Le prove di Norimberga

prove di Norimberga
Hermann Goering durante il suo processo in 1946

I processi di Norimberga erano una serie di tribunali militari tenuti nei mesi successivi alla seconda guerra mondiale, per indagare sui crimini di guerra nazisti e dispensare giustizia a importanti leader e comandanti nazisti. Questa è stata la prima

I processi di Norimberga si sono svolti tra il novembre 1945 e l'ottobre 1948. Poiché c'erano centinaia di imputati nazisti, gli alleati decisero di perseguirli in "gruppi" piuttosto che individualmente (un processo che potrebbe richiedere molti anni). I processi separati del 1948, ad esempio, consideravano il destino dei ministri civili nazisti, Einsatzgruppen ufficiali e soldati e direttori della gigantesca azienda industriale Krupp. Questo articolo, tuttavia, si occupa principalmente della prima e più nota udienza di Norimberga: il "processo ai principali criminali di guerra". Questo processo fu ascoltato dinanzi al Tribunale militare internazionale (IMT) tra il 20 novembre 1945 e il 1 ottobre 1946. Gli imputati erano 24 alti funzionari nazisti, tra cui Herman Goering, Rudolf Hess, Julius Streicher, Albert Speer e i comandanti militari Alfred Jodl e Karl Donitz. La stessa IMT era composta da giudici delle quattro maggiori potenze alleate: Gran Bretagna, Francia, Stati Uniti e Unione Sovietica.

La città di Norimberga è stata scelta per ospitare il processo per tre ragioni. Non aveva subito danni così estesi come la capitale, Berlino. Inoltre, Norimberga ospitava il più grande tribunale ancora in piedi in Germania, noto come Palazzo di Giustizia, e la sua prigione annessa era abbastanza grande da ospitare tutti i 24 imputati. Gli alleati hanno anche identificato una certa simmetria nel portare i nazisti davanti alla giustizia in una città che era stata il cuore cerimoniale del nazismo. Prove recentemente scoperte suggeriscono che le discussioni alleate sull'assicurazione dei leader nemici e dei criminali di guerra alla giustizia si erano svolte quasi due anni prima della fine della guerra. Il presidente degli Stati Uniti Franklin Roosevelt, e in seguito il presidente Harry Truman, erano favorevoli a una punizione conservatrice e giudiziaria, dopo un giusto processo e un giusto processo. I leader delle nazioni europee, che erano stati più direttamente colpiti dall'aggressione e dall'occupazione nazista, presero una linea più forte. I sovietici, e talvolta gli inglesi, favorirono la punizione contro i leader e i soldati nazisti, persino l'esecuzione di massa in alcuni casi. Ma la significativa forza politica degli americani ebbe la meglio, portando alla formazione di un tribunale militare. La base giuridica per i processi fu stabilita dalla Carta di Londra, emessa l'8 agosto 1945. Questa Carta proclamava che le persone delle nazioni dell'Asse potevano essere perseguite per violazioni del diritto internazionale e delle leggi di guerra. Il personale alleato non sarebbe stato processato per crimini di guerra a Norimberga. L'IMT doveva comprendere un giudice di ciascuna delle quattro nazioni alleate. La squadra dell'accusa doveva contenere anche un procuratore capo delle stesse nazioni. La rappresentanza legale per gli imputati nazisti era fornita principalmente da avvocati tedeschi.

All'inizio del processo, gli imputati di 24 sono stati accusati di una o più delle seguenti quattro accuse:

Charge One: Partecipazione a un piano comune o cospirazione per la realizzazione di un crimine contro la pace.
Secondo addebito: pianificare, avviare e condurre guerre di aggressione e altri crimini contro la pace.
Carica tre: crimini di guerra.
Carica quattro: crimini contro l'umanità.

I processi di Norimberga impiegavano procedure legali comuni nei sistemi legali e nelle aule giudiziarie occidentali. La Carta di Londra ha inoltre fornito ai processi le proprie regole di prova. Tra le prove prese in considerazione e accettate dall'IMT c'erano testimonianze di testimoni oculari, materiale cinematografico e fotografico, documenti governativi e le conclusioni di precedenti tribunali militari e indagini. Le udienze si sono svolte in quattro lingue "ufficiali" (inglese, francese, tedesco e russo) così per facilitare un processo regolare e senza interruzioni continue, l'IMT ha organizzato un nuovo sistema di traduzione simultanea. Gli interpreti sono stati collocati in cabine insonorizzate e hanno tradotto in tempo reale gli atti processuali. I giudici, i consulenti legali e gli imputati sono stati equipaggiati con apparecchiature fornite da IBM; potevano indossare le cuffie e passare da una qualsiasi delle quattro lingue.

