1753: Earl of Chesterfield nota somiglianze nelle scoregge dei cani

Philip Dormer Stanhope (1694-1773) era un politico Whig inglese e, dalla morte di suo padre nel 1726, quarto conte di Chesterfield. Stanhope è nato a Westminster ed è stato educato da tutor prima di studiare a Cambridge. Dopo aver completato un grande tour in Europa, tornò a Londra e, nel 1715, vinse un posto alla Camera dei Comuni.

Il primo discorso di Stanhope è stato un feroce attacco ai Tory. Secondo una leggenda apocrifa, hanno risposto minacciando di multarlo 500 sterline per aver parlato alla Camera dei Comuni prima del suo 21esimo compleanno, che mancavano ancora sei settimane.

Stanhope è sopravvissuto a questo primo intoppo per servire più di 50 anni come parlamentare. Ha anche trascorso diversi anni nel continente come diplomatico e ambasciatore. L'eredità di alfabetizzazione più nota di Stanhope era una raccolta di lettere che scrisse a suo figlio, anche lui chiamato Philip, durante gli anni 1740 e 1750. La maggior parte delle lettere di Stanhope sono informative, educative e di consulenza, un tentativo di preparare suo figlio per la contea, ma a volte è caduto in un capriccio.

Nell'ottobre 1753 Stanhope scrisse una lunga missiva a Philip Junior che esplorava la cultura ebraica, la storia turca e come comportarsi con le donne. Stanhope ha interrotto questa conferenza per dire a suo figlio che aveva acquistato un nuovo cane:

“Mi sono fatto portare dalla Francia un barbet [cane da acqua], così esattamente come [il tuo cane] Sultan che è stato scambiato per lui più volte, solo il suo muso è più corto e le sue orecchie più lunghe di quelle di Sultan. [Io] gli ho procurato il nome di Loyola ... La mia Loyola, immagino, è superiore al tuo Sultano ... Non devo omettere anche che quando rompe il vento, odora esattamente come Sultan. "

Fonte: lettera del conte di Chesterfield a Philip Stanhope, 19 ottobre 1753. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2016. Il contenuto non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni fare riferimento al nostro Condizioni d'uso or contatta Alpha History.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •