Leggi antiebraiche

leggi antiebraiche
Un insegnante spiega la teoria razziale nazista ai suoi studenti

Quasi subito dopo aver preso il potere, Adolf Hitler e i nazionalsocialisti (NSDAP) iniziarono a lanciare una serie di decreti e ordini antisemiti. Queste leggi antiebraiche miravano a rimuovere gli ebrei dalla vita pubblica e professionale in Germania, nonché a marginalizzarli politicamente, socialmente ed economicamente.

I boicottaggi

Hitler fu nominato cancelliere della Germania nel gennaio 1933. Nelle elezioni di marzo, l'NSDAP aumentò ulteriormente il suo numero nel Reichstag, Legislatura tedesca, incoraggiando ulteriormente i nazisti. Non ci volle molto perché Hitler e il suo partito agissero contro la popolazione ebraica tedesca.

Il 1 aprile 1933, poche settimane dopo la nomina di Hitler a cancelliere, il Sturmabteilung (SA) ha avviato una campagna per incoraggiare il boicottaggio delle imprese di proprietà ebraica.

In tutta la Germania, piccoli negozi ebrei erano imbrattati di stelle di David o dipinti con slogan simili Kauf nicht bei Juden ("Non comprare dagli ebrei"). I soldati delle SA indugiavano minacciosamente fuori dalle grandi imprese di proprietà di ebrei, inclusi grandi magazzini, cinema o banche. Ci sono stati diversi casi di ebrei aggrediti o proprietà distrutte.

Questi boicottaggi sono stati segnalati come opera delle SA piuttosto che del governo nazista; tuttavia, il governo ha fatto poco per fermarlo o frenarlo.

Esclusione dalla funzione pubblica

Giorni dopo, in aprile 7th 1933, controllato dai nazisti Reichstag superato il Gesetz zur Wiederherstellung des Berufsbeamtentums ("Legge per il ripristino della funzione pubblica professionale"). Sarebbe la prima di dozzine di leggi, editti e decreti antiebraici introdotti dal regime nazista negli anni '1930.

La legge sulla funzione pubblica ha abolito i diritti del lavoro dei dipendenti pubblici ebrei. Ha anche vietato ai tedeschi non ariani di svolgere lavori statali. In effetti, ha impedito agli ebrei di lavorare come giudici, medici negli ospedali statali, avvocati nei dipartimenti governativi e insegnanti nelle scuole statali.

Questa misura si è rivelata controversa. Ha suscitato le critiche del presidente tedesco, Paul von Hindenburg, un ex generale della prima guerra mondiale che era sconvolto dal fatto che i veterani ebrei della guerra sarebbero stati svantaggiati. Su insistenza di Hindenburg, Hitler modificò la legge per escludere i veterani di guerra. Hitler avrebbe abolito questi emendamenti dopo la morte di Hindenburg nell'agosto 1934.

Altri divieti e divieti

Tra la metà del 1933 e l'inizio degli anni '1940, il regime nazista approvò dozzine di leggi e decreti che erosero i diritti degli ebrei in Germania.

Alcuni erano apparentemente insignificanti, come un editto dell'aprile 1935 che vietava agli ebrei di battere bandiera tedesca, o un ordine del febbraio 1942 che vietava agli ebrei di possedere animali domestici. Altri hanno ritirato il diritto di voto agli ebrei, il loro accesso all'istruzione, la loro capacità di possedere imprese o di svolgere lavori particolari.

Nel 1934, agli ebrei fu vietato di sostenere gli esami universitari. Nel 1936 fu loro vietato l'uso di parchi o piscine pubbliche e di possedere apparecchiature elettriche, macchine da scrivere o biciclette.

Gli ebrei erano anche soggetti a restrizioni culturali e artistiche, costringendo centinaia di persone a lasciare il lavoro nel teatro, nel cinema, nel cabaret e nelle arti visive.

Crescente violenza

Ma anche l'estrazione di ebrei dalla vita economica e culturale tedesca non era sufficiente per alcuni. I ferventi antisemiti nel NSDAP chiedevano un'azione più dura contro gli ebrei, con o senza il sostegno di Hitler e del suo governo.

L'estate del 1935 vide un'escalation di violenza spontanea contro il popolo e la proprietà ebraica, condotta principalmente da soldati delle SA. Nell'agosto 1935, Hitler ordinò di porre fine a queste "azioni individuali" - non per proteggere gli ebrei ma per prevenire interruzioni o danni all'economia tedesca.

Con la manifestazione annuale del NSDAP nel settembre 1935, Hitler subì notevoli pressioni da parte dei gerarchi del partito per ordinare una risposta più decisiva al "problema ebraico". I radicali che hanno istigato la violenza antiebraica volevano che il governo legittimasse le loro azioni, fornendo l'immunità legale da procedimenti giudiziari o azioni civili.

