La carta dei diritti

carta dei diritti
La carta dei diritti

Il Bill of Rights è stato approvato dal neo-costituito Congresso degli Stati Uniti.

Una preoccupazione significativa degli antifederalisti - e una che sostenevano con passione ed efficacia - era che la Costituzione non diceva nulla sulle libertà individuali. La protezione dei diritti naturali e della libertà di tutti gli uomini, così eloquentemente sposata nella Dichiarazione di Indipendenza, era notevolmente assente nella Costituzione. Sebbene stabilisse un sistema politico equilibrato e un governo del popolo, la Costituzione non diceva nulla di esplicito sulla protezione di coloro che era stata progettata per governare. Questo problema è diventato il più grande "punto critico" durante la ratifica. I federalisti affermarono che la protezione dei diritti era inerente a un tale sistema; che la separazione dei poteri non consentirebbe a nessuno dei tre rami del governo di violare i diritti. Alexander Hamilton è andato oltre e ha affermato che una dichiarazione dei diritti sarebbe una perdita di tempo, dal momento che la protezione delle libertà e dei diritti individuali era meglio lasciare alla common law. Un tale sistema, suggerì Hamilton, era molto più flessibile e adattabile dell'attribuzione di diritti nella Costituzione, dove sarebbero stati fissati. Tuttavia, molti non erano convinti che i loro diritti sarebbero stati protetti, il che mostra i sospetti che nutrivano sul nuovo sistema politico forgiato nel 1787. Se i poteri dei tre rami del governo potessero essere limitati dalla formulazione della Costituzione, allora potrebbe proteggere anche i diritti individuali.

La Costituzione fu ratificata a metà del 1788 senza alcun anticipo o accordo in materia di diritti, eppure continuò a creare dibattiti e critiche. È stato James Madison, responsabile di gran parte della Costituzione, il primo federalista di rilievo a cedere il passo a una proposta di Carta dei diritti. Parlando nel giugno 1789, Madison suggerì che, sebbene una ristrutturazione dell'intera Costituzione fosse troppo difficile, era disposto a prendere in considerazione l'idea di un emendamento: "Desidero che una porta aperta per considerare, per quanto riguarda l'incorporazione di quelle disposizioni per la sicurezza dei diritti, contro la quale credo che nessuna seria obiezione sia stata avanzata da nessuna classe dei nostri elettori. " È stato Madison che ha iniziato a redigere una serie di emendamenti proposti. Ha tratto il contenuto da tre fonti: i Two Treatises of Government di John Locke, l'inglese Bill of Rights (1689) e la più contemporanea Virginia Declaration of Rights (giugno 1776). In consultazione con altri, Madison redasse una serie di emendamenti proposti, presentandoli al Congresso nel giugno 1789. Il Congresso li passò agli stati per la ratifica, un processo che fu completato alla fine del 1791.

Il punto di vista di uno storico:
“La decisione di non includere un elenco di diritti individuali è stato un errore di giudizio da parte dei sostenitori della Costituzione che avrebbe conseguenze disastrose. Anche mentre il documento veniva finalizzato, diversi delegati di spicco chiesero che fosse tenuta una seconda convenzione costituzionale per correggere quelli che consideravano gravi difetti nel [documento] che stavano scrivendo. [Ma] era stato necessario uno sforzo straordinario da parte di molte persone per organizzare questo primo convegno e portarlo a una conclusione positiva. Una seconda convenzione potrebbe creare instabilità politica, persino caos ".
Richard E. Labunski

La Bill of Rights è una serie di dieci emendamenti alla Costituzione che protegge esplicitamente i diritti legali, civili e umani di tutti gli americani e dei visitatori negli Stati Uniti. Tra quelli specificamente protetti vi sono libertà di parola, stampa, religione, assemblea e petizione. I governi non possono imporre alla vita, alla libertà o alla proprietà degli individui se non è stato seguito il giusto processo di legge. Legalmente, le persone sono protette dal quarto, quinto e sesto emendamento: hanno il diritto a un processo con giuria, non possono essere detenuti senza accusa, non possono essere processati due volte per lo stesso crimine e hanno il diritto di non incriminarsi quando danno testimonianza. Controversamente, il secondo emendamento protegge anche il diritto di portare armi (negli 1780 considerato un'importante protezione civile contro governi oppressivi o eserciti permanenti). Il terzo emendamento impedisce al governo di alloggiare soldati nelle case private. Come si può vedere, molti aspetti della Bill of Rights derivano da rimostranze e imposizioni percepite durante gli 1760 e gli 1770.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La carta dei diritti"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/bill-of-rights/
Data di pubblicazione: Febbraio 28, 2015
Data di accesso: 29 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.