Verbale della conferenza di Wannsee: misure adottate contro gli ebrei (1942)

The Conferenza di Wannsee del gennaio 1942 iniziò con il leader nazista di più alto rango presente, Reinhard Heydrich, riassumendo le misure finora prese contro gli ebrei in Germania:

“All'inizio della discussione, Heydrich riferì che il Reichsmarshal [Goering] lo aveva nominato delegato per i preparativi per la Soluzione Finale della questione ebraica in Europa. Ha sottolineato che questa discussione era stata convocata allo scopo di chiarire questioni fondamentali.

Il desiderio del Reichsmarshal di ricevere una bozza che gli riguardi gli interessi organizzativi, fattuali e materiali in relazione alla soluzione finale della questione ebraica in Europa rende necessaria un'azione iniziale iniziale di tutti gli uffici centrali immediatamente interessati a queste domande al fine di portare le loro attività generali in linea. Il Reichsführer-SS [Himmler] e il capo della polizia di sicurezza e la SD [Heydrich] sono stati incaricati della gestione centrale ufficiale della soluzione finale della questione ebraica senza riguardo ai confini geografici.

[Heydrich] ha dato un breve resoconto della lotta che è stata portata avanti finora contro questo nemico, i punti essenziali sono i seguenti:

1. L'espulsione degli ebrei da ogni sfera della vita del popolo tedesco.

2. L'espulsione degli ebrei dallo spazio di vita del popolo tedesco.

Nel compiere questi sforzi, è stata avviata un'accelerazione aumentata e pianificata dell'emigrazione degli ebrei dal territorio del Reich, come unica possibile soluzione attuale. Per ordine del Reichsmarshal, nel gennaio 1939 è stato istituito un ufficio centrale del Reich per l'emigrazione ebraica e il capo della polizia di sicurezza e SD è stato incaricato della gestione. I suoi compiti più importanti erano:

1. Per prendere tutte le disposizioni necessarie per la preparazione per una maggiore emigrazione degli ebrei.

2. Dirigere il flusso dell'emigrazione.

3. Per accelerare la procedura di emigrazione in ogni singolo caso.

Lo scopo di tutto ciò era di ripulire lo spazio di vita tedesco dagli ebrei in modo legale.

Tutti gli uffici si sono resi conto degli svantaggi di tale emigrazione accelerata forzata. Per il momento, tuttavia, l'hanno tollerato a causa della mancanza di altre possibili soluzioni al problema.

Il lavoro relativo all'emigrazione fu successivamente ampliato in modo che non fosse solo un problema tedesco ma anche un problema per le autorità dei paesi chiamate a far fronte al flusso di emigranti ... Nonostante queste difficoltà, 537,000 ebrei furono inviati fuori dal paese tra la presa del potere e la scadenza del 31 ottobre 1941. Di questi:

1. Circa 360,000 erano in Germania vera e propria il 30 gennaio 1933.

2. Circa 147,000 erano in Austria (Ostmark) il 15 marzo 1939.

3. Circa 30,000 erano nel protettorato di Boemia e Moravia il 15 marzo 1939.

Gli ebrei stessi, o le loro organizzazioni politiche ebraiche, finanziarono l'emigrazione. Per evitare che gli ebrei impoveriti rimanessero indietro, è stato seguito il principio che gli ebrei ricchi devono finanziare l'emigrazione degli ebrei poveri. Ciò è stato organizzato imponendo una tassa adeguata - cioè una tassa di emigrazione - che è stata utilizzata per accordi finanziari in relazione all'emigrazione di ebrei poveri ed è stata imposta in base al reddito ".