Un elenco di commercianti non patriottici di Boston (1770)

Il Sons of Liberty e i comitati locali di non importazione pubblicavano regolarmente elenchi di mercanti e uomini d'affari coloniali che continuavano a commerciare con gli inglesi, nonostante i boicottaggi. Questo elenco di mercanti di Boston che continuarono a commerciare apparve nel febbraio 1770:

“Un elenco dei nomi di coloro che SENTIMENTI continuano a contrastare i SENTIMENTI UNITI del CORPO dei Mercanti in tutto il NORD AMERICA; importando merci britanniche contrarie all'accordo:

John Bernard, (in King-Street, di fronte alla testa di Vernon)

James McMasters (On Treat's Wharf)

Patrick McMasters (Di fronte al segno dell'Agnello)

John Mein (Di fronte al cavallo bianco; e in King-Street)

Nathaniel Rogers (Di fronte al signor Henderson, King Street)

William Jackson (At the Brazen Head, Cornhill vicino alla Town-House)

Theophilus Lillie (vicino alla sala riunioni del signor Pemberton, North-End)

John Taylor (Un po 'a nord del ponte levatoio)

Anne and Elizabeth Cummings (Di fronte alla vecchia casa di riunione in mattoni)

Israel Williams and Son (Commercianti nella città di Hatfield)

Henry Barnes (Commerciante nella città di Marlboro)

Deve evidentemente sembrare, importando merci britanniche contrarie all’Accordo, o rompendo il contratto con i Mercanti, che abbiano preferito il loro piccolo vantaggio privato al benessere dell’America… È quindi altamente corretto che il pubblico sappia chi in questo momento critico si sono sordidamente distaccati dall'interesse pubblico; e poiché saranno considerati nemici del loro paese da tutti coloro che gli sono sostenitori; quindi coloro che offrono loro il loro volto o i loro servizi devono aspettarsi di essere considerati nella stessa sgradevole luce.