Governo coloniale

governo coloniale
L'interno della casa di Burgesses, l'assemblea coloniale della Virginia

Un problema critico alla base della rivoluzione americana era il potere. Chi aveva il potere di governare e approvare leggi che interessano le colonie britanniche in America. Per capirlo, bisogna capire la natura del governo coloniale e il rapporto tra la Gran Bretagna e le sue colonie americane.

Viste contrastanti

Secondo la prospettiva britannica, tutte le colonie erano soggette a leggi e politiche approvate dal parlamento britannico e dal loro monarca, il re Giorgio III. Le colonie erano considerate politicamente subordinate al re e al parlamento. Non avevano l'autorità per rifiutare o ignorare le leggi britanniche.

I rivoluzionari americani vedevano il loro rapporto con la Gran Bretagna in modo diverso. L'evoluzione politica delle 13 colonie aveva favorito uno spirito indipendente tra i politici coloniali, che si erano abituati a prendere decisioni da soli. Alcuni si consideravano addirittura autorizzati all'autogoverno locale.

Le assemblee coloniali, credevano molti americani, avrebbero dovuto emanare leggi relative a questioni interne, come tasse e criminalità. Londra dovrebbe approvare e far rispettare le leggi relative alle questioni imperiali, come il commercio e la difesa.

Le realtà del colonialismo

Questa mentalità indipendente era un prodotto delle realtà del colonialismo, in particolare delle grandi distanze tra Gran Bretagna e America. Londra era semplicemente troppo lontana per gestire da vicino gli affari coloniali. Un messaggio, un ordine o una legge impiegavano da due settimane a tre mesi per attraversare l'Atlantico e alcune navi non arrivavano affatto.

Ciò richiedeva una qualche forma di governo coloniale. Nominalmente, questa responsabilità è stata data a un governatore reale. Il governatore di ogni colonia era nominato e agiva per conto della Corona.

Il governatore era certamente la figura più potente della colonia, ma buona parte del suo potere era teorico piuttosto che reale. Gli stipendi e le spese del governatore furono aumentati dall'assemblea coloniale - e queste assemblee non furono contrarie a trattenere i pagamenti per forzare la conformità del governatore.

Nel corso del tempo, l'autorità dei governatori reali diminuì e le assemblee coloniali - gruppi di coloni eletti da una franchigia limitata, come la Virginia House of Burgesses - assunsero una buona parte del potere. Gli uomini che sedevano in queste assemblee arrivarono a pensare di essere il governo. Credevano che il potere legislativo sulla colonia fosse nelle loro mani mentre il parlamento britannico si occupava delle questioni interne britanniche e degli affari dell'impero.

Distrazioni imperiali

Inoltre, i governanti britannici avevano trascorso gran parte del 1600 e del 1700 in concorrenza con il loro impero rivale: la Francia. Quattro volte questa rivalità era sfociata in una guerra aperta, che naturalmente ha distolto l'attenzione dalla gestione coloniale e si è concentrata su questioni militari e navali.

Non che importasse. Le colonie americane erano, nel complesso, diventate un'entità autogestita, in grado di fornire risorse e arricchire l'impero senza molto coinvolgimento o intervento.

Il parlamento britannico fu felice di non intervenire mentre le colonie rimanevano produttive ed economicamente redditizie, così adottarono una politica di non interferenza, di lasciare che gli americani fossero. Questo approccio è stato successivamente definito "negligenza salutare" perché ha beneficiato entrambe le parti.

Atteggiamenti americani

La conseguenza di questa "salutare negligenza" fu che i coloni americani si convinsero, giustamente o no, di godere di un considerevole grado di autonomia politica.

I coloni che arrivavano in America erano sempre stati un lotto di mentalità indipendente e autosufficiente: attraversare l'Atlantico per stabilirsi era un'impresa intrepida nel 1700.

Anche i primi coloni avevano portato nozioni di indipendenza politica e autogoverno. Nel 1619, i coloni di Jamestown (Virginia) formarono la propria assemblea politica. Un anno dopo, i Mayflower Pilgrims of Plymouth (Massachusetts) hanno redatto un patto (promessa) per formare un "corpo politico civile" per il governo dei loro affari.

Dopo oltre un secolo di salutare abbandono e virtuale autogoverno, le nozioni di autonomia politica si erano rafforzate. Gli americani erano contenti di vivere sotto l'ombrello dell'impero britannico e orgogliosi di chiamare il re britannico il loro re, ma amavano anche il diritto di governare se stessi.

Il punto di vista di uno storico:
"I governatori che hanno sfidato l'assemblea con troppa forza o troppo spesso di solito hanno riscontrato che un'improvvisa e inspiegabile crisi di bilancio ha ritardato ... le loro indennità, mentre quelli che si piegavano ai desideri dell'assemblea potevano aspettarsi bonus sotto forma di denaro o concessioni di terra ... Mentre i governatori hanno appreso che il loro dopotutto le grandi potenze non erano così grandi, le assemblee in ogni colonia stavano facendo una scoperta opposta: potevano ampliare i loro poteri ben oltre l'intento del re. Hanno combattuto e ottenuto maggiore libertà dalla supervisione e dall'influenza del governatore, ottenendo il diritto di eleggere il proprio presidente dell'assemblea, stabilire le proprie regole procedurali, risolvere le elezioni contestate ... "
Carol Berkin

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Governo coloniale"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/colonial-government/
Data di pubblicazione: Gennaio 3, 2015
Data di accesso: 29 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.