Le leggi di Norimberga

C'erano anche richieste di leggi radicali per limitare l'influenza economica ebraica, per vietare il matrimonio interrazziale o le relazioni sessuali, persino per limitare o rimuovere la cittadinanza degli ebrei tedeschi. Alcuni nazisti chiesero al governo di emanare chiare linee guida legali ed etnologiche, per fornire certezza su chi fosse ebreo e chi no.

Il settimo raduno annuale del NSDAP, soprannominato il "Rally of Freedom", iniziò a Norimberga il 10 settembre 1935. Durante il corso della manifestazione, Hitler convocò i principali funzionari nazisti e ordinò loro di redigere leggi antiebraiche da presentare al Reichstag. Lo stesso Hitler trascorse 48 ore cercando di formulare una definizione razziale e legale adeguata per un ebreo. Non era in grado di prendere una decisione, quindi ha lasciato la questione ai suoi funzionari.

Il 15 settembre Hitler si rivolse al Reichstag, poi temporaneamente convocato a Norimberga. Ha annunciato due nuove leggi per chiarire e definire l'identità razziale in Germania. Il suo progetto di legge avrebbe anche delineato e limitato il rapporto tra ebrei e tedeschi ariani:

  • La legge per la protezione del sangue tedesco e l'onore tedesco. Questo primo atto ha definito un ebreo 'purosangue' (Juden) come persona con tre o quattro nonni ebrei. Un tedesco 'purosangue' (Deutsche-Blutige) era chiunque avesse quattro nonni tedeschi. Coloro che non rientrano in nessuna delle categorie sono stati classificati come ibridi ("bastardi"), né completamente ebrei né completamente ariani. Una volta approvata questa legge, l'NSDAP ha rilasciato grafici a infografica per educare il pubblico sulla composizione e le restrizioni etniche. Questa legge proibiva anche i matrimoni o il sesso extraconiugale tra ebrei e ariani. Anche alle donne tedesche di origine ariana di età inferiore ai 45 anni era vietato lavorare come domestiche nelle famiglie ebraiche.
  • La legge sulla cittadinanza del Reich. Secondo i termini di questa legge, solo quelli di puro sangue ariano ottennero la cittadinanza automatica. Gli ebrei erano considerati soggetti statali ( Staatsangehöriger), il loro destino determinato dalla politica del governo. Questa riforma abolì di fatto la cittadinanza degli ebrei tedeschi. Non era più permesso loro di votare o ricoprire cariche pubbliche, mentre gli ebrei che già lavoravano per il governo sarebbero stati "in pensione" alla fine del 1935. ibridi manterrebbero la loro cittadinanza, a condizione che si convertissero dal giudaismo e diventassero cristiani praticanti.

Altre leggi antiebraiche

Questi due atti divennero noti collettivamente come le leggi di Norimberga. Sono stati accolti bene alla manifestazione, ma non hanno soddisfatto gli estremisti del NSDAP e delle SA, che credevano che le leggi di Hitler non andassero abbastanza lontano.

Nonostante la loro brevità, le due leggi di Norimberga erano formulate in modo così ampio da legittimare un'ampia gamma di politiche antisemite negli anni a venire. A volte questa persecuzione è stata ufficialmente sanzionata e promulgata dal governo; altre volte era "non ufficiale", eseguito per accordo piuttosto che per legge.

Tra la metà degli anni '1930 e l'inizio della seconda guerra mondiale, il regime nazista approvò un fiume di leggi e regolamenti che erodevano i diritti civili degli ebrei. Sono stati approvati più di 2,000 decreti antisemiti a livello nazionale, statale e municipale. Alcune di queste misure erano apparentemente minori, mentre altre hanno interessato un numero significativo di persone.

La seguente sequenza temporale contiene un campione di questi decreti antiebraici:

  • Gli ebrei non sono più autorizzati a servire come ufficiali nel Wehrmacht (Maggio 1935)
  • Agli ebrei è vietato lavorare come agenti fiscali o consulenti (gennaio 1936)
  • Agli ebrei è vietato lavorare come veterinari (aprile 1936)
  • Gli insegnanti ebrei non sono più autorizzati a lavorare nelle scuole governative (ottobre 1936)
  • Le autorità municipali di Berlino escludono i bambini ebrei dalle scuole statali (aprile 1937)
  • Agli ebrei non è più permesso cambiare il loro cognome o usare un alias (gennaio 1938).
  • Agli ebrei è vietato lavorare come banditori (febbraio 1938).
  • Agli ebrei è proibito possedere negozi di armi o commerciare armi (luglio 1938).
  • Gli ebrei sono banditi da centri benessere e resort (luglio 1938).
  • Tutti gli ebrei devono aggiungere "Israele" o "Sara" ai loro nomi (agosto 1938).
  • Ai medici ebrei è vietato dalla legge il trattamento di pazienti non ebrei (settembre 1938).
  • Gli ebrei devono avere una grande "J" rossa stampigliata sui passaporti (ottobre 1938).
  • Agli ebrei è proibito muoversi liberamente in Germania (novembre 1938).
  • Agli ebrei non è più permesso tenere o usare i piccioni viaggiatori (novembre 1938).
  • Gli ebrei non sono più autorizzati a possedere un'auto o una patente di guida (dicembre 1938).
  • Tutti gli accademici, i docenti e gli studenti ebrei vengono espulsi dalle università (dicembre 1938).
  • Agli ebrei viene ordinato di consegnare metalli preziosi e pietre preziose (febbraio 1939).
  • Agli ebrei è vietato acquistare biglietti della lotteria o richiedere premi (agosto 1939).
  • Gli ebrei non sono più autorizzati a installare, mantenere o utilizzare i telefoni (luglio 1940).

