Citazioni - Colonial America

Questa pagina contiene una raccolta di citazioni della rivoluzione americana di leader rivoluzionari, figure contemporanee e storici di spicco, appartenenti all'America coloniale prima della rivoluzione. Queste citazioni sono state raccolte e compilate dagli autori di Alpha History. Se desideri contribuire con un preventivo interessante o utile, per favore contatta Alpha History.

“Su tutti i nuovi insediamenti che gli spagnoli fanno, la prima cosa che fanno è costruire una chiesa. La prima cosa che fanno gli olandesi ... è costruire loro un forte. Ma la prima cosa che fai in inglese ... è allestire una taverna o un bar. "
Thomas Walduck, 1708

“Considero Virginia come una costola presa dal lato della Gran Bretagna ... Mentre entrambi continuano a vivere sotto il contratto matrimoniale, questa Eva potrebbe prosperare fintanto che il suo Adamo prospererà. Qualunque serpente la indurrà a smarrirsi ecc. [Farà solo sì che] suo marito regni più strettamente su di lei ".
Alexander Spotswood, 1720

"Gli abitanti più meschini con la loro presenza costante generalmente formano la maggioranza e superano i gentiluomini, i mercanti e tutti i migliori abitanti!"
William Shirley negli incontri della città, 1747

“Per ogni scalpo di un indiano maschio portato dentro - £ 40. Per ogni scalpo di una donna indiana o di un indiano di età inferiore ai 12 anni - £ 20 ".
Taglie del Massachusetts per i nativi di Penobscot, 1753

"Nato e istruito in questo paese, mi vanto nel nome del britannico."
Re Giorgio III, 1760

“Il senso delle persone, signore, è una cosa importante. Non intendo la mafia ... intendo la gente mediocre dell'Inghilterra, il produttore, lo yeoman, il mercante, il gentiluomo di campagna ... Hanno il diritto di interferire nelle condizioni e nella condotta della nazione ".
Beckford, un parlamentare britannico, 1761

"È essenziale per il nostro interesse e la sicurezza delle nostre colonie che le diverse nazioni o tribù di indiani ... che vivono sotto la nostra protezione, non vengano molestate o disturbate".
Giorgio III, 1763