La storiografia dell'Olocausto

storiografia dell'olocausto
La storica ebrea Hannah Arendt, fuggita dalla Germania negli anni '1930.

Da quando la barbarie dell'Olocausto è stata esposta al mondo, gli storici hanno cercato di assemblare la sua vasta gamma di pezzi e di dar loro un senso. La storiografia dell'Olocausto, un campo di studio in corso da 75 anni, ha cercato di trarre conclusioni su come si è evoluto, chi era responsabile, chi lo ha eseguito e perché è successo.

Unire i punti

Queste domande non sono così semplici come si potrebbe supporre. L'Olocausto è stato un evento straordinariamente complesso con milioni di persone, gruppi e fattori che hanno contribuito. Non era limitato a una città, uno stato o anche una nazione, ma si è svolto in un intero continente. Non era ordinato o organizzato in una politica definitiva ma in molte. Aveva molti autori, non tutti nazisti o tedeschi. Ha avuto molte vittime, non tutte ebrei.

Sebbene il regime nazista fosse senza dubbio il principale motore della Soluzione Finale, lo stato nazista era esso stesso un miscuglio di persone, dipartimenti, idee, motivazioni e interessi. Adolf Hitler era chiaramente il leader, ma la portata del suo potere sullo stato è stata molto dibattuta. I dipartimenti e le agenzie naziste esercitavano un potere significativo, ma la loro autorità spesso si sovrapponeva o addirittura faceva concorrenza ad altre parti del governo.

Gli storici hanno dovuto esplorare questo pantano di persone, luoghi, idee, interessi ed eventi. Sviluppare argomenti convincenti sul motivo per cui è avvenuto l'Olocausto e su chi fosse il responsabile richiede l'unione di milioni di punti.

Alcune domande chiave

Alcune delle domande chiave che si trovano nella storiografia dell'Olocausto includono:

  • Quale ruolo personale ha giocato Hitler nell'evoluzione dell'Olocausto? Ha dato un ordine diretto o linee guida per lo sterminio degli ebrei europei? O ha semplicemente permesso o avallato le decisioni dei suoi subordinati?
  • Hitler e / oi nazisti avevano un piano a lungo termine per sterminare la popolazione ebraica europea? O questa politica è emersa nel 1941, modellata o resa necessaria dalle difficoltà e dalle sfide del tempo di guerra?
  • Lo sviluppo e l'implementazione della Soluzione Finale è stato un evento centralizzato o decentralizzato? In altre parole, era controllato principalmente da Berlino o era guidato principalmente da condizioni o pregiudizi locali, plasmati da individui diversi in luoghi diversi?
  • I Schutzstaffel (SS) era principalmente responsabile della Soluzione Finale e dei suoi campi di sterminio, ma fino a che punto erano coinvolti altri gruppi o agenzie naziste? Quale ruolo è stato svolto dal Wehrmacht, Aeronautica militare e burocrati civili? I civili tedeschi erano a conoscenza delle uccisioni di massa e, in caso affermativo, in che misura erano coinvolti?
  • In che misura gruppi esterni come gli alleati, la chiesa cattolica, la croce rossa e i partigiani antinazisti erano a conoscenza dell'Olocausto? Perché ci sono stati così pochi tentativi concertati di interrompere o resistere alla soluzione finale?

Storici intenzionalisti

I primi tre di questi derivano da domande più ampie su Adolf Hitler e il nazismo. I contributori alla storiografia del tedesco nazista e dell'Olocausto hanno a lungo dibattuto sulla natura della leadership di Hitler. In generale, ci sono due scuole di pensiero su come Hitler ha governato sia l'NSDAP che la Germania.

Storici intenzionalisti come Karl Dietrich Bracher, Lucy Dawidowicz ed Eberhard Jackal sostengono il 'forte fuhrer'teoria sulla leadership di Hitler. Sostengono che Hitler esercitasse un enorme potere sia sul partito nazista che sul governo nazionale; il suo dominio era così forte che le idee ei pregiudizi personali di Hitler divennero le idee ei pregiudizi ufficiali dello stato.

La maggior parte degli storici intenzionalisti crede che Hitler e la sua cerchia ristretta avessero un "piano generale" di vecchia data per sterminare la popolazione ebraica d'Europa. Dawidowicz, ad esempio, crede che il piano di Hitler per la liquidazione degli ebrei europei risalga ai primi anni '1920.

Sonderweg storici

La maggior parte degli storici intenzionalisti appartiene a una scuola di pensiero nota come Sonderweg ('percorso speciale'). Sostengono che il nazismo fosse il risultato logico dello sviluppo storico della Germania, in particolare il suo fascino per l'autoritarismo, la conquista militare, la purezza razziale e l'antisemitismo.

Queste idee e valori, Sonderweg gli storici sostengono, precede i nazisti di generazioni, addirittura secoli. Non solo sono sopravvissuti nell'era moderna, ma hanno plasmato il governo tedesco dell'inizio del XX secolo, contribuendo allo scoppio della prima guerra mondiale (20), al nazionalismo radicale del dopoguerra e all'ascesa del nazismo.

Secondo Sonderweg storici, questo significava che il nazismo e l'Olocausto non erano deviazioni significative dal corso della storia tedesca; erano i suoi prevedibili punti finali.

