Problemi di storia

problemi della storia
Johan Huizinga, lo storico olandese morto in un campo di internamento nazista a 1945.

Tutti noi siamo circondati dalla storia, sia che scegliamo di studiarla o meno. La storia si trova nelle nostre tradizioni sociali, nelle nostre festività e cerimonie, nei nostri sistemi educativi, nelle nostre credenze e pratiche religiose, nei nostri sistemi politici e legali, persino nella nostra cultura popolare. Anche la storia è facilmente accessibile a chiunque, ma questa accessibilità e popolarità comportano alcuni problemi storici.

Una disciplina molto aperta

Non è necessario essere uno storico qualificato o praticante per pensare, parlare o scrivere del passato. Chiunque può avere interesse per la storia; chiunque può leggerlo, studiarlo o discuterne.

Lo storico olandese Johan Huizinga, che fu imprigionato dai nazisti per il suo lavoro e morì in un campo di internamento, scrisse una volta della storia: “nessun'altra disciplina ha le sue porte così aperte al grande pubblico”. Questo è certamente vero. La discussione sul passato e la teorizzazione sul suo significato non sono mai state confinate o limitate alle aule scolastiche, alle aule o agli archivi. La storia è aperta a tutti coloro che se ne interessano, indipendentemente dalla loro esperienza o dalle loro credenziali.

L’accessibilità della storia ha un grande vantaggio: la libertà intellettuale. Ognuno è libero di considerare il passato e trarre le proprie conclusioni. Ma presenta anche uno svantaggio significativo: la “storia popolare” e la “buona storia” raramente sono la stessa cosa.

Storia e “storia popolare”

Esiste un divario considerevole tra la comprensione storica di dominio pubblico e la storia scritta dagli storici. Il pubblico in generale può essere informato e interessato al passato, ma raramente utilizza gli stessi standard di ricerca e prova degli storici.

La storia popolare è spesso semplificata e distorta fino alla corruzione. Ci sono diverse ragioni per questo. Per prima cosa, molte persone tendono a dare più valore alla storia rispetto all’analisi. Quando considerano il passato, preferiscono spiegazioni chiare e semplici. A loro piace attribuire responsabilità, obbligo o "colpa" laddove potrebbe non esistere. A loro piacciono le narrazioni interessanti con eroi morali, colpevoli immorali e finali soddisfacenti. A loro piace anche pensare che le proprie nazioni e società siano più avanzate, civilizzate o culturalmente superiori rispetto ad altre.

Come sanno gli storici e gli studenti di storia, questo tipo di pensiero non favorisce la “buona storia”. La storia è raramente semplice o chiara, né è piena di evidenti cattivi o di soluzioni soddisfacenti.

Questa pagina riassume alcuni dei problemi che possono offuscare il nostro pensiero sul passato. Questi problemi sono più comuni nella storia popolare, ma gli storici e gli studenti di storia non ne sono affatto immuni.

Generalizzazione

storia

Un problema significativo quando si pensa alla storia è la nostra abitudine di pensare in termini generali. Nonostante tutta la sua genialità, la mente umana ha la tendenza a fare supposizioni sul tutto basandosi sulle sue parti. In filosofia, questo è noto come “ragionamento induttivo” o generalizzazione.

Un esempio di generalizzazione è l’affermazione errata “i canarini sono uccelli; i canarini sono gialli; quindi tutti gli uccelli sono gialli”. Inutile dire che alcuni uccelli sono gialli non significa che tutti gli uccelli siano uguali.

Molte persone sono inclini a trarre conclusioni generali da pochi fatti o elementi di prova. Ciò si verifica in genere quando si studiano grandi gruppi di persone, come una nazione, una società o una comunità. La maggior parte delle popolazioni umane contiene un'enorme diversità economica, etnica e culturale. Per questo motivo, è probabile che qualsiasi conclusione su un'intera popolazione basata su una piccola quantità di prove sia errata.

Gli studenti di storia dovrebbero essere particolarmente cauti nel formulare ipotesi generalizzate e nel fare affermazioni generalizzate. Non tutti i contadini della Francia del XVIII secolo e della Russia del XX secolo erano poveri e affamati. Non tutti i tedeschi negli anni ’18 erano nazisti o sostenitori di Hitler. Non tutte le persone in Medio Oriente sono musulmane. Non tutti i socialisti aderiscono agli scritti di Karl Marx.

Teorie cospirazioniste

storia
The 'Stonecutters', una parodia dei Simpson delle teorie del complotto

Tutti coloro che hanno letto o discusso del passato conosceranno almeno alcune teorie del complotto. Queste storie fantasiose sono i pettegolezzi della storia, sussurrati e ripetuti ad nauseam ma raramente supportato da prove concrete.

