John Dickinson

John Dickinson (1732-1808) era un avvocato, politico e saggista coloniale americano. Dickinson ha servito come delegato alla maggior parte degli organi di rilievo della rivoluzione, sebbene i suoi maggiori contributi alla rivoluzione siano stati probabilmente come scrittore.

John Dickinson

Nato nel Maryland, John Dickinson era il discendente degli immigrati britannici del Quaker. È cresciuto in Delaware ed educato dalla sua famiglia e dalla sua comunità, prima di trasferirsi a Londra per studiare mentre era nei suoi primi 20.

È tornato dopo tre anni, ha ottenuto l'ingresso al bar e ha avviato una pratica legale di successo a Filadelfia. Dickinson sposò Mary Norris, figlia di una ricca e influente famiglia Pennsylvanian, e in seguito ottenne un seggio nella legislatura della Pennsylvania. 

Quando la rivoluzione iniziò a svolgersi a metà degli 1760, Dickinson divenne un ardente critico della politica britannica. Ha partecipato al Stamp Act Congress (ottobre 1765) in modo non ufficiale, proponendo risoluzioni che sono state adottate con pochi cambiamenti.

In 1767, Dickinson ha iniziato a scrivere e pubblicare una serie di articoli 12 intitolati Lettere da un contadino in Pennsylvania. Questi saggi suggerivano che il tentativo della Gran Bretagna di imporre tasse e dazi commerciali alle colonie americane era incostituzionale.

Dickinson's Lettere da un contadino divenne alcuni dei trattati rivoluzionari più letti degli anni Sessanta del Settecento. Gli hanno fatto guadagnare una certa fama e una reputazione sia per competenza costituzionale che per radicalismo politico. È stato selezionato come delegato a entrambi i Congressi continentali dove, con Jefferson, ha co-scritto il secondo Congresso ' Dichiarazione delle cause e delle necessità per l'assunzione delle armi.

Sebbene Dickinson fosse fortemente critico nei confronti della politica britannica, il suo obiettivo non era la guerra o la rivoluzione. Era un pragmatico che riconosceva le debolezze dell'America coloniale - la sua carenza di potere militare, la sua disunione e la sua mancanza di amici stranieri - quindi sollecitava la riconciliazione con la Gran Bretagna piuttosto che l'indipendenza.

Nel 1775, Dickinson scrisse la petizione "Olive Branch", un ultimo tentativo di riportare la pace tra la Gran Bretagna e le colonie. Dickinson si astenne dal voto sulla Dichiarazione di Indipendenza l'anno successivo, scegliendo invece di comandare un'unità di milizia. In seguito è tornato alla politica statale in Delaware e Pennsylvania.

Durante il periodo di ratifica, Dickinson sostenne la Costituzione, ritenendo che sarebbe stato utile per gli stati più piccoli come il Delaware.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "John Dickinson"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/john-dickinson/
Data di pubblicazione: Gennaio 28, 2015
Data di accesso: Luglio 03, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.