Storici funzionalisti

Un altro gruppo di storici, noti come funzionalisti o strutturalisti, sosteneva un "debole" fuhrer teoria'. Il potere di Hitler sul partito nazista, sostengono, è stato notevolmente sopravvalutato.

Questi storici sostengono che Hitler prese decisioni spontaneamente, a casaccio e in modo imprevedibile. Aveva pochi piani a lungo termine, oltre al ripristino della forza militare e all'espansione del territorio tedesco. A volte Hitler ha agito per mantenere la sua posizione alla guida del partito, che non era così sicuro come spesso si crede. La sua introduzione delle leggi di Norimberga del 1935, ad esempio, è stata fatta per placare gli antisemiti irriducibili nel NSDAP.

Da questa teoria, ne consegue che l'Olocausto è stato il prodotto delle forze antisemite nel movimento nazista tanto quanto qualsiasi manifestazione della volontà personale di Hitler. Anche Ian Kershaw, il principale storico funzionalista degli ultimi tempi, ha affermato l'esistenza di un "mito hitleriano". Kershaw sostiene che la percezione di Hitler come un leader dominante e onnipotente, che governa sia il partito che lo stato con il pugno di ferro, era il prodotto della propaganda nazista piuttosto che della realtà.

Chi ha ordinato l'Olocausto?

Nella storiografia della Germania nazista, la natura della leadership di Hitler è centrale per la questione di chi abbia effettivamente ordinato l'Olocausto. Dato quello che sappiamo, è probabile che la Soluzione Finale sia stata ordinata da Hitler personalmente o ordinata da Hermann Goering or Henry Himmler su suggerimento di Hitler. È quasi impossibile che sia potuto accadere senza la conoscenza o l'approvazione di Hitler.

Un fattore complicante in questo problema è che nessuno storico, ricercatore o archivista ha mai individuato un file Fuhrerbefehl: un documento contenente un ordine diretto di Hitler relativo all'uccisione di massa di ebrei. Dove questi ordini possono essere trovati, sono stati dati dai subordinati di Hitler.

Questo pezzo mancante del puzzle ha alimentato la speculazione sul ruolo di Hitler nell'evoluzione dell'Olocausto. È stato anche nutrito numerosi Negazionisti dell'Olocausto, molti dei quali affermano che non esisteva una politica nazionale organizzata di genocidio ma solo uccisioni di massa localizzate o spontanee.

Burocrati e funzionari

Una certa storiografia dell'Olocausto si concentra su individui che ne hanno facilitato l'omicidio di massa ma non hanno avuto alcun coinvolgimento diretto nell'uccisione di ebrei o altre minoranze. Uomini come Heinrich Himmler e Adolf Eichmann consegnato milioni a morte con il semplice tocco di una penna.

Il libro di Hannah Arendt del 1963 sul processo a Eichmann, Eichmann a Gerusalemme: un rapporto sulla banalità del male, è stata una delle prime storie a considerare la Soluzione Finale come un evento guidato dalla burocrazia. Secondo Arendt, uomini come Eichmann si consideravano persone normali che intraprendono un lavoro difficile ma necessario. Erano ossessionati da scartoffie, statistiche, trasporti, orari, efficienza, allocazione delle risorse e risultati. Nel caso di Eichmann, ha dato poca considerazione alla triste realtà del suo lavoro.

Arendt giunse anche alla conclusione che i nazisti non formularono la soluzione finale fino al 1941, quando si resero conto che reinsediare o deportare i nove milioni di ebrei d'Europa sarebbe stato un compito impossibile.

Altre prospettive

Altri contributori a questa storiografia hanno considerato fattori diversi dai nazisti. Sono stati condotti studi approfonditi sulle reazioni e le risposte delle vittime ebree; gli atteggiamenti e le azioni dei civili tedeschi; e varie forme di resistenza alla Soluzione Finale.

Il libro del 1984 dello storico americano David Wyman L'abbandono degli ebrei ha affermato che il governo degli Stati Uniti era a conoscenza dello sviluppo dell'Olocausto ma ha fatto poco per prevenirlo o interromperlo.

Christopher Browning's Uomini ordinari esamina il modo in cui la propaganda, l'ideologia e la pressione dei pari hanno spinto migliaia di civili altrimenti comuni a partecipare alle uccisioni di massa. Il libro di Daniel Goldhagen Boia di Hitler sostiene che i civili tedeschi, intrisi di secoli di antisemitismo, o sostenevano l'eliminazione degli ebrei o erano apatici nei suoi confronti.

“Sebbene l'argomento strutturalista - che non esisteva un progetto per il genocidio e che la strada per Auschwitz era 'contorta' - sia corretto, bisogna anche notare la fantasia genocida che giaceva al cuore del nazismo sin dal suo inizio. Mentre una semplicistica posizione internazionalista che vede l'Olocausto come la realizzazione di un piano tenuto da Hitler dal 1919, 1925 o 1933 non è sostenibile, più scopriamo sulla penetrazione dell'indottrinamento antisemita nazista in ogni sfera della vita nel Terzo Reich , più diventa chiaro [che c'era] un quadro di odio per gli ebrei vizioso e paranoico ".
Dan Stone, storico

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La storiografia dell'Olocausto"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/holocaust/historiography-of-the-holocaust/
Data di pubblicazione: Luglio 20, 2020
Data di accesso: October 09, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.