Innumerevoli eventi importanti della storia – dalla crocifissione di Cristo all’assassinio di Kennedy, dallo sbarco sulla Luna e dall’9 settembre alla pandemia di COVID – sono stati intrecciati con teorie del complotto. Molte di queste teorie mettono in guardia contro gruppi segreti ma potenti, come cattolici, ebrei, massoni, comunisti, Illuminati, G11, Gruppo Bilderberg, “Deep State”, CIA, KGB, MI20 e Mossad.

Secondo i teorici della cospirazione, queste organizzazioni evocano e attuano complotti sovversivi per esercitare il loro controllo sul mondo, sulle sue persone e sulle sue risorse. Molti dei problemi e delle disgrazie del mondo sono imputabili a questi gruppi, che si dice operino nell'ombra.

Il problema con le teorie del complotto è che sono, per loro stessa definizione, teorie infondate. La maggior parte è guidata da voci, storie infondate, coincidenze e prove circostanziali. Molti sono così stravaganti che hanno solo valore di novità. Ma come dimostrano l’ascesa del nazismo e dell’Olocausto, nelle giuste circostanze le teorie del complotto possono essere accettate dal mainstream e diventare estremamente pericolose.

Miti e mitologia

storia
Rappresentazione artistica della corsa tanto mitizzata di Paul Revere

Le storie popolari sono piene di miti: storie non supportate da prove, grossolanamente esagerate o del tutto false. La maggior parte degli storici sono consapevoli di questi miti e li considerano apocrifi o falsi. I non storici, tuttavia, sono spesso interessati al valore di una storia piuttosto che alla sua accuratezza storica.

Nel corso del tempo, molti miti e storie sono stati accettati come fatti storici, spesso perché suonano attraenti o si adattano a una particolare narrativa. Molti miti sono stati ripetuti sulla stampa, il che conferisce loro una credibilità immeritata.

Un esempio di un mito duraturo è la storia della "cavalcata di mezzanotte" di Paul Revere per avvertire dei movimenti delle truppe britanniche nel Massachusetts nell'aprile 1775. La comprensione pubblica di questo evento è stata plasmata dalla poesia del 1860 di Henry Wadsworth Longfellow, Paul Revere's Ride, che è pieno di inesattezze storiche sulle azioni di Revere e sugli eventi di quella sera. Come risultato di questo mito ispirato a Longfellow, le azioni e l'importanza di Revere per la rivoluzione americana sono state esagerate nel tempo.

Sebbene queste distorsioni non siano di solito opera degli storici, tendono a creare una narrativa popolare ma fuorviante di eventi storici come la Rivoluzione americana. Gli storici e gli studenti di storia devono diffidare di questi miti. Solo perché una storia è ampiamente accettata come un fatto non lo rende tale.

nazionalismo

storia
Arte nazionalista raffigurante la Rivoluzione francese del 1830

Il nazionalismo è un attaccamento sentimentale e una lealtà indiscussa al proprio paese. A volte questo attaccamento diventa così forte che le azioni della propria nazione sono accettate, giustificate e supportate, che siano giuste o meno. I nazionalisti mettono anche i bisogni e gli interessi della loro nazione al di sopra di quelli di altri paesi (un atteggiamento racchiuso in una citazione attribuita al politico statunitense del 19 ° secolo Carl Schurz: "Il mio paese, giusto o sbagliato").

Gli studenti di storia dovrebbero avere familiarità con il nazionalismo, che ha alimentato disordini, tensioni internazionali e guerre per secoli. Ma il nazionalismo ha anche infettato e distorto sia la storia accademica che le concezioni popolari del passato. Molti individui - e purtroppo alcuni storici - trovano difficile accettare o impegnarsi con le critiche del proprio paese. Inutile dire che questo può portare a una visione squilibrata del passato.

A volte il nazionalismo può distorcere la comprensione della propria storia da parte di una nazione colorando o dominando le narrazioni storiche. Le storie nazionaliste spesso esaltano o glorificano le conquiste e il progresso di una nazione – ma possono anche trascurare, diluire o spiegare la violenza o il maltrattamento degli altri. Un esempio di ciò può essere trovato in Giappone, dove molte storie e libri di testo per studenti semplicemente ignorano le atrocità commesse dai soldati giapponesi durante la seconda guerra mondiale.

