Archivi categoria: Guerra

1745: gli invasori scozzesi masticano le strade di Macclesfield

John Stafford era un avvocato e cancelliere comunale di Macclesfield, vicino a Manchester, al culmine della rivolta giacobita nel 1745. Guidati dal "Principe Bonnie", Charles Stuart, i ribelli giacobiti invasero l'Inghilterra nel novembre 1745. Entro la fine del mese , l'avanzata giacobita aveva raggiunto Macclesfield dove fu accolta calorosamente dalla maggior parte dei cittadini. Stafford, un lealista di Hannover, era meno entusiasta. Tuttavia, si interessò all'arrivo delle forze del 'Pretender, registrando osservazioni sul loro numero, il loro personale e lo stesso Charles Stuart.

Stafford è stato anche tenuto a fornire alloggio per due soldati scozzesi. Uno era un giovane ufficiale, "estremamente civile" e una "persona di buon senso e conto" che incantava le figlie di Stafford. Il suo secondo "ospite" era un "tipo molto comune" che "ha provato tutte le serrature nel mio ufficio e nell'armadio di mia moglie" e ha rubato diversi piccoli oggetti dalla casa di Stafford.

Dopo aver passato una notte insonne, Stafford attraversò la strada per visitare il suo vicino, che ospitava più di 50 soldati delle Highland ei loro seguaci del campo. Con suo orrore:

"Il pavimento della casa era ricoperto di paglia, e uomini, donne e bambini giacevano insieme promiscuamente come un canile di cani, alcuni dei quali completamente nudi."

Stafford fece quindi una passeggiata nel quartiere e scoprì che era stato infastidito dagli scozzesi in visita:

"Non appena fu giorno, le strade apparvero alla moda di Edimburgo, essendo sempre piene di merda su entrambi i lati, da un'estremità all'altra."

Con “grande gioia” di Stafford il contingente giacobita partì il giorno successivo e si avviò verso Derby. Attraversarono di nuovo Macclesfield una settimana dopo, questa volta in ritirata. Nell'aprile dell'anno successivo, Charles Stuart e il suo esercito furono definitivamente sconfitti nella battaglia di Culloden.

Fonte: lettera di John Stafford, 2 dicembre 1745. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2016. Il contenuto non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni fare riferimento al nostro Condizioni d'uso or contatta Alpha History.

1913: Oscene canzoni di guerra della Costa d'Avorio

Maurice Delafosse era un antropologo e ricercatore francese che ha trascorso diversi anni vivendo e lavorando sulla costa occidentale dell'Africa. Delafosse si è specializzato in lingue native e altri aspetti culturali e comportamentali dei gruppi tribali.

Scrivendo nel primo decennio del 1900, Delafosse descrisse come i nativi africani in quella che oggi è la Costa d'Avorio rispondevano alle minacce o all'ostilità, in questo caso dagli Okou:

"Le donne si radunavano e, con le spalle al nemico, facevano violente ed esagerate spinte delle natiche in direzione della parte ostile gridando" Il mio culo per Okou! "

Secondo Delafosse, gli uomini ricorrerebbero a una tradizione secolare: la canzone oscena. Ha registrato alcuni dei testi usati:

"Okou è il nostro nemico, tagliagli la testa!"
"Okou sono gli escrementi dal mio sedere!"
"Ok, ti ​​piace la compagnia sessuale dei cani!"
"I genitali di Okou sono marci e puzzano di feci!"

Fonte: Maurice Delafosse, Revue d'Ethnographie et de Sociologie, No. 4, 1913. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2016. Il contenuto non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni fare riferimento al nostro Condizioni d'uso or contatta Alpha History.

1750: Royal Marine fustigato; nessuno vede il "suo" seno

Hannah Snell (1723-1792) era una donna britannica che prestò servizio nei Royal Marines - come uomo. Snell è nata a Worcester, si è sposata nella tarda adolescenza e ha dato alla luce una figlia. Quando sua figlia morì e suo marito fuggì, Snell prese in prestito alcuni vestiti da uomo e si arruolò nei Marines usando il nome di "James Gray".

Nel 1748, Snell fu schierata in India dove vide combattimenti pesanti e:

"... ha ricevuto dodici ferite, sei al braccio destro e cinque al sinistro e l'altra all'inguine, dall'ultima delle quali ha estratto la palla e lei stessa ha perfezionato la cura, al fine di evitare che il suo sesso fosse scoperto ..."

