Sequestri di proprietà ebraiche

sequestri di proprietà ebraiche
I prigionieri scaricano gli effetti personali confiscati agli ebrei.

Mentre invadevano e occupavano le nazioni d'Europa, i nazisti fecero irruzione nelle economie locali e si impossessarono di qualsiasi cosa di valore. Nessun gruppo ha perso tanto quanto gli ebrei. La soluzione finale di Hitler non fu solo un atto di genocidio, fu anche una campagna di furto organizzato. I nazisti attuarono un programma di sequestri di proprietà ebraiche che privò gli ebrei europei di miliardi di dollari in contanti, alloggi, attività commerciali e effetti personali.

Motives

Questi sequestri di proprietà ebraica erano guidati ideologicamente, progettati per sradicare l'influenza economica degli ebrei mentre contribuivano allo sforzo bellico - ma anche l'avidità ha giocato la sua parte, con abbondanza di ricchezza ebraica che si è fatta strada nelle mani di ufficiali e sostenitori nazisti corrotti.

È impossibile stabilire una cifra sull'importo rubato agli ebrei tra il 1933 e il 1945. Anche le stime più prudenti partono da 8 miliardi di dollari. La stragrande maggioranza di questa proprietà rubata era di proprietà privata di singoli ebrei e famiglie ebree.

In molti casi, la proprietà ebraica rubata dal regime nazista o dai suoi collaboratori non è mai stata restituita e non è stato mai ricevuto alcun risarcimento.

Pressione commerciale

Il sequestro di proprietà ebraiche iniziò nella Germania nazista prima della seconda guerra mondiale. Sotto il governo di Hitler, gli ebrei tedeschi furono sottoposti a una serie di pressioni intese a costringerli ad arrendersi o vendere le loro proprietà a non ebrei.

I Sturmabteilung (SA) ha condotto campagne di boicottaggio e picchettaggio contro le imprese ebraiche che hanno ridotto i loro clienti, le vendite e le entrate. I nazisti esercitarono pressioni su fornitori o grossisti che lasciarono molte aziende ebraiche senza azioni. Dal 1936 l'assegnazione delle materie prime fu regolata dal regime nazista, che naturalmente le negò alle aziende ebraiche. I nazisti e simpatizzanti nazisti nel governo locale spesso aumentavano le tariffe e gli affitti nei negozi e negli uffici ebrei.

Queste pressioni resero impraticabili molte attività commerciali ebraiche, così migliaia di persone corsero in perdita o finirono in bancarotta. Quando Hitler salì al potere nel gennaio 1933 c'erano circa 100,000 imprese di proprietà ebraica registrate in Germania. Entro cinque anni, circa due terzi di queste attività erano state chiuse o erano state trasferite a proprietà non ebree.

Richiede un'azione più forte

Nel 1938, molti membri del partito nazista chiedevano un'azione ancora più forte. Volevano la completa arianizzazione degli affari tedeschi e l'estrazione degli ebrei dalla vita economica della Germania. La proprietà ebraica, hanno sostenuto, dovrebbe essere sequestrata e utilizzata per la nazione.

Alcuni, come il funzionario del partito e Reichsleiter Martin Bormann, voleva proprietà ebraica donata direttamente ai membri del partito nazista:

“Il trasferimento delle imprese ebraiche in mani tedesche dà al Partito l'opportunità di procedere con una sana politica ... È dovere d'onore del Partito sostenere i compagni del Partito che, a causa della loro appartenenza, hanno subito svantaggi economici e aiutarli a raggiungere un'indipendenza mezzi di sussistenza ... È dovere del Partito assicurarsi che l'ebreo non riceva un prezzo di acquisto eccessivamente alto. In questo modo, l'ebraismo riparerà una parte del danno che ha fatto al popolo tedesco ".

"Arianizzazione" della proprietà ebraica

Nel 1938, il governo nazista si mosse per affrettare e completare l '"arianizzazione della proprietà ebraica". Ad aprile a decreto rilasciato dal leader nazista Hermann Goering ordinò agli ebrei di compilare e presentare i dettagli di tutte le proprietà private valutate in eccesso rispetto a 5,000 Reichsmark.

In tutta la Germania, gli ebrei dovevano compilare un inventario completo e presentarlo al governo prima della fine di giugno. Alcuni lo hanno fatto con indifferenza - come il direttore d'orchestra Victor Klemperer, che ha detto che "Ci siamo talmente abituati a vivere in questa condizione di diritti perduti ... che quasi non ci disturba più".

Questi inventari compilati ai sensi del decreto dell'aprile 1938 sarebbero stati usati per compilare un "registro della ricchezza ebraica". Requisiti simili furono emanati nell'Austria nazificata e, successivamente, nell'Europa occupata.

La "tassa di volo"

Anche le imprese rimaste in mano ebraica subirono crescenti pressioni durante il 1938. A marzo, il regime nazista decretò che non avrebbe più firmato contratti né avrebbe fatto affari con alcuna società di proprietà ebraica. Alle imprese ebraiche sono stati negati appalti pubblici, incentivi fiscali, accesso ai servizi governativi, materie prime e valuta estera.

Trovando impossibile operare, queste attività o chiusero, passarono di mano o - nel caso di grandi società - votarono fuori direttori e azionisti ebrei. Nel giugno e luglio 1938, i negozi ebrei in diverse città tedesche, tra cui Stoccarda, Francoforte e Hannover, furono attaccati, picchettati e imbrattati con insulti e Stelle di David, compromettendo gravemente il loro commercio.

