Rivolta del ghetto di Varsavia

La rivolta del ghetto di Varsavia fu un tentativo significativo di resistere alla brutalità nazista in Polonia. Fu condotto da un piccolo ma ben organizzato e determinato gruppo di partigiani ebrei, utilizzando armi rubate o acquistate al mercato nero.

Resistenza antinazista

In ogni caso, resistere o ribellarsi alle forze di occupazione naziste in Europa era molto difficile e incredibilmente pericoloso. Il Schutzstaffel (SS) era una forza pervasiva e brutale che non sosteneva né si attiene alle regole della guerra.

I comandanti delle SS avevano accesso a vaste informazioni raccolte dal Sicherheitsdienst, una divisione di raccolta di informazioni, nonché il Gestapo (polizia segreta). Gli interrogatori delle SS userebbero ogni mezzo possibile per estrarre informazioni, comprese la tortura e le minacce contro la famiglia della vittima.

È significativo che gli attacchi contro le forze naziste siano stati solitamente accolti con rappresaglie feroci e sproporzionate. L'assassinio di un ufficiale delle SS in un villaggio polacco, ad esempio, potrebbe portare all'esecuzione di 50 civili in quel villaggio.

Nonostante i rischi di pericolo e rappresaglie, i gruppi di resistenza hanno continuato a operare e gli omicidi e le rivolte contro i nazisti hanno continuato a verificarsi.

Il ghetto di Varsavia

L'insurrezione guidata dagli ebrei di maggior successo contro i nazisti si è verificata nel ghetto ebraico situato nella capitale polacca, Varsavia.

Nell'ottobre 1940, a tutti gli ebrei della città - circa 400,000 persone, ovvero il 30% dell'intera popolazione della città - fu ordinato di lasciare le loro case. Sono stati costretti a entrare in un ghetto murato che copre appena il due per cento dell'intera area della città. All'interno, le famiglie ebree furono costrette a vivere in appartamenti e condomini sovraffollati, con alloggi inadeguati, fognature e altre strutture.

Tra il luglio e il settembre 1942 furono deportati circa 265,000 ebrei che vivevano nel ghetto. La maggior parte fu infine uccisa nelle camere a gas di Treblinka, a nord-est di Varsavia. Altri 12,000 ebrei furono trasferiti nei campi di lavoro forzato mentre altri 10,000 furono uccisi dai soldati delle SS durante il processo di deportazione.

A circa 35,000 ebrei fu permesso di rimanere nel ghetto, insieme ad altri 20,000 rimasti nascosti.

Semi di resistenza

Le notizie filtravano al ghetto su Treblinka e sul triste destino degli ebrei che vi erano stati mandati. Quando quelli nel ghetto dovettero affrontare la deportazione e lo sterminio, iniziarono a formare gruppi di resistenza.

Il più grande di questi movimenti di resistenza è stato chiamato ZOB (Zydowska Organizacja Bojowa, o Jewish Fighting Organization).

Nell'autunno del 1942, la ZOB iniziò ad acquistare fucili, pistole, granate ed esplosivi, principalmente da membri della resistenza polacca o attraverso il mercato nero. Queste armi furono introdotte di nascosto nel ghetto murato e immagazzinate in nicchie sotterranee.

Nel gennaio 1943, con un altro ciclo di deportazioni naziste imminente, la ZOB lanciò questa sfida agli ebrei nel ghetto:

“Ci stiamo sollevando per la guerra! Siamo di coloro che si sono posti l'obiettivo di risvegliare le persone. Il nostro desiderio è portare questa parola d'ordine alla nostra gente: svegliati e combatti! Sappi che la via di fuga non si trova camminando passivamente verso la tua morte, come pecore al macello. Si trova in qualcosa di molto più grande: in guerra! Chi si difende ha una possibilità di essere salvato! Chi rinuncia fin dall'inizio all'autodifesa, ha già perso! Nulla lo aspetta tranne solo una morte orribile nella macchina per soffocamento di Treblinka. Lascia che la gente si risvegli alla guerra! Trova il coraggio nella tua anima per un'azione disperata! Metti fine alla nostra terribile accettazione di frasi come: siamo tutti condannati a morte! "

La battaglia inizia

Quando i trasferimenti a Treblinka ripresero il 18 gennaio 1943, un piccolo gruppo di combattenti della resistenza ebrei ruppe la formazione e attaccò i soldati delle Waffen-SS che sovrintendevano alla deportazione. La milizia ebraica subì pesanti perdite nella battaglia, ma anche le perdite tedesche furono notevoli. Le SS furono costrette a sospendere le sue operazioni nel ghetto con solo 5,000 delle 8,000 deportazioni previste completate.

Un po 'sorpresa dal loro successo, la resistenza del ghetto ebraico iniziò a credere di poter tenere a bada le SS per un periodo più lungo. Decisi a riprendere il combattimento, accumularono altre armi, elaborarono piani di battaglia, organizzarono linee di rifornimento sotterranee, scavarono bunker e costruirono postazioni di combattimento.

Le SS tornarono il 19 aprile 1943 con l'ordine di liquidare completamente il ghetto entro tre giorni. Trovando il ghetto apparentemente deserto, le truppe delle SS entrarono con cautela, ma furono attaccate dai combattenti della resistenza ebrei guidati da Mordechai Anielewicz. Stordite sia dalla ferocia che dalla natura coordinata di questo attacco, le SS si ritirarono e si ripararono dietro le mura del ghetto.