L'occultamento di genere di Snell è ancora più notevole considerando che è stata frustata due volte durante i suoi tre anni nei Marines - ed entrambe le volte è stata spogliata fino alla vita. Nel 1748 Snell fu accusato di inadempienza e frustato pubblicamente a Carlisle. Snell in seguito disse ai biografi che evitava di essere scoperta perché "i suoi seni erano piccoli" e:

"... le sue braccia [erano] sollevate, la protuberanza dei suoi seni era insignificante ed erano nascosti da lei in piedi vicino al cancello."

Snell ricevette una seconda sferzata a bordo di una nave della Royal Navy, dove impedì:

"... scoperta del suo sesso legandole un fazzoletto al collo e stendendolo sul seno."

Durante questa seconda fustigazione, i seni di Snell furono individuati dal seno della nave che "disse che erano più simili a quelli di una donna che abbia mai visto". Apparentemente non era abbastanza preoccupato per dare l'allarme.

Al suo ritorno in Inghilterra nel 1750, Snell ha confessato il suo vero sesso. Le fu concesso un onorevole congedo e, successivamente, una pensione militare. Snell in seguito gestì un pub finché la sua salute mentale non si deteriorò. Ha trascorso i suoi ultimi mesi nel famigerato ospedale di Bedlam.

Fonte: vari inc. Newsletter settimanale di Boston, 6 dicembre 1750. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2016. Il contenuto non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni fare riferimento al nostro Condizioni d'uso or contatta Alpha History.

1790: ammiraglio russo premiato con una sparatoria contadina

Nel luglio 1790, la flotta russa del Mar Nero, comandata dall'ammiraglio Fyodor Ushakov, sconfisse una forza navale ottomana nello stretto di Kerch vicino alla Crimea.

A ottobre, un quotidiano di Boston, il Centinel colombiano, ha informato i suoi lettori della vittoria russa. Lo scandalizzato Centinel riferì anche che Caterina la Grande aveva premiato l'ammiraglio Ushakov permettendogli di sparare a 2,417 contadini. Il Centinel si lamentava:

"Non è [solo] in Africa che gli orrori della schiavitù devono essere commiserati".

Giorni dopo, tuttavia, il Centinel ha eseguito questa breve e in qualche modo non apologetica correzione:

“Da un successivo paragrafo in inglese, quanto sopra risulta essere un errore. L'imperatrice ha dato il permesso al suo ammiraglio di sparare a 2,417 fagiani. "

Fonte: Centinel colombiano, Boston, 20 ottobre 1790. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2016. Il contenuto non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni fare riferimento al nostro Condizioni d'uso or contatta Alpha History.

1780: ufficiale britannico allarmato per il suo prepuzio

Nel 1780, un reggimento della British East India Company fu sconfitto a Polilore dalle truppe del regno di Mysore. Diverse centinaia di soldati britannici furono catturati, tenuti prigionieri e costretti alla schiavitù. Molti furono costretti a lavorare fino al 1784 e alcuni fino al 1799. Circa 300 di questi prigionieri furono anche circoncisi con la forza dai loro rapitori musulmani.

Uno dei prigionieri britannici era il tenente colonnello di origine irlandese Cromwell Massey, che teneva un diario segreto durante la sua incarcerazione a Seringapatam. Nel novembre 1780, Massey scrisse che lui ei suoi uomini erano:

"Terribilmente allarmato questa mattina per i nostri prepuzi."

Massey aveva buone preoccupazioni: fu circonciso poco dopo. Lo stesso dicasi per un ufficiale di marina junior, che in seguito scrisse:

"Ho perso con il prepuzio del mio cortile tutti quei benefici di un cristiano e di un inglese che erano e saranno sempre la mia più grande gloria".

La maggior parte di questi prigionieri furono liberati quando una forza britannica molto più grande invase Mysore in 1799 e fece cadere il suo sovrano musulmano, Tipu Sultan. Cromwell Massey era tra questi. Tornò in Gran Bretagna e visse all'età di 103, morendo a Ramsgate in 1845.

Fonte: Various, inc. diario di Cromwell Massey, 1780. Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2016. Il contenuto non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni fare riferimento al nostro Condizioni d'uso or contatta Alpha History.