1863: donne turche scioccate dai genitali del cavallo di pietra

Il Mausoleo di Alicarnasso (ora Bodrum, sulla costa sud-occidentale della Turchia) era una delle sette meraviglie del mondo antico. Fu costruito nel IV secolo a.C.per ospitare i resti del potente governatore persiano Mausolo e Artemisia, sua sorella e moglie. Il sito del mausoleo fu scavato a metà degli anni 4 dall'archeologo britannico Charles Thomas Newton.

Tra le scoperte di Newton c'erano i resti di giganteschi cavalli di pietra che si trovavano sul tetto del mausoleo. Questi cavalli erano originariamente alti più di cinque metri e squisitamente scolpiti nel marmo locale. Secondo Newton, erano anche ben dotati. Scrivendo diversi anni dopo, ricordò di dover trainare la metà posteriore di un cavallo di Alicarnasso per le strade locali, facendo svenire le donne alla vista dei suoi enormi genitali:

“Dopo essere stato debitamente tirato fuori, è stato caricato su una slitta e trascinato a riva da 80 operai turchi. Lungo i muri e sui tetti delle case sedevano le donne velate di Bodrum. Non avevano mai visto niente di così grande prima, e la vista vinse la riservatezza imposta loro dall'etichetta turca. Le donne di Troia che fissavano il cavallo di legno mentre entrava nella breccia, non avrebbero potuto essere più sbalordite. "

I frammenti dei cavalli sono conservati presso il British Museum, anche se, come per altri manufatti stranieri, ci sono pressioni per riportarli al loro luogo di origine.

Fonte: Charles Thomas Newton, Storia delle scoperte ad Alicarnasso, 1863. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2016. Il contenuto non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni fare riferimento al nostro Condizioni d'uso or contatta Alpha History.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •