La convenzione di Filadelfia

convenzione di Philadelphia
L'interno di Independence Hall, a Filadelfia, sede della convention 1787

Le gravi difficoltà economiche della nazione, unite ai crescenti disordini nelle aree rurali, crearono molti discorsi tra le élite statali. C'era una particolare preoccupazione per le condizioni del commercio e del commercio, che non si erano ripresi dalla guerra e non mostravano segni di farlo. Potenti interessi della Virginia hanno richiesto un vertice intercoloniale per discutere su come risolvere i problemi: il risultato è stata la Convenzione di Annapolis di settembre 1786. Sebbene rappresentanti di soli cinque stati si siano presentati per questo incontro, c'è stato unanime accordo sul fatto che gli articoli della Confederazione necessitassero di essere riformati. I delegati di Annapolis, carenti di numeri sufficienti per apportare loro stessi modifiche autorevoli, hanno invece convocato un altro raduno di rappresentanti statali, questa volta a Filadelfia per 1787. Due dei presenti ad Annapolis, Alexander Hamilton e James Madison, avrebbero avuto ruoli cruciali nella nuova società.

Un totale di 55 delegati - fino ad ora conosciuti come i "Padri Fondatori" - si riunirono per quattro mesi nel periodo maggio-settembre 1787, riunendosi nello stesso edificio utilizzato dal secondo Congresso continentale per gran parte della guerra. Dopo aver eletto Washington per ricoprire il ruolo di presidente, i delegati hanno deciso all'inizio di tenere le loro riunioni a porte chiuse, non rilasciando verbali o registrazioni, richiedendo a tutti i membri di prestare giuramento di segretezza e inviando guardie sulla porta per evitare intercettazioni. Fiduciosi di poter parlare onestamente e apertamente senza che le loro parole fossero riportate o riportate in modo errato, i delegati hanno iniziato a discutere del futuro della nazione. Una delle loro prime conclusioni fu che gli articoli erano troppo larghi e troppo viziati per essere effettivamente modificati; si è deciso di eliminarli e creare un nuovo quadro politico scritto. I loro stati non avevano dato loro istruzioni per prendere una misura così radicale, e gli stessi articoli richiedevano una maggioranza di due terzi degli stati per avviare qualsiasi cambiamento. Tuttavia molti nella convenzione non vedevano alternative: se gli articoli erano alla radice dei loro problemi, il loro abbandono era necessario per il bene pubblico.

“Guardando indietro, potremmo sostenere che le terribili previsioni dei padri fondatori e il senso di morte imminente erano esagerati. Forse la ripresa della nazione dalla depressione economica del dopoguerra è stata semplicemente lenta, non impossibile. Forse un compromesso che forniva fondi al governo [nazionale] in modo che potesse onorare i suoi debiti sarebbe stato finalmente risolto. Forse gli stati, stanchi di litigare e sabotarsi a vicenda, avrebbero ravvivato politiche di cooperazione in materia di commercio e commercio. Forse gli agricoltori dell'entroterra avrebbero abbandonato l'azione diretta a favore dei processi più lenti di riforma legislativa. [Ma] il nostro lavoro è comprendere le motivazioni e le azioni dei personaggi storici, e per fare questo dobbiamo iniziare dalle loro percezioni del loro presente e del loro futuro ".
Carol Berkin, storica

Dopo aver abbandonato gli articoli a favore di un nuovo documento, la Convenzione ha cominciato a considerare che tipo di nuovo sistema politico potesse essere. Individui e fazioni all'interno della Convenzione iniziarono a presentare i propri piani per un sistema di governo, ognuno chiamato per uno stato o l'individuo che lo aveva ideato: il Piano del New Jersey, il Piano Virginia, il Piano Hamilton, il Piano Dickinson. Ognuno è stato letto, spiegato, interrogato, discusso e dibattuto accanitamente; sono stati proposti scenari e sono state considerate le implicazioni legali (poiché più di due terzi dei delegati erano avvocati, erano estremamente qualificati per questo). Il Virginia Plan, quasi interamente scritto da James Madison, è stato accettato come il miglior modello governativo offerto, ma non è stato accettato incondizionatamente. Molti aspetti della Costituzione riflettono in realtà una serie di compromessi tra interessi concorrenti: potere nazionale contro potere statale, stati più grandi contro stati più piccoli, nord contro sud, città contro campagna, coloro che desiderano che la schiavitù duri contro coloro che desiderano che finisca. La capacità della Convenzione di bilanciare questi diversi interessi è, per molti aspetti, l'aspetto più ingegnoso della Costituzione.

Molto è stato scritto e teorizzato sui 55 delegati, sul loro background, sulla loro condizione economica e sull'impatto che questo potrebbe avere sulla Costituzione che hanno creato. L'allora controverso testo di Charles Beard del 1913 An Economic Interpretation of the Constitution ipotizzava che, poiché i Padri Fondatori erano tutti membri della ricca élite, il loro interesse economico era un fattore motivante dietro la Costituzione, consapevolmente o meno. È certamente vero che tutti erano maschi bianchi benestanti, quasi tutti erano ben istruiti e ricoprivano una sorta di carica pubblica a livello statale o locale. La maggioranza era piuttosto giovane, tra i 30 ei 40 anni, con le eccezioni degne di nota Washington (55) e Benjamin Franklin (81). Alcuni erano aperti a sostenere la schiavitù e alcuni, come Washington, possedevano effettivamente schiavi; tuttavia, c'era anche un piccolo gruppo abolizionista tra i delegati che avrebbe preferito vedere messa fuori legge la schiavitù.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La convenzione di Filadelfia"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/philadelphia-convention/
Data di pubblicazione: Febbraio 23, 2015
Data di accesso: Dicembre 05, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.