I compiti di Townshend

doveri di townshend
'A Society of Patriotic Ladies' firma una petizione di protesta contro i doveri di Townshend

I dazi di Townshend, più formalmente conosciuti come Revenue Act, erano un elemento della legislazione britannica approvata nel giugno 1767. Come suggerisce il nome, era un altro tentativo di riscuotere entrate dal Nord America. Lo ha fatto introducendo dazi doganali su una serie di articoli importati nelle colonie americane. Si prevedeva che i dazi di Townshend avrebbero raccolto circa £ 40,000 all'anno, da mantenere nelle colonie per finanziare sia i funzionari militari che quelli reali. Invece, i nuovi dazi hanno generato ancora più opposizione, critiche e inadempienze, diventando quasi inapplicabili.

Carlo Townshend

L'architetto di questa nuova legislazione sulle entrate fu Charles Townshend. Figlio di un aristocratico minore, Townshend era stato eletto alla Camera dei Comuni quasi immediatamente dopo la sua laurea a Cambridge, all'età di 22 anni.

Nonostante la sua inesperienza, Townshend attirò l'attenzione per la sua intelligenza e il suo modo erudito di parlare in pubblico. Era ben informato, laborioso e ambizioso, ma anche determinato e non aveva paura di criticare gli altri. Di conseguenza, Townshend divenne una figura politica piuttosto controversa.

Nel 1748, Townshend ottenne l'appartenenza al Board of Trade, il comitato parlamentare responsabile della supervisione di tutti gli aspetti del commercio estero e del commercio, comprese le questioni coloniali. Ciò attirò l'attenzione di Townshend sulle colonie americane, che divennero un punto focale della sua carriera.

Townshend il intransigente

Per quanto riguardava l’America coloniale, Charles Townshend era un noto intransigente. Dall’inizio degli anni Cinquanta del Settecento gli era stato concesso di pagare governatori e giudici coloniali direttamente dalla Gran Bretagna, liberandoli così dalle catene della schiavitù. assemblee coloniali.

Townshend considerava essenziale la guarnigione delle truppe in America e credeva che gli stessi americani dovessero contribuire alle spese. Mentre era nel Board of Trade, Townshend aveva sostenuto il Sugar Act ed Stamp Act, opponendosi poi all'abrogazione di quest'ultima.

Nell'agosto 1766, nuovo primo ministro William Pitt fece di Townshend il suo Cancelliere dello Scacchiere. Sebbene Pitt fosse un sostenitore dei diritti coloniali, era afflitto da cattive condizioni di salute, dando a Townshend una sorta di mano libera per rimodellare la politica coloniale. Ora responsabile del Tesoro, una delle promesse di Townshend era quella di ottenere maggiori entrate dall’America.

Sviluppare una strategia

Quando salì al governo, Townshend iniziò a considerare il metodo migliore per governare e finanziare l'America britannica. Lo fece attraverso ricerche e interviste meticolose, studiando i costi del dispiegamento militare britannico in corso, come funzionava l’economia coloniale, come venivano pagati i funzionari reali e gli agenti doganali e le risposte coloniali allo Sugar and Stamp Act.

L’obiettivo di Townshend era quello di ideare una strategia che potesse spremere le entrate dalle colonie senza causare disagi o un’opposizione diffusa. Mentre intraprendeva questo, fu supportato dal noto economista scozzese Adam Smith. Anche Townshend ha avuto una discussione prolungata con Benjamin Franklin, il quale suggerì che mentre gli americani si opponevano alle tasse esterne, la maggior parte non si sarebbe opposta ai dazi commerciali britannici. Questo è raccontato dallo storico John Philip Reid:

“Un diario di un membro riporta che Franklin fece tre affermazioni. 1. Che gli americani in generale non hanno mai contestato il potere di controllo di questo regno per regolare i loro commerci. 2. Sarebbe contestato questo regolamento accompagnato da un'imposta interna. 3. Che non si opporrebbero ad un dazio imposto sulle importazioni, considerando il mare come appartenente alla Gran Bretagna.

Dopo mesi di riflessione, Townshend trovò una soluzione per la questione americana che prevedeva l’estrazione delle entrate attraverso una serie di dazi all’importazione piuttosto che la tassazione diretta sulle colonie.

La legge sulle entrate

La legislazione elaborata da Townshend implementerebbe la tassazione di nascosto imponendo dazi doganali su una varietà di articoli importanti ma comuni, come carta, vernice, olio, vetro, tè e piombo. La fattura conteneva un elenco ampio e abbastanza specifico di articoli soggetti a imposta e degli importi da pagare su di essi.

Questi dazi, secondo la stima di Townshend, farebbero raccogliere 40,000 sterline all’anno. Tutto il reddito raccolto ai sensi della legge sarebbe considerato “sterlina della Gran Bretagna”. Verrebbe utilizzato per finanziare “l’amministrazione della giustizia e il sostegno del governo civile in dette colonie” e “per sostenere le spese di difesa, protezione e messa in sicurezza” delle colonie.

La legislazione di Townshend ha inoltre stabilito misure più severe per la riscossione. Ha istituito tre nuovi tribunali del vice-ammiragliato a Boston, Filadelfia e Charleston. L'atto autorizzava anche atti di assistenza, conferendo ai funzionari doganali l'autorità legale di perquisire e sequestrare navi o edifici privati.

Obiezioni coloniali

Il punto di vista di Townshend era che il Revenue Act avrebbe suscitato lamentele da parte di commercianti e commercianti che ne sarebbero stati direttamente colpiti, ma che per il resto sarebbero stati generalmente accettati. Si è trattato di un idealismo pieno di speranza o di un allarmante errore di calcolo.

