1939: Schiaffi alla moglie legali se non la uccidi, dice il giudice

La questione se i mariti avessero o meno il diritto di schiaffeggiare, sculacciare o picchiare le loro mogli ha confuso i giudici americani per gran parte del 20esimo secolo. Una consistente maggioranza si è opposta alla violenza domestica e l'ha affrontata con severità. Ci sono anche due casi registrati di giudici che hanno saltato la panchina e hanno aggredito le mogli stesse.

C'erano anche alcuni notevoli dissidenti, tuttavia, che credevano che le punizioni corporali fossero un diritto del marito. Nel 1939, una donna di Chicago di nome Mary Kuhar fece una petizione per il divorzio da suo marito John, un batterista di una band da ballo, con la motivazione che spesso la schiaffeggiava. Sfortunatamente per Mary, si è rivolta a un giudice antipatico, Philip J. Finnegan della Circuit Court:

"Il giudice Finnegan ... ha detto che [lo schiaffo alla moglie] non era solo legale ma anche più o meno dovere coniugale di un marito ...

"Secondo la legge", ha detto il giudice Finnegan, "la crudeltà deve consistere in una violenza abbastanza grande da mettere in pericolo la vita. Uno schiaffo non mette in pericolo la vita. Un uomo può schiaffeggiare sua moglie quanto vuole se non la uccide. Se più mogli venissero schiaffeggiate ci sarebbero meno divorzi ».

Il giudice ha respinto le affermazioni della signora Kuhar con un avvertimento che "devono essere presentate migliori prove di crudeltà" per concedere il divorzio in futuro.

Fonte: The Lance-Star gratuito (Fredericksburg), 1 febbraio 1939. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2016. Il contenuto non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni fare riferimento al nostro Condizioni d'uso or contatta Alpha History.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •