James Wilson sull'autorità britannica sull'America (1774)

James Wilson (1742-1798) era un avvocato scozzese nato in Pennsylvania e padre fondatore degli Stati Uniti. Allo scoppio della rivoluzione, ha prestato servizio come colonnello nella milizia della Pennsylvania e membro della Congresso Continentale. Più tardi, Wilson fu un firmatario del Dichiarazione di Indipendenza e Costituzione degli Stati Uniti. Wilson ha scritto diversi opuscoli e saggi sulla rivoluzione, in particolare il suo lavoro del 1774 "Considerazioni sulla natura e l'estensione dell'autorità legislativa del Parlamento britannico". In questo estratto, Wilson confuta l'autorità parlamentare britannica sull'America, sostenendo che gli americani sono invece sudditi della Corona:

“Da quale fonte proviene questa potente, questa autorità incontrollata della Camera dei Comuni? Dall'ente collettivo dei comuni della Gran Bretagna. Questa autorità deve, quindi, originariamente risiedere in loro, poiché tutto ciò che trasmettono ai loro rappresentanti deve essere in ultima analisi in se stessi.

E quei [Britanni], che siamo stati fino ad ora abituati a considerare nostri simili sudditi, hanno un potere assoluto e illimitato su di noi? Hanno il diritto naturale di fare leggi con cui possiamo essere privati ​​delle nostre proprietà, delle nostre libertà, della nostra vita? Con quale titolo affermano di essere i nostri padroni? Quale nostro atto ci ha resi soggetti a coloro ai quali prima eravamo uguali? La libertà britannica è denominata dal suolo o dal popolo britannico? Se da quest'ultimo lo perdono abbandonando il suolo? Quelli che si imbarcano come uomini liberi in Gran Bretagna sbarcano come schiavi in ​​America? Coloro che sono fuggiti dall'oppressione della tirannia regale e ministeriale sono ora ridotti a uno stato di vassallaggio per coloro [lasciati indietro]? ...

Coloro che si lanciavano nell'ignoto profondo, alla ricerca di nuovi paesi e abitazioni, si consideravano ancora sudditi dei monarchi inglesi e si comportavano adeguatamente con quel carattere; ma non sembra da nessuna parte che si considerassero ancora rappresentati in un parlamento inglese [o] che pensassero che l'autorità del parlamento inglese si estendesse su di loro. Presero possesso del paese in nome del re; trattavano o facevano guerra agli indiani con la sua autorità; tenevano le terre sotto le sue sovvenzioni e pagavano gli affitti loro riservati; stabilirono governi sotto la sanzione della sua prerogativa o in virtù dei suoi statuti ...

I coloni dovrebbero dipendere dal re perché finora hanno goduto e continuano a godere della sua protezione. La fedeltà è la fede e l'obbedienza che ogni suddito deve al suo principe. Questa obbedienza si fonda sulla protezione derivata dal governo, poiché protezione e fedeltà sono i legami reciproci che legano il principe ei suoi sudditi ...

Al Re è affidata la direzione e la gestione della grande macchina di governo. È il più adatto per regolare le diverse ruote [del governo] e per regolare i loro movimenti ... Fa la guerra, conclude la pace, forma alleanze, regola il commercio interno per sua prerogativa e dirige il commercio estero mediante i suoi trattati con quelle nazioni con le quali esso è proseguito. Nomina gli ufficiali del governo in modo da poter controllare ogni movimento sconcertante nell'amministrazione. Ha un [veto] sulle diverse legislature durante i suoi domini in modo da poter prevenire qualsiasi ripugnanza nelle loro diverse leggi.

La connessione e l'armonia tra noi e la Gran Bretagna, che è suo interesse e nostro reciprocamente coltivare, e da cui dipende la sua prosperità, così come la nostra, così materialmente, sarà meglio preservata dall'operare delle prerogative legali della Corona che dall'esercizio di un'autorità illimitata da parte del Parlamento ".

James Wilson