la lista di Schindler

la lista di Schindler
Oskar Schindler (seduto) con Leo Pfefferberg, l'uomo che ha raccontato la sua storia a Thomas Keneally

La pellicola 1993 la lista di Schindler raffigura Oskar Schindler, un uomo d'affari cecoslovacco di lingua tedesca e membro del partito nazista. Durante l'occupazione nazista della Polonia, Schindler ha protetto e protetto circa 1,200 dipendenti ebrei dalla persecuzione, dalla deportazione e dallo sterminio. La sua storia è stata riconosciuta

Pfefferberg e Keneally

La storia di Oskar Schindler è nota agli ebrei da tre generazioni, ma è stata rivelata al resto del mondo relativamente tardi, più di quattro decenni dopo la fine della seconda guerra mondiale. L'uomo che ne ha dato maggiore visibilità è stato Thomas Keneally, uno scrittore australiano pluripremiato.

Nel 1980, Keneally chiamò un negozio di Los Angeles per chiedere informazioni sull'acquisto di una valigetta. Il proprietario del negozio era Poldek Pfefferberg. Dopo aver scoperto che Keneally era uno scrittore, Pfefferberg ha raccontato la sua storia di sopravvissuto all'Olocausto nella Polonia occupata dai nazisti. Convinse Keneally a scrivere un libro su Oskar Schindler, le cui azioni avevano salvato la vita di Pfefferberg.

Incuriosito dalla storia, Keneally ha trascorso un anno a fare ricerche e scrivere su Schindler. Nel 1982 ha pubblicato L'arca di Schindler, un romanzo basato sulla storia di Schindler, Pfefferberg e dei suoi compagni sopravvissuti. L'arca di Schindler ha vinto un Booker Prize e ha venduto bene sia in Europa che negli Stati Uniti.

la lista di Schindler

Quasi immediatamente, L'arca di Schindler è stato pubblicizzato per l'adattamento in film. Il regista di Hollywood Steven Spielberg è stato invitato per la prima volta ad assumere l'incarico nel 1983. Cresciuto come ebreo ortodosso e profondamente consapevole dell'Olocausto, Spielberg è rimasto affascinato dalla storia. Non era sicuro di possedere la maturità, l'esperienza e la gravità per un film così importante, tuttavia, così declinò.

Dopo aver passato dieci anni cercando di convincere altri registi ad accettare il progetto, Spielberg ha ceduto e lo ha diretto lui stesso. L'intero film di tre ore è stato girato in 12 settimane in luoghi originali in Polonia, in particolare Cracovia e Auschwitz.

la lista di Schindler è stato rilasciato nel 1993 con un enorme successo di pubblico e critica. È stato nominato per 12 Academy Awards e ne ha vinti sette, tra cui Miglior film e Miglior regista. È finita la lista di Schindler

che milioni di persone sono diventate ampiamente consapevoli di Oskar Schindler e del suo coinvolgimento nel salvare vite ebraiche durante l'Olocausto.

Il background di Schindler

Oscar Schindler nacque nel 1908 in Moravia, Cecoslovacchia, un'area poi occupata dai nazisti poco prima della seconda guerra mondiale. La sua famiglia era fortemente cattolica, anche se da ragazzo Schindler aveva diversi amici ebrei.

La vita di Schindler prima della guerra era insignificante. Ha provato diversi lavori e iniziative imprenditoriali, ma nessuno ha avuto successo. Divenne membro del NSDAP o partito nazista nel 1939 e per un certo periodo lavorò come agente per il Abwehr, un'agenzia segreta per la raccolta di informazioni.

Dopo lo scoppio della guerra, Schindler si trasferì nella Polonia occupata dai nazisti e ottenne il controllo di una fabbrica di smalti di Cracovia che era stata sequestrata ai suoi proprietari ebrei. Con l'assistenza degli ufficiali delle SS, Schindler reclutò una piccola forza lavoro tra i detenuti nel vicino ghetto ebraico.

DEF a Cracovia

Nel 1943, la fabbrica di Schindler a Cracovia (Deutsche Emailwarenfabrik o DEF) era un'impresa manifatturiera di successo che impiegava più di 1,000 ebrei e altri civili.

Schindler ha lasciato l'organizzazione e la gestione finanziaria della fabbrica a contabili ebrei, come Itzhak Stern, ma ha comunque svolto un ruolo fondamentale nel suo successo. Pranzava spesso o festeggiava con ufficiali delle SS di alto rango e offriva loro doni e tangenti. In cambio, questi ufficiali concessero contratti lucrosi alla fabbrica di Schindler per fornire merci alle SS e all'esercito tedesco.