Un'altra via significativa della confisca di proprietà ebraica fu la Reichsfluchtsteuer, o "tassa di volo del Reich". Come suggerisce il nome, questa legge richiedeva agli ebrei in fuga dalla Germania di pagare un'imposta sostanziale prima che fosse concesso loro il permesso di partire.

La tassa di volo non era un'invenzione dei nazisti; fu approvata dalla Repubblica di Weimar nel 1931 per impedire che la Germania venisse prosciugata di oro, riserve di liquidità e capitali. Ma il regime nazista ampliò e aumentò considerevolmente la tassa sui voli, rivedendo la legge sei volte negli anni '1930. Nel 1934 fu aumentata al 25% della ricchezza domestica, pagabile in contanti o in oro. Ulteriori modifiche nel 1938 richiedevano che gli ebrei emigrati lasciassero la maggior parte del loro denaro in a Gestapo-banca controllata.

I Reichsfluchtsteuer generò enormi quantità per il regime nazista. Nel suo primo anno di attività (1932) aveva raccolto meno di un milione Reichsmark delle entrate del governo, ma nel 1938 questo importo era salito alle stelle a oltre 342 milioni di Reichsmark.

Dopo Kristallnacht

La più significativa confisca prebellica della proprietà ebraica seguì il Kristallnacht pogrom del novembre 1938. Il governo riteneva gli ebrei responsabili di questa violenza e "multò" la popolazione ebraica per un totale di un miliardo di Reichsmark. Questo importo doveva essere pagato in contanti o tramite la requisizione di altre ricchezze portatili, come oro, pietre preziose e gioielli.

Il 12 novembre, Hermann Goering ha approvato il decreto di esclusione degli ebrei dalla vita economica tedesca, che vietava di fatto agli ebrei di condurre qualsiasi forma di attività al dettaglio. Migliaia di negozi e negozi ebrei, che avevano resistito alle pressioni precedenti, furono ora costretti a chiudere.

Un ulteriore decreto di dicembre sull '"utilizzazione delle proprietà ebraiche" ha fissato i termini per la vendita, il trasferimento o lo scioglimento delle società ebraiche. I pochi ebrei che ancora possedevano attività commerciali furono assediati da non ebrei, molti dei quali membri del governo, offrendosi di acquistarli a prezzi esorbitanti. Furono spesso usati intimidazioni e ricatti; ci sono state segnalazioni di SS che minacciavano di deportazione a Dachau o in altri campi di lavoro per coloro che si rifiutavano di vendere. Quando il termine è scaduto, tutte le attività ancora in mano agli ebrei sono state confiscate dal governo e messe all'asta pubblica.

Beneficiari di sequestri di proprietà

La maggior parte delle proprietà ebraiche sequestrate fu rimessa al governo nazista, tramite tasse o confische, ma una grande quantità fu anche sottratta a individui nelle SS e in altre agenzie naziste.

Mentre la posizione ufficiale nazista era che la proprietà ebraica appartenesse allo stato, c'era una forte opinione che dovesse essere ridistribuita anche tra il popolo tedesco o (come suggerito da Martin Bormann sopra) ai fedeli membri del partito nazista. Molti burocrati nazisti e ufficiali delle SS, pieni di questo senso di auto-legittimazione, hanno violato i regolamenti governativi per riempirsi le tasche con la ricchezza ebraica.

Questa corruzione era peggiore nell'Europa occupata, dove c'era meno controllo e le SS tendevano ad agire come una legge a sé stante. Molti nazisti di alto rango si trasferirono in sontuose case confiscate a ricchi ebrei. Gli ufficiali delle SS responsabili dell'amministrazione delle finanze del Reich, dei contratti governativi e delle proprietà ebraiche confiscate beneficiavano di tangenti, manganellate e "scremature".

Nel 1943, Heinrich Himmler affermò che le SS avevano ripulito l'Europa dai suoi ebrei senza rubare un centesimo, ma questo era tutt'altro che vero.

“Quando si trattava di derubare gli ebrei, mancava molto poco. Conti bancari ebraici, polizze assicurative, titoli, gioielli, proprietà, aziende, pensioni, vino d'arte, libri, manoscritti e collezioni di francobolli furono tutti catalogati, contabilizzati e ridistribuiti. Abiti, scarpe, cappelli, articoli per la casa e per affari venivano persino utilizzati per la rivendita, per uso statale o semplicemente raccolti per mostre museali, tutti dedicati a una cultura estinta, secondo la convinzione assertiva nazista.
Gregg J. Rickman, storico

1. Da 1933 gli imprenditori ebrei furono sottoposti alle pressioni naziste di vendere o cedere il controllo agli ariani.

2. Il processo di "arianizzazione" aumentò nel 1938 con l'approvazione di decreti statali per "eliminare gli ebrei dalla vita economica".

3. Alla fine di 1938 gli ebrei furono banditi dal possesso o dalla gestione di attività commerciali al dettaglio, che furono vendute o cedute a buon mercato.

4. Gli ebrei furono anche privati ​​della ricchezza personale dalla "tassa di volo" nazista e da una pesante "multa" imposta successivamente Kristallnacht.

5. Più di $ 8 miliardi di proprietà ebraiche sono state rubate tra 1933-45, dal regime nazista o da individui corrotti.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Sequestri di proprietà ebraiche"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/holocaust/jewish-property-seizures/
Data di pubblicazione: 4 Agosto 2020
Data di accesso: 06 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.