenti della Okhrana, unità di polizia segreta dello zar, utilizzando testo plagiato da una satira francese del 1864. 

I protocolli è apparso per la prima volta in stampa su 1903, in forma serializzata su un giornale russo di destra. Per i successivi quattro anni il testo completo, o estratti da esso, furono ripubblicati e fatti circolare intorno all'Impero russo. 

I protocolli era usato per suggerire o implicare che i problemi interni della Russia fossero causati da forze o influenze ebraiche malevole. Ancora una volta, gli ebrei divennero un capro espiatorio già pronto per la cattiva gestione e i fallimenti politici dello zar.

Una risposta al sionismo

Il suggerimento che gli ebrei fossero decisi a dominare il mondo non era nuovo. L'idea era stata propagata da autori francesi e tedeschi per almeno tre decenni.

L'idea di una "cospirazione mondiale ebraica" fu in parte alimentata dal Primo Congresso Sionista, una conferenza del 1897 in Svizzera alla quale parteciparono leader ebrei europei. L'obiettivo principale del congresso era la discussione su una potenziale patria per il popolo ebraico - ma gli estremisti lo hanno affermato come prova di obiettivi più sinistri.

L'aspetto del protocolli non solo ha rafforzato questa teoria della cospirazione, ma ha anche fornito dettagli su come gli ebrei intendevano ottenere il "dominio del mondo". Tra i metodi descritti in protocolli:

  • Gli ebrei otterrebbero gradualmente il controllo dei cardini finanziari, come banche, oro e credito. Questo controllo consentirebbe loro di manipolare e controllare l'economia.
  • Acquisendo la proprietà e il controllo della stampa e di altri media, gli ebrei sarebbero in grado di plasmare l'opinione pubblica.
  • Gli accademici ebrei avrebbero anche assunto posizioni di rilievo nelle università, consentendo loro di controllare l'istruzione, l'ideologia, il pensiero e la cultura.
  • Una volta stabilito il loro controllo economico, gli ebrei avrebbero deliberatamente avviato recessioni e depressioni economiche, creando disoccupazione e minando la fiducia del pubblico nel governo.
  • Gli ebrei aumenterebbero e amplierebbero anche il loro potere innescando guerre insignificanti ma brutali, che indebolirebbero il morale pubblico e renderebbero le persone più suscettibili alla suggestione e alla propaganda.
  • Le società di proprietà ebraica avrebbero prodotto e venduto alcolici e pornografia a basso costo. La pronta disponibilità di questi prodotti pericolosi e moralmente discutibili indebolirebbe e minerebbe la società.

La cospirazione si diffonde

I protocolli di Sion fu ampiamente diffuso e pubblicato dopo la prima guerra mondiale. Molti attribuirono la rivoluzione russa (1917) e l'ascesa del comunismo a cospirazioni ebraiche.

Il sostenitore ed editore di più alto profilo di I protocolli di Sion era Henry Ford, l'industriale americano che divenne molto ricco rivoluzionando la produzione di massa delle automobili.

Usando i suoi soldi, Ford fece stampare mezzo milione di copie dalle macchine da stampa I protocolli di Sion per la distribuzione. Ha anche comprato e gestito un piccolo giornale, il Dearborn Indipendente, che tra il 1920 e il 1922 pubblicò articoli che riflettevano il contenuto del protocolli.

Ford fu poi costretto a scusarsi, sebbene rimase un fervente antisemita. Negli anni '1930 divenne un forte sostenitore del partito nazista tedesco e corrispondeva frequentemente con Adolf Hitler.
Lo stesso Hitler aveva letto I protocolli di Sion. Nella sua biografia, Mein Kampf, ha proclamato che "rivelano la natura e l'attività del popolo ebraico ed espongono i loro contesti interni così come i loro obiettivi finali finali".

Il falso scoperto

I protocolli di Sion è stato anche pubblicato in Gran Bretagna, con il titolo Il pericolo ebraico. Nel 1920-21, un giornalista del quotidiano londinese The Times ha condotto un'indagine su I protocolli, il loro contenuto e origine. È stato fatto risalire a Sergei Nilus, un burocrate nella Russia zarista che ha affermato di aver ricevuto il manoscritto da un socio anonimo.

Secondo The Times' indagine, I protocolli di Sion furono inventati per convincere altri russi che i disordini politici nel paese erano causati dagli ebrei, piuttosto che dalle politiche repressive del governo zarista.

The Times ha aggiunto:

“[I Protocolli] hanno fatto male non tanto, secondo lo scrittore, suscitando un sentimento antiebraico, che è più antico dei Protocolli e persisterà in tutti i paesi dove c'è un problema ebraico fino a quando quel problema non sarà risolto. Piuttosto, hanno fatto del male persuadendo tutti i tipi di persone per lo più benestanti che ogni recente manifestazione di malcontento da parte dei poveri è un fenomeno innaturale, un'agitazione fittizia causata da una società segreta di ebrei ".

protocolli di zion

1. I protocolli di Sion è il titolo di un libro che riassume una presunta trama ebraica per conquistare il mondo.

2. È stato probabilmente creato intorno al 1903, molto probabilmente da agenti della polizia segreta del governo zarista.

3. Sostiene di essere il verbale di una congrega di anziani ebrei, che discutono dei modi in cui raggiungeranno il controllo mondiale.

4. Tra i metodi che descrivono vi sono il controllo del settore bancario, finanziario, dei media, dell'istruzione e del governo.

5. I protocolli sostiene l'antisemitismo più moderno e le teorie prive di fondamento su una cospirazione ebraica.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "I protocolli di Sion"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/holocaust/the-protocols-of-zion/
Data di pubblicazione: Luglio 24, 2020
Data di accesso: 22 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.