I figli della libertà

Figli della Libertà
Un articolo di un giornale di Boston sull '"albero della libertà", un importante punto di incontro

Nel folklore popolare, i Sons of Liberty furono organizzati, coordinarono gruppi coloniali americani che intrapresero un'azione contro le politiche britanniche da 1765 in poi.

La realtà meno alla moda è che era un termine generico usato per qualsiasi gruppo o individuo che si opponeva alla politica britannica o ai funzionari reali, sia con la parola che con l'azione. "Sons of Liberty" era un'etichetta vagamente applicata piuttosto che un gruppo o movimento specifico. 

Centinaia di gruppi di opposizione e resistenza su base locale esistevano tra il 1765 e il 1774. Le loro motivazioni e le loro lamentele variavano da un luogo all'altro, così come la loro forza e composizione. "Sons of Liberty" con sede a New York City differiva notevolmente da quelli del Massachusetts occidentale rurale.

La stessa frase "Figli della libertà" proviene da un discorso tenuto nel parlamento britannico da Isaac Barre, che l'ha usata parlando contro un'ulteriore tassazione delle colonie.

A Boston c'erano vari piccoli gruppi che prima o poi potevano essere chiamati "Figli della Libertà". Alcuni avevano le loro radici in un gruppo oscuro chiamato Loyal Nine, un gruppo di artigiani e piccoli commercianti che si unirono a metà del 1765 per opporsi allo Stamp Act.

Sebbene i Loyal Nine non includessero Samuel Adams, certamente condividevano il suo radicalismo. È anche probabile che ciascuno fosse noto all'altro.

Da questo gruppo seme emersero dozzine di bande simili, preparate nelle taverne di Boston durante l'estate del 1765, alcune con autentiche rimostranze politiche e altre semplicemente viziate per una rissa. Erano responsabili di tutto, dall'incitamento al boicottaggio, dall'affissione di volantini e dalla redazione di bordate, fino agli atti di violenza, come quelli perpetrati contro Thomas Hutchinson e Andrew Oliver in agosto. La folla che ha scatenato il "Massacro di Boston" nel 1770 potrebbe essere stata probabilmente descritta come Sons of Liberty; gli uomini che salirono a bordo delle navi britanniche durante il Boston Tea Party (1773) quasi certamente lo furono. I gruppi di Figli della Libertà si svilupparono in movimenti più specifici per compiti come i Comitati di corrispondenza (per far circolare idee rivoluzionarie tra le altre colonie) e i Comitati di sicurezza (per monitorare i movimenti delle truppe e segnalare violazioni contro i coloni ei loro diritti).

“Ci sono alcune persone tra noi che, nelle comuni preoccupazioni della vita ... si spogliano di tutte le virtù sociali e diventano i più rumorosi guaiti dell'intero branco. Ce ne sono altri ... che per il vano scopo di creare un'importanza temporanea per se stessi si compiacciono di produrre disordine nella macchina del governo, e cercano malvagiamente l'occasione per mettere in pericolo il naufragio del Commonwealth. Com'è spregevole la spavalderia di un presuntuoso demagogo ... quando le misure che persegue e così strenuamente sollecita appaiono evidentemente calcolate per produrre disordini intestinali e calamità pubblica ".
Opuscolo lealista, 1771

I Figli della Libertà sono comunemente associati a una serie di azioni o simboli. L'Albero della Libertà appare in molti articoli di propaganda; questo simbolo rivoluzionario era basato su un olmo nel Boston Common, un punto di raccolta per gli attivisti coloniali e il luogo in cui le effigi venivano spesso appese. Altri simboli includono il berretto della libertà (il berretto rosso frigio dei tempi antichi, che simboleggia la libertà), il palo della libertà (un lungo palo sottile, spesso sormontato dal berretto della libertà) e il serpente a sonagli (che rappresenta la vigilanza). L'uso di catrame e piume è comunemente attribuito ai Figli della Libertà; sebbene alcuni casi si siano verificati durante la rivoluzione americana, questa brutale forma di giustizia da vigilante è rimasta piuttosto rara. Le icone della libertà sono apparse su oggetti più banali, come questo punchbowl di Paul Revere. Intorno alla ciotola sono incise varie immagini e slogan, la Magna Carta, il Bill of Rights inglese, la menzione del leader Whig britannico John Wilkes e un tributo ai 92 membri del gruppo Sons of Liberty di Revere che hanno sfidato il parlamento britannico.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "I figli della libertà"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/sons-of-liberty/
Data di pubblicazione: Gennaio 20, 2015
Data di accesso: 28 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.