I federalisti

federalisti
Un'edizione di Il Federalista, una serie di saggi pro-Costituzione pubblicati in 1786-87

La Costituzione fu presentata per il dibattito pubblico alla fine di settembre 1787 e gli interessati si formarono rapidamente in due gruppi. Gli individui che sostenevano la Costituzione divennero noti come Federalisti perché sostenevano un sistema di governo federale, come creato dalla Costituzione. I loro numeri ovviamente includevano gli uomini che avevano contribuito a ideare la Costituzione, come James Madison, Alexander Hamilton e Benjamin Franklin. Nonostante il suo ruolo teoricamente oggettivo come presidente della Convenzione, George Washington in seguito si fece notare e sostenne pubblicamente la Costituzione, un fattore che convinse molti americani a sostenerla.

Il punto di vista di uno storico:
“In molti modi [i federalisti] hanno fornito le basi intellettuali del governo americano. Per questo e per molti altri motivi, sia buoni che cattivi, tendiamo a credere a tutto ciò che hanno detto ... Hanno vinto, e i vincitori generalmente raccontano le storie. Erano intelligenti e articolati, il tipo di persone con cui gli storici tendono a identificarsi e quindi a fidarsi ... Ma i federalisti controllavano anche i documenti da cui dipendono gli storici. Possedevano la maggior parte dei giornali. A volte pagavano coloro che prendevano appunti sui dibattiti dell'assemblea o sovvenzionavano la pubblicazione delle trascrizioni. In alcuni luoghi hanno bloccato la circolazione di letteratura critica nei confronti della Costituzione ... Non stavano cercando di distorcere la storia [ma] stavano lottando per vincere una battaglia molto dura per conto di ciò che intendono come il benessere della nazione ".
Pauline Maier

Gli argomenti dei federalisti erano incentrati sulle grandi innovazioni della Costituzione e su come avrebbe giovato piuttosto che messo in pericolo la nazione. Come Thomas Paine hanno usato la polemica per vendere i vantaggi del loro sistema preferito. I Federalist Papers, una serie di saggi sotto lo pseudonimo di "Publius" ma in realtà scritti da Madison, Hamilton e John Jay, apparvero a New York nel 1788 e spiegarono chiaramente perché la ratifica dovrebbe avvenire. Hanno enunciato che la Costituzione sarebbe stata la legge suprema del paese, trascendendo tutte le altre leggi e limitando severamente il potere dei potenziali tiranni. Si sono concentrati sulla sovranità popolare e hanno discusso di come il popolo sarebbe stato rappresentato e protetto meglio di prima. Hanno istruito i lettori su controlli ed equilibri e hanno spiegato che sotto il loro sistema la tirannia, l'oppressione militare, la restrizione delle libertà e la tassazione eccessiva sarebbero estremamente difficili, se non impossibili.

Quando fu proposta l'idea di una proposta di legge, i federalisti risposero con indifferenza o con calma accettazione che una tale misura potesse essere necessaria. Alexander Hamilton, tuttavia, scrisse il Federalista numero 84 che fece una campagna contro tale legge; la sua argomentazione era che l'enunciazione di specifici diritti individuali significherebbe che sono solo i diritti che gli individui finirebbero. Hamilton pensava che la costituzione e il suo preambolo fossero più che adeguati per proteggere i diritti:

[Secondo la Costituzione] il popolo non rinuncia a nulla e, trattenendo tutto, non ha bisogno di particolari riserve. "Noi popolo degli Stati Uniti, per garantire le benedizioni della libertà a noi stessi e alla nostra posterità, ordiniamo e stabiliamo questa costituzione per gli Stati Uniti d'America". Ecco un riconoscimento migliore dei diritti popolari rispetto ai volumi di quei detti che compongono molti dei nostri progetti di legge statali, e che suonerebbero molto meglio in un trattato di etica che in una costituzione di governo ...

John Jay, il terzo autore dei Federalist Papers, scrisse solo cinque degli 85 pubblicati. Tuttavia, la sua formazione legale è stata significativa nel lancio di una difesa della posizione federalista.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "I federalisti"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/federalists/
Data di pubblicazione: Febbraio 27, 2015
Data di accesso: 13 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.