Il proclama di 1763

annuncio di 1763
Una mappa che mostra le divisioni, le rivendicazioni coloniali e la linea di proclama in 1763

La Proclamazione del 1763 fu un editto reale emanato da Re Giorgio III nell'ottobre di quell'anno. Proibiva il movimento di persone provenienti dalle 13 colonie nei territori occidentali appena acquisiti, al fine di prevenire insediamenti incontrollati e incontri pericolosi con i nativi americani e i rimanenti coloni francesi. Si trattava di una politica sensata progettata per gestire nuovi territori e prevenire i conflitti, ma incontrò una forte opposizione da parte dei coloni e degli speculatori affamati di terra nelle colonie.

Acquisizioni di terreni

Vittoria nel Guerra francese e indiana è stato accolto con grande sollievo e significativo ottimismo nelle 13 colonie. Per generazioni, i coloni avevano vissuto con la paura degli attacchi francesi e dell’invasione dei loro confini occidentali. Molti avevano anche temuto l’infiltrazione del cattolicesimo praticato dai coloni francesi.

Gli esiti della guerra furono definiti nel Trattato di Parigi, firmato nel febbraio 1763. Secondo i termini di questo trattato, la Gran Bretagna ottenne ampie aree del territorio nordamericano dai francesi. La sovranità canadese fu ceduta alla Gran Bretagna. Ancora più significativo, Londra acquisì quasi la metà della Louisiana francese, un’area grande quasi il doppio delle 13 colonie esistenti – dal fiume Mississippi a ovest ai confini coloniali esistenti a est, dai Grandi Laghi a nord al Golfo del Messico. al Sud.

Queste acquisizioni suscitarono grande interesse nelle 13 colonie, entusiasmando allo stesso modo coloni, agricoltori e speculatori fondiari. La rapida crescita della popolazione nel corso del 1700 significava che la maggior parte dei terreni di buona qualità nelle 13 colonie erano già stati rivendicati. L'apertura di nuove e vaste terre a ovest fu vista come una straordinaria opportunità.

Il grande furto di terra

Sulla frontiera occidentale, gli elementi più poveri, come i piccoli agricoltori e i lavoratori senza terra, si prepararono a sradicarsi e a spostarsi verso ovest, per rivendicare buone terre coltivabili. Alcuni avevano già iniziato a spostarsi verso ovest in previsione della guerra giunta alle fasi finali.

Nelle città, molti ricchi coloni divennero speculatori fondiari, sperando di accaparrarsi vasti tratti nell'ovest per rivenderli successivamente con profitto. Si formarono o crebbero di dimensioni società di speculazione fondiaria, attirando investitori e sottoscrittori. Anche le élite ricche si sono posizionate per avanzare pretese in Occidente.

Tra questi c'erano gli speculatori privati George Washington ed Benjamin Franklin, entrambi speravano di guadagnare ingenti somme di denaro.

Secondo Ethan M. Fishman, al momento della proclamazione le proprietà terriere di Washington erano già cresciute fino a 15,000 acri “ma lui rimaneva insaziato. La ricerca della terra da parte di Washington era risoluta, anche quando sapeva di non averne diritto… Dichiarò che solo uno sciocco avrebbe ignorato la possibilità di acquisire nuova terra”.

La ribellione di Pontiac

Un altro fattore di complicazione per il governo britannico erano le tribù dei nativi americani nel territorio occidentale. Alcuni erano stati alleati dei francesi ed erano ostili al dominio o agli insediamenti britannici.

Queste tensioni aumentarono all'inizio del 1763 in seguito alla pace formale, quando le truppe britanniche del generale Jeffrey Amherst non riuscirono a mantenere la promessa di ritirarsi a est, rimanendo invece intorno ai Grandi Laghi e costruendo e mantenendo fortificazioni.

Nella primavera del 1763, un capo di Ottawa nominato Pontiac organizzò una confederazione di quasi tutte le tribù native della regione. Il piano di Pontiac era quello di lanciare attacchi a sorpresa contro i forti vicini in un giorno specifico, spazzando via le guarnigioni e saccheggiando gli insediamenti non protetti. Il suo obiettivo era cacciare gli inglesi dalla regione e ripristinare il commercio e le relazioni con i francesi.