Alla fine del 1943, il DEF forniva alle SS kit da mensa, equipaggiamento e uniformi. Queste transazioni, unite all'economicità del lavoro ebraico forzato, resero Schindler un uomo molto ricco.

Un rifugio sicuro

Sebbene Schindler avesse sostenuto i nazisti negli anni '1930, la violenza a Cracovia lo turbò. Schindler ha adottato misure per proteggere i suoi dipendenti da malattie, fame o violenza. I suoi dipendenti sono stati forniti di cibo e vestiti extra mentre la moglie di Schindler, Emilie, ha sostenuto i suoi sforzi contrabbandando cibo e creando una clinica medica segreta (un contributo non evidenziato nel film di Spielberg).

Successivamente, Schindler fu in grado di rimuovere le guardie delle SS dal pavimento della sua fabbrica. In almeno due occasioni ha estratto operai ebrei dalle grinfie delle SS, salvandoli dalla tortura o dall'esecuzione. Coloro che hanno lavorato per Schindler hanno imparato ad apprezzare di essere sotto la sua protezione. Hanno iniziato a riferirsi a se stessi come Schindlerjuden ("Schindler ebrei").

Le attività commerciali di Schindler e il trattamento dei suoi dipendenti ebrei erano potenzialmente pericolosi e occasionalmente si trovava in difficoltà. È stato arrestato tre volte per aver operato sul mercato nero, ma è stato in grado di utilizzare la corruzione e le sue potenti connessioni SS per tirarsi fuori dai guai.

Trasferimento a Brunnlitz

Nel 1943 Schindler conobbe un capitano delle SS, Amon Goeth, il comandante di un campo di lavoro nella vicina Plaszow. Goeth era noto per i suoi brutali maltrattamenti e l'esecuzione sommaria di detenuti ebrei, sebbene Schindler rimase in rapporti amichevoli con lui.

Nel 1944, Goeth ricevette l'ordine di trasferire tutti gli ebrei di Cracovia nei campi di concentramento. A questo punto, Schindler è stato in grado di corrompere Goeth per garantire l'evacuazione della sua forza lavoro. Sono stati trasferiti in un campo di lavoro, Brunnlitz, vicino alla città natale di Schindler.

I Schindlerjuden rimasero a Brunnlitz per tutta la durata della guerra fino a quando furono liberati dai soldati russi nel maggio 1945.

Dopo la guerra

Dopo la guerra, Schindler fallì nella maggior parte delle cose che tentò. Abbandonò la moglie ed emigrò in Sud America, dove iniziò diverse attività, tutte fallite. In diverse occasioni, Schindler ha ricevuto assistenza finanziaria dagli ebrei che aveva protetto durante l'Olocausto.

Alla fine Schindler tornò in Germania, dove morì in bancarotta nel 1974. Dopo la sua morte, fu sepolto in un cimitero cattolico sul monte Sion, a Gerusalemme. Lo stato di Israele gli ha concesso il titolo di "Giusto tra le nazioni", un onore concesso ai non ebrei che hanno protetto o protetto gli ebrei durante l'Olocausto.

“Per molti 'Schindlerjuden', Schindler era una figura simile a un dio. Hanno trascurato i difetti umani di Schindler e hanno cercato continuamente modi per aiutare il loro eroe imperfetto a mantenere una parvenza di una vita normale, prima in Germania e poi in Argentina. Lo hanno aiutato finanziariamente e hanno cercato modi per onorarlo e raccontare al mondo i suoi sforzi unici per salvarli durante l'Olocausto. Di fronte alle carenze di Schindler, in particolare dopo la guerra, molti spiegherebbero che sono stati questi difetti di carattere a renderlo così efficace durante l'Olocausto ... Alcuni si limitavano a scrollarsi di dosso i discorsi sul suo bere e fare le donne e dire "Oh, è solo Oskar". "
David Crowe, storico

Schindler

1. Il film la lista di Schindler interpreta le azioni di un nazista di origine ceca, Oskar Schindler, durante l'Olocausto.

2. Schindler stabilì contatti sociali con nazisti di alto rango e li usò per promuovere i suoi interessi commerciali.

3. Ha ottenuto una fabbrica di smalti a Cracovia, in Polonia, e ha tratto profitto dal lavoro forzato dei polacchi ebraici 1,200.

4. Schindler proteggeva i suoi dipendenti fornendo loro le necessità e proteggendoli dalle SS.

5. Verso la fine della guerra, trascorse una fortuna per trasferirli nella relativa sicurezza della sua patria ceca.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La storia dietro Schindler's List"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/holocaust/schindlers-list/
Data di pubblicazione: 17 Agosto 2020
Data di accesso: 25 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.