1677: i londinesi bruciano gatti vivi in ​​un papa di vimini

bruciare un gatto medievale
Come streghe, eretici, sodomiti ed ebrei, molti gatti furono bruciati vivi

I nostri antenati europei avevano davvero a che fare con i gatti, principalmente a causa della loro associazione con il diavolo o la stregoneria. Molti gatti hanno pagato il prezzo più alto per questa superstizione. Documenti dell'Europa medievale e della prima età moderna descrivono dozzine di casi di gatti bruciati vivi, sia per intrattenimento che per punteggi religiosi.

Il bruciore di gatto era particolarmente comune in Francia, dove una dozzina di gatti vivi venivano regolarmente bruciati a Parigi ogni giorno di mezza estate (fine giugno). Il cortigiano inglese Philip Sidney partecipò a uno di questi inferni felini nel 1572. Nella sua cronaca, Sidney notò che anche il re Carlo IX gettò nel fuoco una volpe viva, per ulteriore interesse.

Nel 1648, il re di Francia Luigi XIV, all'età di soli 10 anni, accese l'esca su un grande falò nel centro di Parigi, poi guardò e ballò con gioia mentre un cesto di gatti randagi veniva calato tra le fiamme. I gatti vivi venivano spesso bruciati vivi altrove in Europa, in particolare a Pasqua o nel periodo intorno ad Halloween.

Mentre il bruciore di gatto era meno comune in Gran Bretagna, vengono registrati alcuni esempi. Uno viene dalle lettere dell'inglese Charles Hatton. Nel novembre 1677 Hatton scrisse a suo fratello, principalmente su chi poteva essere nominato arcivescovo di Canterbury. Ha concluso la sua lettera descrivendo una recente celebrazione in occasione del 119 ° anniversario della salita al trono di Elisabetta I.

Al centro di questo sfarzo, scrisse Hatton, c'era una grande figura in vimini di Papa Innocenzo XI, un'effigie che secondo quanto riferito costava 40 sterline. Il papa di vimini fu fatto sfilare per Londra, poi eretto a Smithfield e dato alle fiamme. Dentro le sue viscere viziose c'erano un certo numero di gatti vivi:

“Sabato scorso l'incoronazione della regina Elisabetta è stata solennizzata in città con potenti falò e l'incendio di un papa molto costoso, portato da quattro persone in abiti diversi, e le effigi di diavoli che sussurravano nelle sue orecchie, il suo ventre pieno di gatti vivi , che squittì in modo orribile non appena sentirono il fuoco. Il detto comune per tutto il tempo era [lo stridio dei gatti] era la lingua del Papa e del Diavolo in un dialogo tra loro ".

Secondo Charles Hatton, queste celebrazioni perverse si sono concluse con l'apertura e la distribuzione di un barile di claret gratuito.

Fonte: lettera di Charles Hatton a Christopher Hatton, novembre 22 e 1677. A partire dal Corrispondenza della famiglia di Hatton, vol. 1, 1878. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2016. Il contenuto non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni fare riferimento al nostro Condizioni d'uso or contatta Alpha History.

Un pensiero su "1677: i londinesi bruciano gatti vivi in ​​vimini papa"

I commenti sono chiusi.