1917: il giudice conta 2,700 amici della Coca-Cola in Georgia

Allo scoppio della prima guerra mondiale, la spinta per un divieto a livello nazionale di alcol negli Stati Uniti era in pieno svolgimento. Il movimento proibizionista americano era la somma di molte parti, inclusi vari gruppi religiosi, femminili e di temperanza. Il divieto potrebbe anche aver goduto del sostegno finanziario della Coca-Cola. Durante i dibattiti sul pavimento del Senato degli Stati Uniti all'inizio del 1917, James Edgar Martine, il giovane senatore del New Jersey, affermò che il movimento proibizionista veniva finanziato da:

"... la splendida ricchezza acquisita attraverso la produzione del decotto noto come Coca-Cola ... Il proprietario [di questa azienda] vive in una casa principesca ad Atlanta ... c'è una lobby lì e 50,000 dollari sono stati messi allo scopo di mantenere il Interesse della Coca-Cola ... per isolare le persone dalle altre bevande e quindi farle ricorrere alle loro bevande ".

La stessa Coca-Cola è stata inventata per eludere i regolamenti di Atlanta che proibiscono la vendita di bevande alcoliche. Nonostante il suo contenuto di cocaina e gli effetti narcotici, la Coca-Cola poteva essere venduta come tonico medicinale piuttosto che come intossicante. La cocaina fu rimossa dalla Coca-Cola intorno al 1903 e sostituita con alti livelli di caffeina. Tuttavia, molti la consideravano ancora una bevanda stupefacente con potenziali pericoli per il benessere di chi la consumava.

Secondo il giudice Stark, la dipendenza da Coca-Cola era responsabile di gravi problemi sociali nello stato della Georgia:

"Una mezza dozzina di medici rispettabili hanno affermato che ci sono più di 300 ragazze ad Atlanta che sono demoni della Coca-Cola e relitti nervosi ... La Coca-Cola e tali bevande non solo fanno naufragare i nostri uomini ma distruggono il benessere fisico delle nostre donne bambini e ne fanno rottami nervosi. Ci sono oltre 2,700 amici della Coca-Cola conosciuti in questo stato, e se tutti potessero essere numerati, ammonterebbe a oltre 5,000 ".

Sia a causa del divieto o del marketing astuto, o di entrambi, le vendite di Coca-Cola sono esplose nel decennio successivo. Nel 1920, l'azienda produsse quasi 19 milioni di galloni di bevanda e generò 32.2 milioni di dollari di vendite. Alla fine del 1921, c'erano più di 1,000 impianti di imbottigliamento di Coca-Cola negli Stati Uniti e il prodotto era disponibile in quasi tutti i bar di soda del paese.

Fonte: Logan Repubblicano, Utah, 6 marzo 1917. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2016. Il contenuto non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni fare riferimento al nostro Condizioni d'uso or contatta Alpha History.