A maggio Pontiac lanciò il suo primo attacco, assediando Fort Detroit con diverse centinaia di guerrieri. Il forte resistette per quasi sei mesi, ma decine di civili fuori dal forte furono massacrati. Mentre l'assedio era in corso, dozzine di forti più piccoli attorno ai Grandi Laghi furono attaccati e invasi e le loro guarnigioni massacrate.

La Gran Bretagna risponde

Il governo britannico rimase inorridito dagli attacchi, ma capì che sarebbero probabili future rivolte se i leader dei nativi americani non fossero stati pacificati. Nell'ottobre 1763, Giorgio III emanò un proclama reale relativo ai territori appena acquisiti. Gran parte di essa era vista come una misura temporanea fino a quando non fosse stata formulata una nuova politica coloniale.

La proclamazione era un lungo documento che delineava nuove giurisdizioni governative in Canada, Florida e Caraibi. Più specificamente, proibì il movimento dalle 13 colonie verso i territori occidentali, tracciando di fatto un confine lungo i Monti Appalachi e ordinando che nessuno si stabilisse a ovest di questa linea:

"Con la presente proibiamo severamente, pena il nostro dispiacere, a tutti i nostri amorevoli sudditi di effettuare acquisti o accordi di qualsiasi tipo, o di prendere possesso di qualsiasi delle terre sopra riservate, senza prima ottenere il nostro permesso speciale e la nostra licenza a tale scopo."

Secondo i suoi termini, i sudditi britannici che avevano rivendicato terre a ovest della linea di proclamazione – come quelli già insediati nella valle dell’Ohio – dovevano ritirarsi immediatamente:

"Inoltre imponiamo e richiediamo severamente a tutte le persone che, volontariamente o inavvertitamente, si sono stabilite su qualsiasi terra all'interno dei paesi sopra descritti, o su qualsiasi altra terra non ceduta o acquistata da noi... di allontanarsi immediatamente da tali insediamenti”.

Risposte coloniali

Come accennato, uno dei motivi della Proclamazione del 1763 era quello di prevenire ulteriori antagonismi e conflitti con le tribù dei nativi americani. Lo ha fatto creando, in effetti, una forma di titolo nativo.

Secondo i termini della proclamazione, le regioni occidentali erano riservate alle tribù native, con diritti di caccia e pesca concessi a tribù specifiche a seconda della regione. Ai coloni era vietato invadere questa terra, impossessarsene o stabilirsi su di essa. A coloro che si erano già spostati verso ovest fu ordinato di tornare.

Nonostante il suo valido ragionamento, la Proclamazione del 1763 fu fortemente osteggiata nelle 13 colonie. Non solo vanificò le ambizioni degli speculatori fondiari e dei coloni, ma deluse anche i veterani della guerra franco-indiana, ad alcuni dei quali era stata promessa terra nell'ovest per il loro servizio. La proclamazione limitò anche il commercio coloniale con i nativi americani nella regione.

L'area in questione era così vasta e la presenza militare britannica così trascurabile che molti scelsero di ignorare la proclamazione e di spostarsi comunque a ovest. Si stima che circa 30,000 coloni oltrepassarono il confine e si stabilirono nei cinque anni successivi. Gli speculatori fondiari, che richiedevano l'approvazione delle concessioni di proprietà, ebbero meno successo nel perseguire le loro pretese.

annuncio di 1763

1. La Proclamazione del 1763 fu un decreto reale emesso dal re Giorgio III per amministrare e regolare i territori occidentali conquistati durante la guerra franco-indiana.

2. La Gran Bretagna aveva acquisito una vasta quantità di terra a ovest degli Appalachi fino al fiume Mississippi. Questo territorio esercitava una grande attrazione sui coloni e sugli speculatori fondiari nelle 13 colonie.

3. Di fronte alla prospettiva di insediamenti sfrenati e di potenziali conflitti tra coloni e nativi americani, la proclamazione limitò il movimento a ovest degli Appalachi.

4. La proclamazione doveva essere una misura temporanea mentre veniva formulata una migliore politica coloniale. Tuttavia, incontrò una forte opposizione nelle 13 colonie.

5. Incontrò una forte opposizione da parte di molti nelle colonie. La limitata presenza britannica e il vasto territorio interessato incoraggiarono molti a ignorarlo e a trasferirsi comunque a ovest.

Informazioni sulla citazione
Titolo: “La proclamazione del 1763”
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/proclamation-of-1763
Data di pubblicazione: Luglio 15, 2019
Data di aggiornamento: 21 Novembre 2023
Data di accesso: 25 aprile 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.