The Sugar Act

atto di zucchero
Un cartone animato britannico che si oppone allo Sugar Act

Dopo la guerra francese e indiana, il parlamento britannico iniziò un programma di revisione e aggiornamento dei suoi numerosi articoli legislativi relativi al commercio verso, da e all'interno delle colonie americane. Uno dei primi statuti esaminati fu lo Sugar and Molasses Act, che era in vigore dal 1733; questo atto imponeva un dazio di sei pence per gallone su tutti i melassi importati dalle Indie occidentali francesi, al fine di rendere i melassi britannici più economici e quindi più attraenti. Con la melassa utilizzata nella produzione di rum, si trattava di un prodotto importante e venduto pesantemente nelle colonie, quindi i commercianti americani non erano contrari a evitare il dovere di sei centesimi contrabbandando melassa francese o corrompendo i funzionari doganali per farlo passare. Il parlamento ha deciso di eliminare la legislazione 1733 e sostituirla con una nuova legge: la legge sullo zucchero, approvata in aprile 1764.

Lo Sugar Act ha effettivamente ridotto il dazio doganale da sei pence a gallone a tre pence, al fine di rendere la tassa più appetibile; tuttavia imponeva anche nuovi dazi su una serie di altri beni importati da fonti non britanniche: vino, stoffa, indaco, caffè e altri. L'aspetto più significativo dello Sugar Act era che mirava a imporre la riscossione del dazio in modo più rigoroso: furono concesse richieste di assistenza ai funzionari doganali, fu aumentata la presenza della Royal Navy nelle acque americane e il ruolo della Marina nell'assistenza agli ufficiali doganali fu ampliato. L'impatto dello Sugar Act fu un declino del commercio tra le colonie americane e i mercanti stranieri; l'industria del rum nelle colonie declinò rapidamente mentre i commercianti americani non furono in grado di esportare materie prime ai loro acquirenti abituali nei Caraibi. L'economia coloniale, già in una sorta di recessione dopo la guerra, ha continuato a declinare ulteriormente. I mercanti nei porti americani sono stati i più colpiti mentre alcuni nelle assemblee hanno parlato di boicottaggio delle merci britanniche. L'atto ha provocato critiche al governo britannico; il fumetto mostrato sopra, Anti-saccaridi, ritrae il re Giorgio III e la regina Charlotte sorseggiando tè zuccherato mentre i loro soggetti se ne vanno senza.

“Le proteste coloniali contro l'atto hanno sottolineato tre punti principali. In primo luogo, c'erano obiezioni al continuo tentativo di fornire un monopolio a vantaggio dei piantatori delle Indie occidentali a scapito dei distillatori di rum nel New England. In secondo luogo, i coloni si opposero ai meccanismi di applicazione, che ritenevano violassero il principio del processo per giuria della common law inglese. Infine, è stato espresso il dubbio sul diritto del Parlamento di imporre tasse su persone che non erano rappresentate ".
Howell H. Gwin, storico

Informazioni sulla citazione
Titolo: "The Sugar Act"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/sugar-act/
Data di pubblicazione: Gennaio 11, 2015
Data di accesso: October 26, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.