“Molti storici hanno concluso che i processi di Norimberga non presentavano un resoconto storico autorevole dell'Olocausto, e potrebbero persino aver distorto il record per le generazioni future. Invece di una spiegazione basata sul nazionalismo tedesco e sull'antisemitismo, la corte ha identificato la guerra e il "militarismo rinnegato" come i principali fattori motivanti delle politiche antiebraiche della Germania nazista. Il giudice Robert H. Jackson considerava lo sterminio degli ebrei non un obiettivo nazista principale in sé e per sé, ma una funzione di altri obiettivi di guerra dell'Alto Comando tedesco. Douglas afferma che, poiché l'accusa ha trattato i crimini contro l'umanità come secondari ai crimini contro la pace, ha implicitamente accettato la rappresentazione nazista degli ebrei come potenziali quinti giornalisti e sabotatori, che dovevano essere eliminati ... "
Richard Wilson, storico

Degli uomini 24 sottoposti a processo, 18 è stato dichiarato colpevole di una o più accuse e quattro sono stati assolti. Martin Bormann non è stato individuato ed è stato processato in contumacia, mentre il capo del lavoro Robert Ley si è suicidato prima dell'inizio del processo. Alcuni dei principali verdetti includevano:

  • Herman Goering. Goering era il secondo in comando di Hitler. Tra gli altri compiti ha supervisionato il programma di riarmo della Germania e ha comandato il Aeronautica militare (aeronautica militare). Colpevole per quattro accuse, condannato a morte.
  • Rudolf Hess. Hess era un fedele alleato di Hitler e capo della Cancelleria nazista. Ha volato in Inghilterra in 1941. Colpevole per due accuse, condannato all'ergastolo.
  • Albert Speer. Speer era il principale architetto nazista e il manager della produzione bellica di Hitler. Colpevole con due capi d'accusa, condannato a 20 anni di reclusione.
  • Julius Streicher. L'editore fondatore di Der Sturmer, Streicher era un antisemita vocale e amareggiato. Colpevole per una sola accusa, condannato a morte.
  • Joachim von Ribbentrop. Ribbentrop era il ministro degli esteri di Hitler e un importante firmatario dei trattati nazisti. Colpevole con quattro capi d'accusa, condannato a morte.
  • Martin Bormann. Bormann era il segretario privato di Hitler e sostituì Hess come controllore della sua cerchia ristretta. Colpevole con due imputazioni, condannato a morte in contumacia.
  • Wilhelm Keitel. Comandante della Wehrmacht (esercito). Colpevole per quattro accuse, condannato a morte.
  • Karl Donitz. Capo della marina tedesca. Colpevole con due imputazioni, condannato a 10 anni di reclusione.

I 12 uomini condannati a morte - ad eccezione dei dispersi Bormann e Goering, che si erano suicidati la notte prima - furono giustiziati il ​​16 ottobre 1946. Sebbene i plotone di esecuzione siano solitamente impiegati per le esecuzioni militari, l'IMT scelse di impiccare i detenuti di Norimberga, credendolo. più appropriato per la loro condotta criminale. Due soldati americani sono stati selezionati per eseguire le impiccagioni, avvenute nella palestra del carcere di Norimberga. Molte delle impiccagioni sono state eseguite con una corda corta che ha causato ai prigionieri una morte lunga e persistente per soffocamento, piuttosto che una morte istantanea per un collo rotto. In seguito, i loro corpi furono spediti a Monaco e inceneriti a Dachau, luogo di molte atrocità naziste. Le ceneri furono sparse sul fiume Isar. I sette nazisti condannati alla prigione furono spediti nella prigione di Spandau a Berlino. Questa prigione era gestita da inglesi, francesi, americani e russi in turni di tre mesi alternati, per i successivi 40 anni. Nel 1966 era rimasto solo un prigioniero: Rudolf Hess. È stato l'unico detenuto di Spandau per 21 anni, fino alla sua morte nel 1987, all'età di 91 anni. Spandau è stato immediatamente demolito dopo la morte di Hess, per evitare che diventasse un santuario per i neonazisti. Il sito è ora occupato da un negozio ALDI.

prove di Norimberga

1. Gli alleati stavano pensando a cosa fare con il leader nazista e i criminali di guerra del dopoguerra, già nel 1943.
2. Istituirono tribunali per i crimini di guerra a Norimberga, la casa cerimoniale del partito nazista.
3. Le procedure di prova furono stabilite nella Carta di Londra, con le quattro nazioni alleate che assumevano un ruolo guida.
4. I tribunali hanno utilizzato le procedure dei sistemi legali occidentali e hanno ascoltato una serie di prove.
5. Nel processo principale, sono stati processati i nazisti leader di 24, 18 ritenuto colpevole e 12 condannato a morte.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "I processi di Norimberga"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/holocaust/nuremberg-trials/
Data di pubblicazione: 19 Agosto 2019
Data di accesso: 28 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.