Il comandante indignato delle forze tedesche, SS-Brif Jurgen Stroop, ha ordinato la demolizione completa del ghetto, edificio per edificio. Lanciafiamme, granate fumogene e gas lacrimogeni sono stati introdotti per stanare i partigiani ebrei nascosti nelle fogne e negli scantinati.

Durante questa azione, molti ebrei furono soffocati a morte o bruciati vivi mentre il ghetto veniva gradualmente ridotto in macerie, bruciato o incendiato. Un combattente della resistenza ebreo in seguito disse: "Sono state le fiamme a sconfiggerci, non i tedeschi". Più tardi, furono portati cani da fiuto per localizzare partigiani ebrei, oltre a donne e bambini, ancora nascosti tra le macerie.

La resistenza ZOB continua

Per le due settimane successive, all'inizio di maggio 1943, la ZOB lanciò attacchi sporadici contro i tedeschi. La superiorità degli armamenti, dell'intelligence, dei rifornimenti e dei rinforzi delle SS le ha permesso di prendere gradualmente il sopravvento sulla contrazione della resistenza ebraica.

L'8 maggio 1943, il quartier generale della ZOB in Mila Street fu conquistato. Molti dei suoi leader, tra cui Anielewicz, si sono suicidati assumendo cianuro. Un piccolo gruppo di 43 combattenti della resistenza evitò la cattura e fuggì attraverso le fogne di Varsavia verso una foresta vicina.

Secondo i documenti di Stroop, le sue forze hanno ucciso 7,000 ebrei in poco meno di un mese di combattimenti. Il 16 maggio 1943, Stroop ordinò che la sinagoga ebraica fuori dal ghetto fosse dinamizzata come simbolo della sua vittoria. Il suo rapporto quotidiano interno delle SS, scritto quel giorno stesso, affermava:

“180 ebrei, banditi e subumani furono distrutti. L'ex quartiere ebraico di Varsavia non esiste più. 7,000 ebrei rimasti nel ghetto furono radunati e deportati immediatamente a Treblinka dove la loro morte nelle camere a gas fu eseguita rapidamente ".

Altra resistenza ebraica

Ci è voluto il tedesco Wehrmacht solo una settimana per conquistare la Polonia nel settembre 1939, ma le SS d'élite impiegarono 28 giorni per conquistare il ghetto di Varsavia. La coraggiosa sfida della ZOB ha ispirato gli ebrei altrove a resistere e combattere, piuttosto che marciare verso la morte nelle camere a gas.

Nell'agosto 1943, diverse centinaia di ebrei nel ghetto di Bialystok, nel nord della Polonia, seguirono l'esempio dei loro compatrioti a Varsavia. Armati di una mitragliatrice rubata, alcune pistole e altre armi improvvisate, gli ebrei di Bialystok combatterono per diversi giorni prima di essere invasi dalle SS.

In un ghetto ebraico a Minsk (Russia) occupata dai nazisti, circa 10,000 detenuti sono riusciti a fuggire dal campo e ad unirsi ai partigiani sovietici. L'agosto 1943 produsse anche rivolte all'interno dello stesso campo di sterminio di Treblinka. Le guardie furono uccise, gli edifici incendiati e diverse centinaia di detenuti fuggirono.

La rivolta ebraica di maggior successo avvenne nel campo di sterminio di Sobibor nell'ottobre 1943. I detenuti uccisero segretamente diversi ufficiali delle SS e guardie, quindi lanciarono un tentativo di fuga, consentendo a circa 600 ebrei di fuggire dal campo. Questa rivolta è stata rappresentata in due film, Fuga da Sobibor (Regno Unito, 1987) e Sobibor (Russia, 2018).

“Ciò che abbiamo vissuto non può essere descritto a parole. Siamo consapevoli solo di una cosa: quello che è successo ha superato i nostri sogni. I tedeschi sono fuggiti due volte dal ghetto… L'autodifesa ebraica nel ghetto di Varsavia è diventata un dato di fatto. La resistenza armata ebraica e la rappresaglia sono diventate una realtà. Ho assistito alla magnifica lotta eroica dei combattenti ebrei ".
Mordecai Anielewicz

ghetto di varsavia

1. Migliaia di ebrei furono trasferiti in un minuscolo ghetto nella capitale polacca, Varsavia, poi a metà del 1942 iniziarono ad essere spediti nel vicino campo di sterminio di Treblinka.

2. Ascoltando le storie di ciò che stava accadendo a Treblinka, gli ebrei del ghetto di Varsavia iniziarono a prepararsi per la resistenza armata alle future deportazioni.

3. A partire dall'aprile 1943, la rivolta del ghetto di Varsavia tenne a bada con successo le SS per quasi un mese, guidate dalla ZOB e da individui come Mordecai Anielwicz.

4. Tuttavia, una potenza di fuoco e rifornimenti superiori videro le SS prevalere e la maggior parte dei leader della resistenza fuggì, si suicidò o fu uccisa.

5. Gli eventi di Varsavia hanno ispirato altre rivolte ebraiche a Bialystok, Minsk, Treblinka e Sobibor, l'ultima delle quali è stata la più riuscita.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Rivolta del ghetto di Varsavia"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/holocaust/warsaw-ghetto-uprising/
Data di pubblicazione: 7 Agosto 2020
Data di accesso: 27 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.