1551: il dott. Kyr consiglia cautela quando si mangia cannabis

cannabis sativa è cresciuto ampiamente nel tardo Medioevo e oltre, anche se non per le sue proprietà narcotiche. La maggior parte della cannabis [canapa] veniva utilizzata per la fabbricazione di corde, mentre i cittadini comuni a volte utilizzavano piante giovani, semi e olio pressato per il cibo. I medici medievali e dei primi tempi erano consapevoli che mangiare grandi quantità di alimenti a base di cannabis poteva indurre delirio o euforia.

Scrivendo intorno a 1551, il medico ungherese Paulus Kyr ha sollecitato cautela quando mordicchiano la cannabis:

“I semi di cannabis fanno male alla testa se mangiati in grandi quantità. [Loro] creano umori sgradevoli e prosciugano il seme genitale. Sono difficili da digerire, ma non sono nocivi se schiacciati con aceto e miele ".

Fonte: Paulus Kyr, Lo studio della salute, 1551. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2016. Il contenuto non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni fare riferimento al nostro Condizioni d'uso or contatta Alpha History.