Nostalgia

storia
I “bei vecchi tempi” vengono spesso ricordati come un periodo di valori familiari più semplici

La nostalgia è quando guardiamo al passato con tenerezza e affetto. Man mano che gli individui invecchiano, molti rimpiangono il proprio passato, ricordandolo come un momento di felicità e armonia. Questa nostalgia, riassunta nella frase "i bei vecchi tempi", suggerisce che il passato è un posto molto migliore del presente. Del passato, ad esempio, si dice spesso che la vita fosse più semplice e più appagante; le persone erano più gentili e rispettose; i valori della famiglia erano più forti; le donne si occupavano della famiglia e della casa; i bambini si comportavano meglio e "conoscevano il loro posto".

I politici conservatori amano un gruppo di nostalgia e dichiarazioni nostalgiche. In 1982, primo ministro britannico Margaret Thatcher risale al XIX secolo quando dichiarò che "i valori vittoriani erano i valori quando il nostro paese è diventato grande".

Il problema con affermazioni nostalgiche come questa è che si basano su emozioni e sentimenti, non su prove o studi oggettivi. La Gran Bretagna vittoriana fu davvero un periodo di forza nazionale, progresso economico e valori familiari conservatori, ma fu anche un periodo di grande povertà, criminalità, prostituzione, dure leggi penali, servitù a contratto, disuguaglianza di genere, disparità di ricchezza, salari bassi, lavoro intollerabile condizioni, lavoro minorile, leggi omofobiche, intolleranza religiosa e oppressione coloniale.

Nella maggior parte dei casi, i "bei vecchi tempi" non erano poi così belli, tranne quelli di ricchezza e privilegio. Gli storici e gli studenti di storia devono sempre diffidare di affermazioni nostalgiche e giudizi di valore che elevano il passato al presente.

'Il nobile selvaggio'

Il "buon selvaggio" vive libero dalla corruzione e dall'affetto della società moderna

Il “buon selvaggio” è un'idea che spesso offusca il nostro pensiero sulle società storiche, tribali e su alcune società non occidentali. Secondo il concetto di “nobile selvaggio”, i popoli tribali che vivono al di fuori del materialismo e della corruzione della civiltà occidentale vivono una vita più semplice, orientata alla comunità, armoniosa e appagante.

Alla base di ciò c’è il preconcetto secondo cui il “buon selvaggio” non è interessato a conquistare territorio o ricchezza, ad acquisire beni materiali, a sfruttare i suoi vicini o a fare la guerra fine a se stessa. Il “buon selvaggio” si preoccupa invece principalmente dei bisogni fondamentali della sua comunità: sopravvivenza e sussistenza, benessere e sviluppo dei gruppi familiari, protezione della comunità, realizzazione spirituale e culturale e interazione con la natura.

Questa nozione romantica è stata applicata a molte persone non occidentali, inclusi i nativi del Nord America, i gruppi tribali africani e gli indigeni australiani. Ma la percezione dei popoli tribali come "nobili selvaggi" è idealistica e, nella maggior parte dei casi, storicamente imperfetta.

Pochissime società primitive funzionavano così bene o armoniosamente come suggerisce questa idea. Molti gruppi tribali erano intrinsecamente militaristi e il processo decisionale, piuttosto che essere preso in comune o da saggi anziani, era dominato dagli uomini forti della tribù. Molti gruppi tribali hanno sopportato problemi simili alle società occidentali, comprese le disuguaglianze di potere e ricchezza, il controllo attraverso la violenza, lo sfruttamento, le divisioni religiose ed etniche, la misoginia, i conflitti intestini e le guerre inter-tribali. Alcune società tribali praticavano anche la circoncisione rituale di maschi e femmine, matrimoni combinati, poligamia e poliginia, stupri sistemici, incesto, esilio - persino sacrifici umani, cannibalismo e genocidio.

Gli storici e gli studenti dovrebbero ricercare a fondo la storia di ogni società tribale prima di presumere che la sua gente abbia vissuto un'esistenza pacifica e armoniosa.

eurocentrismo

Come suggerisce il nome, l’eurocentrismo descrive il guardare al passato da un punto di vista puramente europeo o occidentale. Questa prospettiva ha origine nei secoli XVII e XVIII, quando le nazioni europee dominavano il mondo politicamente e militarmente nella produzione, nel commercio, nella scienza e nella cultura.

Non sorprende che gli europei siano arrivati ​​a considerare se stessi e le loro società eccezionali. Consideravano la civiltà europea (a volte chiamata più in generale civiltà occidentale) come l’esempio perfetto del progresso e dello sviluppo umano. Al contrario, si riteneva che i popoli nativi dell'Africa, dell'Asia e delle Americhe vivessero nella barbarie e nell'ignoranza fino a quando non furono "scoperti", "civilizzati" e "istruiti" dagli europei. Questa prospettiva diede origine a idee come il “fardello dell’uomo bianco” (Gran Bretagna) e la “missione civilizzatrice” (Francia), che servirono a giustificare ulteriori conquiste e colonizzazioni.