Nelle colonie, l’elemento più preoccupante non erano i nuovi dazi ma come sarebbero andati. Usare le entrate per finanziare i funzionari reali altererebbe drasticamente gli equilibri di potere in America. Con le assemblee coloniali private del controllo sui loro salari, i governatori reali e i giudici lealisti sarebbero liberi di imporre le politiche britanniche senza limiti o restrizioni.

La legislazione richiedeva inoltre che i dazi di Townshend fossero pagati utilizzando monete metalliche o moneta forte. Nelle colonie esisteva già una grave carenza di questo tipo, aggravata dal Valuta Act del Parlamento l’anno precedente. Gli atti di Townshend estesero il problema delle monete d'oro e d'argento spostate dalle mani coloniali alla Gran Bretagna o ai suoi agenti.

C'era anche una forte opposizione all'espansione dei tribunali del vice-ammiragliato e agli atti di assistenza. Entrambi erano ampiamente disprezzati nelle colonie, dove erano visti come strumenti del potere arbitrario britannico. In entrambi i casi, questo potere era spesso posto nelle mani di uomini inferiori, corrotti o brutali.

Lettere da un contadino

Le reazioni coloniali furono più veementi e diffuse di quanto Townshend e i suoi alleati si aspettassero. L'opposizione fu forte tra le classi mercantili, ma ad esse si unirono anche altre che riconoscevano i pericoli che questa legislazione comportava per l'autonomia coloniale.

Pubblicato alla fine del 1767, John Dickinsoni suoi famosi saggi Lettere di un contadino di Filadelfia furono uno stridente attacco ai dazi di Townshend e ai tentativi britannici di ricavare entrate dalle sue colonie americane. Dickinson non ha contestato l’autorità della Gran Bretagna nel regolare il commercio, ma l’uso improprio di tale potere per aumentare le entrate era, a suo avviso, incostituzionale:

“Il Parlamento possiede indiscutibilmente l’autorità legale per regolare il commercio della Gran Bretagna e di tutte le sue colonie. Tale autorità è essenziale per il rapporto tra la madrepatria e le sue colonie, e necessaria per il bene comune di tutti... Mai il Parlamento britannico, fino al periodo sopra menzionato, pensò di imporre dazi in America allo scopo di aumentare le entrate. … Questa la chiamo un’innovazione, e un’innovazione molto pericolosa”.

I saggi di Dickinson contribuirono alla creazione di un altro documento rivoluzionario di grande significato. Nel febbraio 1768, l'assemblea del Massachusetts pubblicò una dichiarazione sugli atti di Townshend redatti da Samuel Adams ed James Otis. In questo documento negavano anche la costituzionalità dei dazi, sostenendo che le colonie non potevano essere tassate da un organismo “separato [da loro] da un oceano di mille leghe”.

Boicottaggi e non importazione

La risposta organizzata più significativa ai dazi di Townshend sono stati il ​​boicottaggio e il mancato rispetto delle norme. Il modo migliore per protestare contro i dazi, sostenevano gli oppositori coloniali, era fermare o ridurre notevolmente l’importazione di merci britanniche. Si cercherebbero invece delle alternative; dove non potevano essere trovati, gli americani semplicemente ne facevano a meno.

Sons of Liberty le sezioni e i gruppi delle comunità locali si sono affrettati a firmare accordi in cui si impegnavano che tutti i firmatari si sarebbero rifiutati di acquistare beni britannici non essenziali o di trattare con commercianti che li avrebbero venduti. Uno dei primi e più famosi fu l’accordo di non importazione di Boston, organizzato in gran parte da Samuel Adams e firmato nell’agosto 1768.

Questa forma di protesta si estendeva ai raduni di donne, un gruppo che, fino a quel momento, era stato in gran parte escluso dalle attività politiche coloniali. Le donne erano viste come fondamentali per il movimento di non importazione perché consumavano beni di lusso britannici come vestiti o tè. Molti colonialisti si mobilitarono per firmare accordi di non importazione e così facendo si guadagnarono l’epiteto di “Figlie della Libertà”.

Anche i politici nelle assemblee coloniali appoggiarono i patti di non importazione, sostenendo le loro azioni mentre presentavano una petizione al Parlamento per abrogare le leggi di Townshend. Nelle strade sono aumentate anche le intimidazioni nei confronti dei funzionari doganali, che hanno portato ad un aumento delle tensioni e a episodi di violenza. IL Incidente 1768 coinvolgendo John Hancockè uno sloop Libertà fu causato, in parte, dalla rabbia diffusa nei confronti dei dazi di Townshend.

doveri di townshend

1. I dazi di Townshend furono introdotti nel Revenue Act, la legislazione britannica che mirava a estrarre 40,000 sterline all'anno dalle colonie americane attraverso dazi doganali.

2. I dazi furono ideati dal Cancelliere dello Scacchiere Charles Townshend, che da tempo sosteneva opinioni intransigenti sulle colonie e su come avrebbero dovuto essere governate e finanziate.

3. Il piano di Townshend era quello di utilizzare queste nuove entrate per pagare governatori, giudici e funzionari reali, liberandoli così dal controllo delle assemblee coloniali.

4. La riscossione dei nuovi dazi sarebbe supportata da tre nuovi tribunali del Vice-Ammiragliato nelle città portuali coloniali, insieme all'autorizzazione degli atti di assistenza.

5. La risposta coloniale ai dazi di Townshend fu ampia, caratterizzata principalmente da critiche scritte e accordi formali per boicottare l’importazione di merci britanniche soggette a dazi.

Informazioni sulla citazione
Titolo: “I doveri di Townshend”
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/townshend-duties
Data di pubblicazione: Luglio 15, 2019
Data di aggiornamento: 21 Novembre 2023
Data di accesso: 25 aprile 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.