Restrizioni economiche

Accanto a queste restrizioni razziali e sociali, il governo nazista ha anche compiuto uno sforzo concertato per eliminare gli ebrei dalla vita economica e commerciale tedesca.

Tra il 1933 e il 1938, le aziende di proprietà ebraica subirono pressioni significative, volte a costringerle a chiudere o vendere ai tedeschi ariani. Le imprese ebraiche hanno perso clienti a causa dei boicottaggi guidati dalle SA; hanno perso contratti governativi a favore di concorrenti non ebrei e hanno trovato difficoltà a garantire forniture di beni all'ingrosso o materie prime.

Inoltre, le leggi naziste vietavano agli ebrei alcune occupazioni e, dal 1938, proibivano agli ebrei di lavorare a fianco degli ariani. Ciò ha reso impossibile per alcune aziende trattenere o trovare lavoratori.

Migliaia di aziende ebraiche furono costrette alla chiusura o al fallimento a causa di questo apartheid economico. Delle circa 100,000 aziende di proprietà ebraica in tedesco nel 1933, meno di un terzo era ancora operativo all'inizio del 1938.

Sequestri di proprietà

Nel 1938 il regime nazista si mosse per estrarre completamente gli ebrei dalla vita economica tedesca e per "arianizzare" tutte le proprietà ebraiche (cioè per trasferirle nelle mani dei tedeschi ariani). Questa campagna è stata in gran parte guidata da Hermann Goering, che stava supervisionando il piano quadriennale di Hitler per trasformare e militarizzare l'economia tedesca.

Nell'aprile 1938, Goering decretato che gli ebrei devono presentare un inventario di tutte le proprietà di proprietà privata con un valore superiore a 5,000 Reichsmark.

A novembre, pochi giorni dopo il Kristallnacht pogrom, Goering ha pubblicato un decreto "rimuovere gli ebrei dalla vita economica tedesca". Ciò ha effettivamente vietato agli ebrei di possedere o gestire qualsiasi forma di attività al dettaglio, da un grande magazzino a una piccola bancarella in un mercato locale. Con un colpo solo, i nazisti uccisero la maggior parte delle circa 30,000 imprese ebraiche che erano riuscite a sopravvivere negli anni '1930.

Il punto di vista di uno storico:
“La fedeltà della società tedesca alla necessità di leggi scritte fu riconosciuta dai nazisti quando salirono al potere, e il riconoscimento che le politiche dovevano apparire basate sul diritto persistette durante gli anni di pace del dominio nazista. Nel 1938, quando il numero due nazista Hermann Goering suggerì nel corso di una discussione che i viaggiatori tedeschi potevano sempre cacciare i passeggeri ebrei da uno scompartimento affollato su un treno, il ministro della propaganda Joseph Goebbels rispose: 'Non lo direi. Io non ci credo. Deve esserci una legge. '"
Jonathan Friedman, storico

leggi antiebraiche

1. Le leggi di Norimberga furono il duplice attacco del partito nazista del 1935 ai diritti civili dei cittadini ebreo-tedeschi.

2. Sotto la pressione degli antisemiti radicali del partito nazista, Hitler formulò e annunciò le leggi nel settembre 1935.

3. Una legge definiva chi era tedesco "puro", ebreo o di sangue misto, e proibiva i matrimoni interrazziali. Il secondo ha ritirato la cittadinanza tedesca, vietando agli ebrei il voto o le cariche pubbliche.

4. Queste leggi spiegarono una serie di restrizioni e divieti antiebraici, annunciati per decreto tra il 1935 e il 1938.

5. Il risultato di queste leggi fu l'emarginazione e l'effettiva espulsione degli ebrei tedeschi dalla società, dalla cultura, dal commercio e dagli affari allo scoppio della seconda guerra mondiale.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Leggi antiebraiche"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/holocaust/anti-jewish-laws/
Data di pubblicazione: 1 Agosto 2020
Data di accesso: 28 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.