Questa arrogante prospettiva eurocentrica arrivò a dominare anche la storiografia e la comprensione storica. Le storie, i contributi e le conquiste dei popoli non europei sono stati ignorati o minimizzati. Le scoperte scientifiche, le invenzioni e la filosofia cinese furono ampiamente ignorate. La matematica, la medicina e la letteratura islamica furono banalizzate.

Le storie dei popoli conquistati sono state in gran parte definite dal modo in cui hanno risposto agli europei, sia con la resistenza che con l’accettazione passiva. Le storie eurocentriche hanno negato a molti popoli non europei la propria voce, presentando al contempo un resoconto ristretto e distorto del passato.

"Top-down" o "bottom-up"?

Queste frasi descrivono diversi modi di guardare al passato. Entrambi si basano su ipotesi su chi e su cosa dovrebbero concentrarsi gli storici. Le "storie dall'alto verso il basso" tendono a esaminare le azioni dei ricchi e dei potenti: re, aristocratici, politici, magnati degli affari, innovatori e pensatori influenti. L'approccio "top-down" suggerisce che la maggior parte dei cambiamenti storici e delle cause sono guidati da leader significativi.

Al contrario, le storie "dal basso verso l'alto" esaminano le vite, le condizioni e le azioni delle persone comuni. L'approccio "dal basso verso l'alto" suggerisce che anche le persone comuni modellano e definiscono il passato. Le persone comuni non sono né passive né completamente impotenti; la storia non è qualcosa che semplicemente "accade a loro".

Le visioni della storia “dall’alto verso il basso” e “dal basso verso l’alto” non sono necessariamente problematiche di per sé. I problemi sorgono solo quando il nostro atteggiamento nei confronti del passato si blocca in un unico modo di pensare. Alcune storie 'dall'alto verso il basso' tendono a considerare le persone comuni come comparse in una grande commedia; vengono dipinti come destinatari passivi, come una massa senza cervello o come una folla potenzialmente violenta. Al contrario, alcune storie “dal basso verso l’alto” vengono fornite per demonizzare coloro che detengono ricchezza e potere, attaccando le loro motivazioni e condannando i loro errori.

Questa determinazione può solo contaminare la nostra visione del passato. La storia è lo studio di persone di tutte le classi, sia potenti che deboli. Dovremmo avvicinarci al passato con una mente aperta sui diversi gruppi e classi e lasciare che le prove ci convincano.

La militarizzazione della storia

La militarizzazione della storia è un fenomeno recente osservato in alcuni paesi occidentali. Si riferisce a una crescente attenzione alla guerra, agli exploit in tempo di guerra, ai leader militari e ai soldati quando studiano, insegnano e scrivono sul passato.

L’Australia è una nazione in cui questo processo è stato osservato. Molti accademici sostengono che la storia australiana è stata lentamente militarizzata a partire dagli anni ’1980. Questo processo è stato portato avanti attraverso politiche e finanziamenti governativi, da programmi scolastici che si concentrano in modo sproporzionato sulla guerra, e dalla letteratura nazionalista e dalla copertura mediatica che collega lo sviluppo, l’identità e la nazione dell’Australia con le sue esperienze in tempo di guerra.

Un punto focale significativo è lo sbarco dell'ANZAC dell'aprile 1915 a Gallipoli, la prima grande campagna militare dell'Australia come nazione indipendente. Questa crescente enfasi sul passato militare dell'Australia ha stimolato l'interesse per la storia e dato origine al "turismo sul campo di battaglia" e a grandi presenze ai servizi commemorativi in ​​tempo di guerra.

I critici sostengono che la militarizzazione della storia alimenta mitologie nazionaliste, glorifica la guerra e distorce la nostra comprensione storica intrecciandola con il sentimento e il rispetto per i morti. Può anche distorcere la comprensione pubblica della storia nazionale, legandola troppo strettamente alla guerra e oscurando l’importanza dei leader, delle condizioni e degli eventi non militari.

Le guerre sono eventi tumultuosi e catastrofici che sono certamente degni di un attento studio storico, ma dovremmo sforzarci di mantenere la storia e la memoria il più separate possibile. La storia militare e in tempo di guerra dovrebbe essere studiata nel loro contesto e senza più rispetto di qualsiasi altro ramo della storia.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Problemi di storia"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/problems-of-history/
Data di pubblicazione: Ottobre 11, 2019
Data di aggiornamento: 3 Novembre 2023
Data di accesso: 24 Maggio 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.